Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Abulimia (124255)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 249 volte

Beatrice 18

Mi chiamo Beatrice, ho 18 anni, tempo fa sono stata obesa, ma grazie all'aiuto di tante persone ora sono una ragazza come tante, con qualche kg di troppo, ma nella norma. Il problema è che quando sto male mangio, mangio e non riesco a fermarmi e in questo momento sto malissimo. Sono stata lasciata dal mio ragazzo, che mi ha umiliata, minacciata, è tornato più volte dichiarandosi pentito, facendo del sesso con me e lasciandomi di nuovo. Vorrei non cercarlo più, ma lo amo e sto male e intanto mangio. Per favore, vi chiedo aiuto. Non so che cosa fare. Se lo sento e lo vedo sto bene al momento, ma poi sto male, se non lo cerco sto male lo stesso. E ogni volta che lo cerco ho paura che mi offenda, me ne ha dette di tutti i colori, ma allora cos'è che mi spinge ancora verso di lui?

Cara Beatrice, assai spesso soffochiamo i problemi sentimentali nel cibo, mangiando e così riempendo il vuoto che sentiamo dentro. Ovviamente mangiare non basta, per cui si mangia ancor di più e il dolore resta. La mia impressione è che tu sia molto insicura, bisognosa di conferme, di sentire di piacere, sentirti desiderata. Tutti bisogni assolutamente comprensibili e comuni, che attualmente stai cercando di soddisfare con la persona sbagliata. Molto spesso i nostri occhi vedono ciò che vogliono vedere e non ciò che è reale. Quando dentro di noi vi è un bisogno forte, che vogliamo soddisfare, succede che quando incontriamo qualcuno che si mostra anche un po' gentile verso di noi tendiamo a credere che quella persona ci darà ciò che cerchiamo e cominciamo a vedere in quella persona tutto ciò che noi vogliamo vedere, rimanendo incapaci di credere che le cose stiano diversamente, restando legati a quell'idea che ci eravamo fatti tanto da sopportare offese e umiliazioni prima di cominciare a rendersi conto che forse era solo una nostra idea. Cos'è che ti spinge da questa persona? La tua idea di questa persona, il fatto che tu non vedi realmente ciò che c'è, ma ciò che ti piace di vedere e non vuoi assolutamente rinunciare a quest'idea fasulla che ti sei fatta. La paura di non trovare altri, di rimanere sola, il pensiero di dover ricominciare tutto da capo con un altro ragazzo, non sapere se e quando troverai un'altra persona. Tutte queste incertezze mettono ancora troppa paura. Detto ciò, però, la mia attenzione tende a spostarsi su altri aspetti di ciò che hai scritto, e cioè la tendenza a mangiare senza controllarti e il dolore sentimentale che provi. Da come hai descritto questi aspetti credo sinceramente che troveresti giovamento da una terapia. Dovresti proprio rivolgerti da uno psicologo in modo di approfondire il legame esistente tra cibo e sofferenza, lavorando sulla tua autostima, sulla tua capacità di separarti. Sono aspetti importanti, Beatrice, che attualmente ti stanno facendo soffrire, e proprio grazie alla tua giovane età potresti affrontare superandoli. Un saluto.

(risponde il Dott. Massimo Giusti)

Pubblicato in data 01/09/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Se è amore o amicizia con un r…

ALEXA1, 52     Salve sono Alexa ho 52 anni separata da 15, mi trovo ad affrontare una strana situazione da 9 mesi. ...

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

I gruppi Balint

I gruppi Balint iniziarono verso la fine degli anni ’40 quando fu chiesto a Michael e a Enid Balint di fornire ai medici generici una formazione psichiatrica pe...

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vi...

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è i...

News Letters