Pubblicità

Suicidio, depressione, alcool (123033)

0
condivisioni

on . Postato in Dipendenze e Abusi | Letto 483 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Michela 18

Caro dottore,sono una ragazza normale che vive nella provincia di Bergamo. Purtroppo da qualche tempo ho iniziato a fare abuso di alcool e anche di ansiolitici. Ho provato 5 volte a suicidarmi, questo perchè ho una famiglia che mi picchia e mi insulta in continuazione e io non riesco a sopportarlo più, voglio farla finita. Ho chiesto aiuto ad una mia insegnante che in realtà è una psicologa ma non ha fatto granchè. Io non c'è la faccio più, ho bisogno veramente di una mano. Grazie mille. Michela

Cara Michela, la situazione che stai passando in questa fase della tua vita è davvero drammatica e il peso che ti porti sulle spalle è enorme, anche perché questi dovrebbero essere gli anni della spensierata adolescenza, in cui si sogna il futuro, si fanno progetti, si vivono intense amicizie, amori e spesso anche grandi delusioni. E questo penso faccia parte della tua normalità quotidiana (ti definisci infatti una ragazza normale), costellata però anche da conflitti e incomprensioni familiari che ti hanno portata a farti del male con l'uso combinato di alcool e ansiolitici, fino ad arrivare ai tentativi di suicidio, una modalità estrema di manifestare il tuo malessere e di chiedere aiuto. Sappi però che la sofferenza che ti ha accompagnata in tanti momenti e che vivi ancora quotidianamente, può diventare una risorsa importante e rappresentare non più un punto di arrivo senza alcuna via d'uscita, bensì un punto di partenza per l'arricchimento interiore della tua persona e per la costruzione di una vita futura in cui avrai fatto tesoro di tante brutte esperienze passate. Solo quando si è toccato il fondo ci si può veramente innalzare e prendere in mano le redini della nostra vita. Ora però non puoi sopportare da sola il peso di ciò che ti sta accadendo e ti invito a chiedere un aiuto esterno. Se hai avuto già un'esperienza con la tua insegnante-psicologa e non è andata come avresti desiderato, non devi scoraggiarti nel richiedere l'aiuto di un altro/a professionista, perché, sebbene la collega avrà agito sicuramente con competenza e professionalità, può darsi che ci siano stati altri elementi che hanno intralciato il buon esito del rapporto terapeutico. Prova quindi a rivolgerti ad un collega esterno alla tua scuola, ad esempio prenota un primo colloquio presso la ASL della tua zona o presso qualcun altro di cui hai sentito parlare bene, e non arrenderti nella ricerca della persona giusta. Perché prima che un professionista, lo psicologo è una persona come tutti, con la quale devi sentirti in sintonia già nei primi colloqui, per instaurare una relazione che sia davvero terapeutica e affinché tu possa trovare l'aiuto necessario per risolvere il tuo problema. I miei più sinceri auguri. Spero di esserti stato utile. Un saluto.

(risponde il Dott. Leonardo Roberti)

Pubblicato in data 10/09/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di abusi per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Podofobia

Una tra le paure meno conosciute sembra essere la podofobia ovvero la paura dei piedi. Il termine fobia (che in greco significa “paura” e “panico”)&n...

Pornografia

Per definire un materiale o contenuto con il termine di ‘pornografia’ è necessario che “una rappresentazione pubblica sia esplicitament...

Dipsomania

Per dipSomania si intende una patologia  caratterizzata da un irresistibile desiderio di ingerire bevande alcoliche. Per Dipsomania ( gr. δίψα "sete" e ...

News Letters

0
condivisioni