Pubblicità

Bulimia (140845)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 188 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ines 31

Salve, sono una ragazza perennemente a dieta, o almeno ufficialmente sì, perchè di nascosto, quando non c'é nessuno in casa, mangio tutto ciò che trovo, senza sosta e senza provare ormai più piacere nell'assaporare i cibi. In passato ho attribuito questo mio disturbo alla mancanza di una persona al mio fianco, o meglio di ''quella'' persona. Ma oggi sono molto appagata dal punto di vista affettivo: ho accanto un uomo che amo e che mi ama, che mi trova bellissima, ma ugualmente non riesco a smettere. Puntualmente appena arriva l'inverno ritorno alle mie abbuffate, addirittura faccio la spesa e nascondo le cose che compro per poter poi mangiare chiusa nella mia stanza o quando non c'é nessuno. Ma poi mi pento, sto male con lo stomaco. In estate ho anche subito un intervento, ma soffro di stipsi per la presenza di un intestino lungo e pigro. Purtroppo non ho i mezzi economici per rivolgermi ad uno specialista, ma ho tanto bisogno di supporto ed aiuto e sinceramente non saprei nemmeno cosa chiedervi se non, semplicemente, aiuto!
Grazie.

Carissima Ines, è importante che tu riesca a chiedere aiuto a noi, significa che sei consapevole di avere un problema di salute condizionato da uno stato psicologico. Questa condizione è superabile con il giusto supporto di vari professionisti, e non necessariamente a pagamento, puoi rivolgerti al consultorio familiare del tuo comune, vedi su internet i recapiti o chiedi al tuo medico curante, dove potrai essere seguita e indirizzata a livello medico e psicologico, sicuramente potranno aiutarti! L'aiuto che ti posso dare io, in questa situazione, è spiegarti quello che ti succede: effettivamente sembra tu abbia un problema di bulimia con abbuffate, ovvero perdi il controllo del tuo corpo mangiando una quantità di cibo elevata in poco tempo per poi stare male, sia fisicamente sia moralmente, con senso di colpa e tristezza profonda. Questo problema può essere causato da una insicurezza a livello tuo personale, potrebbe aiutarti iniziare a ragionare sulle tue caratteristiche positive, su ciò che gli altri vedono in te di bello, ma non esteticamente, bensì interiormente. Hai tutto il mio appoggio e puoi contarci se ti servono suggerimenti, per ora ti consiglio il consultorio familiare. Un abbraccio.

(Risponde la Dott.ssa Baggieri Diana)

Pubblicato in data 17/12/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Anoressia/Bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Il Problem Solving

Il termine inglese problem solving indica il processo cognitivo messo in atto per analizzare la situazione problemica ed escogitare una soluzione. E’ un'attivit...

Il Cyber-Sex

La Cyber-Sex Addiction: pornografia, sesso in rete e dipendenza. Il termine Cyber-Sex, dall’inglese “sesso (Sex) cibernetico (Cybernetic), si riferisce all’att...

News Letters

0
condivisioni