Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia (153968 )

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 150 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Alessia , 17

 

Gentile Dottore,
ho 17 anni e dall'età di 13 anni ho cominciato ad avere disturbi dell'alimentazione.
Due anni fa pensavo di esserne uscita realmente, ma ultimamente il problema sembra ritornare spesso. Mi vedo sempre grassa e più mi guardo allo specchio più mi faccio schifo, più mangio e subito dopo pochi minuti arriva il senso di colpa, accompagnato da vomito.
Tutta la mia giornata in alcuni giorni si sviluppa cosi, mentre altri giorni sto bene.
Vivo con il fiato sul collo perchè non so cosa mi aspetta il giorno dopo.
La mia situazione familiare è normale. In casa alcune volte avvengono discussioni, ma cose risolvibili. Entrambi i miei genitori lavorano, mia sorella va a scuola e l'altra mia sorella è sposata con figli. Passo le mie giornate a casa sola e la sera a farmi compagnia c'è il mio ragazzo.
Io ho paura che la nostra relazione possa interrompersi per questo mio problema. Ho vergogna a farmi vedere nuda, l'arrivo dell'estate e delle vacanze, dei pomeriggi in piscina, per me è un incubo!
Due anni fa sono stata da una psicologa ma ad essere sincera il mio problema non si è risolto.
Vorrei uscirne, stare bene. Ho solo 17 anni e ho paura che per tutta la mia vita dovrò convivere con questo problema.
Grazie per l'ascolto.
Alessia

Cara Alessia,
da quanto mi riferisci la tua attenzione è dedicata molto alla forma fisica, sostieni di non piacerti. Adesso bisognerebbe capire se non ti piaci solo perchè ti vedi grassa oppure perchè c'è anche qualche difetto nel tuo corpo che vedi e che non ti rende soddisfatta.
Ad ogni modo la risposta alla tua delusione è il mangiare? non capisco come tu riesca a passare dalla sensazione di non piacerti a quella di mangiare? Forse è il metodo che usi per gestire l'emozione negativa? Forse in questo caso dovresti cercare altre strategie per affrontare le sensazioni negative di cui stavamo parlando.
Infine ti volevo rispondere riguardo la consulenza Psicologica di cui avevi accennato. Il problema è che l'unico approccio efficace per i disturbi del comportamento alimentare è quallo cognitivo comportamentale inoltre è un intervento talmente specialistico che richiede l'intervento di molti professionisti, molte clinice sono specifiche per l'intervento sui disturbi alimentari, ti consiglio di rivolgerti ad una di queste.
Saluti, Mirko

 

(Risponde il Dott. Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 14/11/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito confuso (1521708111477)

luisa, 48     Buongiorno, chiedo parere per mio marito 44 anni. Siamo sposati da 10 anni con bimbo di 9. Mi ha lasciata per una pausa di riflessi...

Che fare? (1520934157214)

Roberta, 26     Buongiorno, sto insieme al mio ragazzo da 5 anni e dopo alcuni alti e bassi, circa 6 mesi fa abbiamo deciso di provare a vivere i...

Amore non corrisposto (152165…

very, 19     Salve, le scrivo perchè non riesco a liberarmi di una persona... ...

Area Professionale

Obesità e Confine del Sé nel T…

In tutti i disturbi del comportamento alimentare, ed in particolare nell'obesità, troviamo le problematiche relative alla dimensione del dare/avere e del dentro...

La misura del cambiamento in p…

Il Test semiproiettivo I.Co.S. (Indice del Confine del Sé), in quanto strumento capace di rilevare efficacemente e dettagliatamente lo stile di gestione delle r...

La Psicoterapia Psicodinamica…

La prestigiosa rivista “The American Journal of Psychiatry” ha pubblicato nuovi dati meta-analitici che confermano come l'efficacia della psicoterapia psicodina...

Le parole della Psicologia

Spasmi affettivi

Gli spasmi affettivi sono manifestazioni caratterizzate dalla perdita temporanea di respiro conseguente ad una situazione di disagio o di rabbia del bambino. Q...

Frotteurismo

Il Frotteurismo è una parafilia consistente nell’impulso di toccare e strofinarsi contro persone non consenzienti, al fine di conseguire l’ec...

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

News Letters

0
condivisioni