Pubblicità

Volontà

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 3655 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

concetto di volontàIn psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come:
• Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri processi psichici;
• Una forma particolarmente differenziata dei processi istintivo-affettivi, cui partecipano anche le funzioni intellettive.

Il comportamento volontario, quindi, può essere il risultato del libero arbitrio, oppure, secondo altri modelli, può essere connesso al concetto di “motivazione”, ovvero è intenzionale, cioè è finalizzato all’azione volta a raggiungere determinati scopi.

L’analisi del processo volitivo consente di distinguere:
a) Una fase di scelta, influenzata dalle spinte istintivo-affettive e dalle rappresentazioni ideative;
b) Una fase di decisione;
c) Una fase di esecuzione.

Gli atti di volontà possono essere rivolti:
• All’interno, per esempio, per controllare pulsioni reattive;
• All’esterno, per mobilitare le azioni, volte al raggiungimento degli obiettivi. In questo caso, la volontà è influenzata dalle pulsioni e può persino automatizzarsi, attraverso l’abitudine a ripetere determinate strategie.

Pubblicità

Il termine è stato utilizzato per designare concetti abbastanza differenti, ma è, ormai, caduto in disuso, dal punto di vista scientifico, proprio per la difficoltà di darne una definizione univoca. Bisogna notare, comunque, che in ogni definizione di volontà è presente l'aspetto di controllo cosciente del comportamento e, spesso, quello di sforzo e di aspirazione. La cosiddetta forza di volontà è un'energia che compare naturalmente, quanto più la coscienza si svincola dalle influenze sociali e culturali. Questa forza, qualunque sia la sua modalità di espressione, ha una caratteristica: l'unicità, cioè appartiene solo all’individuo e ne determina il modo unico di comportarsi e rapportarsi con l’ambiente di appartenenza.

Le alterazioni della volontà sono ampiamente reperibili in molti disturbi psichici, sia come caratteristica temperamentale abnorme, sia come reazione patologica del comportamento, per cui si osservano: la caduta della volontà nei disturbi depressivi, specialmente in quelli endogeni (arresto melanconico), e nei disturbi schizofrenici, in cui la dissociazione ideo-affettiva coinvolge in pieno l’atto volontario (paralisi completa della volontà nella catatonia, ma anche tendenze oppositive illogiche, ecc.); l’incapacità di decidere negli ossessivi (compulsivi, coatti, psicastenici), o il loro essere schiavi della coazione a ripetere; improvvisi atti, anche caparbi e spesso inadeguati, nelle sindromi maniacali, ma anche in certe forme di epilessia temporale ed in varie forme di ritardo mentale.

 

Bibliografia:

• Enciclopedia del Sapere, Fabbri Editori.
• Enciclopedia Treccani.
• Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone.

 

(A cura della dottoressa Alice Fusella)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: volontà

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senza via di uscita 2 (1572361…

straniero66, 53 Vi ho già scritto in precedenza e ho avuto la vostra risposta “SENZA VIA DI USCITA (1571319488503)”. Continuo a stare male, attualmente io ...

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Area Professionale

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 40 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.40 (pubblicità professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo ...

Le parole della Psicologia

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

News Letters

0
condivisioni