Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia (128313)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 86 volte

Cristina 35

Ho 35 anni e soffro di bulimia nervosa da 7 anni. Non avevo mai avuto problemi di questo tipo, poi la separazione dal mio ragazzo mi ha portato sull'orlo di una grossa crisi nervosa e il cui risultato finale fu che appena mangiavo mi veniva da vomitare. Negli ultimi anni ero riuscita a dimagrire notevolemente con una dieta dissociata (avevo perso quasi 15 kg) ma col tempo ho imparato che potevo abbuffarmi di tutto quello che volevo e ricorrere poi al vomito indotto. Inconsciamente ero soddisfatta: si era aperta una strada alla possibilità di rimanere in linea pur mangiando tutto quello che volevo. Ad oggi capisco che questo è per me un grosso problema dal quale non riesco a guarire da sola: da un lato la ricerca della forma perfetta che mi porta inesorabilmente a diminuire le quantità di cibo quotidianamente, dall'altro le continue abbuffate dettate dalla fame. Ho bisogno di aiuto! Vorrei riprendermi la mia vita poco alla volta, ricominciare a mangiare normalmente come tutti e so che per farlo ho bisogno di un aiuto tangibile, ma mi vergogno a chiederlo perchè sarebbe ammettere con tutti che ho un grave problema col cibo.

Cara Cristina, capisco il suo disagio, la sua voglia di prendere in mano la sua vita e penso che questi siano dei presupposti importanti da cui partire per cercare di risolvere il suo problema. Penso che, nella sua lettera, lei abbia toccato molti punti importanti e cruciali del suo problema! Lei parla della sua difficoltà a trovare il giusto equilibrio nelle prove della vita: da una parte c'è il desiderio di apparire perfette, dall'altra la rabbia verso ciò che proviene dal mondo e che non si riesce a gestire, che si traduce in un senso di vuoto e di mancanza di controllo. Parta dal presupposto che questa è la sua vita, che lei non ha obblighi verso le persone e che non deve ammettere agli altri il suo problema! Progressivamente dovrà cercare di distogliere l'attenzione verso il giudizio esterno e concentrarlo su ciò che sente dentro di sè, sui suoi bisogni: cosa traduce la sua fame irruenta? Cosa sfugge al controllo di Cristina? Cos'è che non le piace? Intanto le dico un piccolo esercizio da poter fare: può annotare su un quaderno come si sente prima delle abbuffate, quali sono le emozioni provate (per esempio rabbia, paura) e quelle provate dopo, così potrà definire megloio le sue emozioni legate al cibo. Io penso che sarebbe importante che lei iniziasse un percorso psicoterapico dove possa esplorare i suoi stati emotivi e capire i suoi effettivi bisogni: attraverso un percorso su di sé, guidata da uno specialista, lei potrà introdurre progressivamente tra ciò che prova e le abbuffate, un passaggio intermedio, che lei potrà utilizzare come sua risorsa per controllare la sua impulsività. Le consiglio una psicoterapia di stampo cognitivo-comportamentale: trovo questo approccio molto efficace, può fare una ricerca in internet oppure rivolgersi al reparto di endocrinologia o di psicologia clinica dell'ospedale della sua città. Così potrà iniziare a prendere in mano la sua vita ed a vivere meglio. Non abbia paura di farsi aiutare! Un abbraccio, tanti cari auguri per il suo futuro e mi riscriva, se le va!

(risponde la Dott.ssa Mariarosaria Infante)

Pubblicato in data 18/11/08

Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Confabulazioni

La confabulazione è un sintomo frequente in alcune malattie psichiatriche, dovuto alla falsificazione dei ricordi. Questa sintomatologia clinica è mostrata da ...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

Pedofilia

  Con il termine pedofilia si intende un disturbo della sessualità di tipo parafilico, caratterizzato da intensi e ricorrenti impulsi o fantasie sessuali ...

News Letters