Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia (140845)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 147 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ines 31

Salve, sono una ragazza perennemente a dieta, o almeno ufficialmente sì, perchè di nascosto, quando non c'é nessuno in casa, mangio tutto ciò che trovo, senza sosta e senza provare ormai più piacere nell'assaporare i cibi. In passato ho attribuito questo mio disturbo alla mancanza di una persona al mio fianco, o meglio di ''quella'' persona. Ma oggi sono molto appagata dal punto di vista affettivo: ho accanto un uomo che amo e che mi ama, che mi trova bellissima, ma ugualmente non riesco a smettere. Puntualmente appena arriva l'inverno ritorno alle mie abbuffate, addirittura faccio la spesa e nascondo le cose che compro per poter poi mangiare chiusa nella mia stanza o quando non c'é nessuno. Ma poi mi pento, sto male con lo stomaco. In estate ho anche subito un intervento, ma soffro di stipsi per la presenza di un intestino lungo e pigro. Purtroppo non ho i mezzi economici per rivolgermi ad uno specialista, ma ho tanto bisogno di supporto ed aiuto e sinceramente non saprei nemmeno cosa chiedervi se non, semplicemente, aiuto!
Grazie.

Carissima Ines, è importante che tu riesca a chiedere aiuto a noi, significa che sei consapevole di avere un problema di salute condizionato da uno stato psicologico. Questa condizione è superabile con il giusto supporto di vari professionisti, e non necessariamente a pagamento, puoi rivolgerti al consultorio familiare del tuo comune, vedi su internet i recapiti o chiedi al tuo medico curante, dove potrai essere seguita e indirizzata a livello medico e psicologico, sicuramente potranno aiutarti! L'aiuto che ti posso dare io, in questa situazione, è spiegarti quello che ti succede: effettivamente sembra tu abbia un problema di bulimia con abbuffate, ovvero perdi il controllo del tuo corpo mangiando una quantità di cibo elevata in poco tempo per poi stare male, sia fisicamente sia moralmente, con senso di colpa e tristezza profonda. Questo problema può essere causato da una insicurezza a livello tuo personale, potrebbe aiutarti iniziare a ragionare sulle tue caratteristiche positive, su ciò che gli altri vedono in te di bello, ma non esteticamente, bensì interiormente. Hai tutto il mio appoggio e puoi contarci se ti servono suggerimenti, per ora ti consiglio il consultorio familiare. Un abbraccio.

(Risponde la Dott.ssa Baggieri Diana)

Pubblicato in data 17/12/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Anoressia/Bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Decisione scolastica (15164313…

Simo, 45     Mio figlio fa la 5^ elem. Ora deve scegliere le medie dove farle. ...

Psicoterapia e problemi (15164…

Luna, 39     Si può continuare una psicoterapia pur se si è innamorati dal primo mese del proprio terapeuta? ...

Chiarimenti alla risposta del …

ALEXA1,52     Sono Alexa nel ringraziarla per la sua risposta dottore vorrei se fosse possibile chiarimenti poichè se fosse solo amicizia la nost...

Area Professionale

L'infanzia abusata, pedofilia …

La fenomenologia degli abusi e dei danni all’infanzia (child abuse) interessa molteplici aspetti psicologici, emozionali e relazionali che compongono il quadro ...

Sistema Tessera Sanitaria

L’articolo 1 del DM 01.09.2016 ha previsto che anche gli psicologi iscritti all’Albo, secondo quanto stabilito dalla Legge 56/1989, dovranno effettuare la trasm...

Salute e sicurezza negli Studi…

  A fare chiarezza sugli adempimenti e sugli obblighi in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro negli studi professionali, è intervenuta già...

Le parole della Psicologia

Personalità

“Esistono bisogni emotivi primitivi, esistono bisogni di evitare la punizione e di conservare il favore del gruppo sociale, esistono bisogni di mantenere l’armo...

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vi...

News Letters