Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

(145637)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 228 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Wanda 27

Buongiorno, sono bulimica da 9 anni, ma da più di un anno a questa parte sto cercando di guarire. Non vomito da marzo (salvo qualche episodio). Adesso però ho altri timori: di perdere il controllo di me in altro modo, la pazzia, la morte improvvisa, la tragedia imminente. Inoltre, sento di non avere una metà, e a fine giornata mi sento una sopravvissuta, sono mentalmente stanca e agitata.

Ciao Wanda, smettere di vomitare non vuol dire che non soffri più di bulimia ma che stai controllando il desiderio di vomitare. Non tutte le persone che soffrono di bulimia vomitano. Questo tipo di problema è legato intimamente alla sfera emotiva, per cui il mio consiglio è quello di farti aiutare da un professionista. E' importante rendersi conto che a volte il primo passo per guarire è imparare a chiedere aiuto. Un gesto che ci impone il confronto con paura, vergogna, imbarazzo, aspettative, desideri. Un piccolo passo dai significati importanti e non può essere eluso con soluzioni fai da te che non risolvono il problema ma lo spostano solamente. Fatti coraggio, ce la puoi fare!

(Risponde il Dott. Massimo Giusti)

Pubblicato in data 31/01/2011
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Disturbi alimentari per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

La proiezione

La proiezione è un meccanismo di difesa arcaico e primitivo che consiste nello spostare sentimenti o caratteristiche proprie, o parti del Sè, su altri oggetti o...

News Letters

0
condivisioni