Pubblicità

Pornografia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 7491 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (4 Voti)

Per definire un materiale o contenuto con il termine di ‘pornografia’ è necessario che “una rappresentazione pubblica sia esplicitamente sessuale per essere pornografica, ma non sufficiente”.

pornografiaIl termine pornografia è un composto del sostantivo “pornè”, che indica le prostitute, e del verbo gràphein, che significa l’atto di scrivere o rappresentare.

Per definire un materiale o contenuto con il termine di ‘pornografia’ è necessario che “una rappresentazione pubblica sia esplicitamente sessuale per essere pornografica, ma non sufficiente”.

Alla voce pornografia dell’Encyclopedia of Etichs, questa è così definita:

“una rappresentazione sessuale cruda o esplicita è ‘pornografica’ se l’autore ha l’intenzione di stimolare o eccitare sessualmente il consumatore”.

Da un punto di vista psicologico, negli ultimi decenni, il dibattito scientifico si è focalizzato su una specifica questione, ossia se la visione o meno di materiale pornografico produca effetti deleteri a livello individuale e/o sociale, come ad esempio una maggiore opinione negativa nei confronti delle donne o un aumento dei crimini sessuali verso di esse.

In molti casi, i ricercatori che hanno cercato di indagare la relazione tra pornografia e conseguenze negative da essa scaturenti, erano anche spinti da motivazioni fortemente ideologiche; questo aspetto è bene sottolinearlo in quanto le prove scientifiche fornite difficilmente supportano tali conclusioni.

Non volendo assumere, nel presente articolo, una posizione univoca che rasenti uno schieramento drastico, verranno presentati brevemente due recenti studi che fanno luce sulla questione.

In un articolo pubblicato nel 2009 nell’ International Journal of Law and Psychiatry, Milton Diamond ha proposto una recensione di un ampio numeri di studi che hanno esplorato gli effetti negativi presunti della pornografia.

L’analisi dei risultati ha evidenziato che, semmai, è presente una relazione causale inversa tra un aumento del consumo di pornografia e la messa in atto di crimini sessuali.

Pubblicità

Se vi è un dissenso comune sulla pornografia è in relazione a qualsiasi materiale sessualmente esplicito che coinvolge bambini o minori nella produzione o consumo di materiale erotico.

Inoltre, le obiezioni sollevate rispetto alla pornografia, nascono da schemi idealistici che presumono come il consumo di essa leda l’immagine, sociale e morale delle donne.

Nessuna di queste obiezioni, in termini di causa ed effetto o di conseguenze negative, è stata riscontrata all’interno dei suddetti studi.

È stata successivamente effettuata un’altra revisione della letteratura che non sembra trovare alcun effetto socialmente negativo rispetto all’uso della pornografia.

Sorgono quindi spontanei alcuni quesiti: cosa avviene a livello individuale? Sono le donne terrorizzate dalla pornografia in generale? La pornografia fa insorgere dubbi circa la propria sessualità o modalità di relazionarsi sessualmente ad un partner? Gli uomini diventano mostri misogini visualizzando materiale pornografico? Sviluppano insicurezze debilitanti circa la grandezza del proprio pene alla vista di attori porno molto dotati?

Una risposta a tali quesiti è stata offerta dal contributo di Gert Martin Hald e Neil Malamuth nell’articolo intitolato “Effetti auto-percepiti del consumo di pornografia” (2008).

Nella loro indagine furono reclutati 688 giovani adulti danesi (316 uomini e 372 donne); dalle interviste effettuate, scoprirono che i soggetti interpretavano la visione di pornografia come benefica per la propria vita sessuale, per i propri atteggiamenti nei confronti del sesso, percezione e atteggiamenti verso i membri del sesso opposto, e soprattutto, verso la vita in generale.

Gli effetti benefici sono risultati statisticamente significativi per entrambi i sessi; una correlazione positiva è stata evidenziata tra la quantità di pornografia visionata e l’impatto dei benefici ottenuti.

Anche in questo caso, la correlazione positiva è stata riscontrata in entrambi i sessi; pertanto sembrerebbe che il promotore di tali benefici sia proprio guardare i porno.

Questi risultati non devono ovviamente essere interpretati come un favorire il consumo della pornografia, ma piuttosto un delineare risultati recenti riguardo questo dibattito.

L’unica cosa che potrebbe essere utile sottolineare è il fatto che la sola ideologia non potrà mai promuovere una prova scientifica convalidata.

 

Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: psicologia sessualità pornografia relazione di coppia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Due mondi diversi [16092338958…

  Morfea23, 21 anni     Da circa 4 mesi sto con un ragazzo totalmente  opposto al mondo in cui da sempre vivo, per situazione famil...

Autostima? [161290462495]

    Buonasera! vi scrivo perche' alla soglia dei 50 anni mi rendo conto di non aver mai portato a termine i molti progetti professionali e pers...

Genitori separati [16127752256…

Lalli, 57 anni     Buongiorno, spiego in breve la mia situazione, sono divorziata e convivo con mio figlio ed il mio compagno da 5 anni, il mio ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Spasmi affettivi

Gli spasmi affettivi sono manifestazioni caratterizzate dalla perdita temporanea di respiro conseguente ad una situazione di disagio o di rabbia del bambino. Q...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il termine ...

News Letters

0
condivisioni