Pubblicità

Bulimia (153968 )

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 196 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Alessia , 17

 

Gentile Dottore,
ho 17 anni e dall'età di 13 anni ho cominciato ad avere disturbi dell'alimentazione.
Due anni fa pensavo di esserne uscita realmente, ma ultimamente il problema sembra ritornare spesso. Mi vedo sempre grassa e più mi guardo allo specchio più mi faccio schifo, più mangio e subito dopo pochi minuti arriva il senso di colpa, accompagnato da vomito.
Tutta la mia giornata in alcuni giorni si sviluppa cosi, mentre altri giorni sto bene.
Vivo con il fiato sul collo perchè non so cosa mi aspetta il giorno dopo.
La mia situazione familiare è normale. In casa alcune volte avvengono discussioni, ma cose risolvibili. Entrambi i miei genitori lavorano, mia sorella va a scuola e l'altra mia sorella è sposata con figli. Passo le mie giornate a casa sola e la sera a farmi compagnia c'è il mio ragazzo.
Io ho paura che la nostra relazione possa interrompersi per questo mio problema. Ho vergogna a farmi vedere nuda, l'arrivo dell'estate e delle vacanze, dei pomeriggi in piscina, per me è un incubo!
Due anni fa sono stata da una psicologa ma ad essere sincera il mio problema non si è risolto.
Vorrei uscirne, stare bene. Ho solo 17 anni e ho paura che per tutta la mia vita dovrò convivere con questo problema.
Grazie per l'ascolto.
Alessia

Cara Alessia,
da quanto mi riferisci la tua attenzione è dedicata molto alla forma fisica, sostieni di non piacerti. Adesso bisognerebbe capire se non ti piaci solo perchè ti vedi grassa oppure perchè c'è anche qualche difetto nel tuo corpo che vedi e che non ti rende soddisfatta.
Ad ogni modo la risposta alla tua delusione è il mangiare? non capisco come tu riesca a passare dalla sensazione di non piacerti a quella di mangiare? Forse è il metodo che usi per gestire l'emozione negativa? Forse in questo caso dovresti cercare altre strategie per affrontare le sensazioni negative di cui stavamo parlando.
Infine ti volevo rispondere riguardo la consulenza Psicologica di cui avevi accennato. Il problema è che l'unico approccio efficace per i disturbi del comportamento alimentare è quallo cognitivo comportamentale inoltre è un intervento talmente specialistico che richiede l'intervento di molti professionisti, molte clinice sono specifiche per l'intervento sui disturbi alimentari, ti consiglio di rivolgerti ad una di queste.
Saluti, Mirko

 

(Risponde il Dott. Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 14/11/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

L’adolescenza

L'adolescenza (dal latino adolescentia, derivato dal verbo adolescĕre, «crescere») è quel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato...

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. ...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

News Letters

0
condivisioni