Pubblicità

Bulimia (153968 )

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 374 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Alessia , 17

 

Gentile Dottore,
ho 17 anni e dall'età di 13 anni ho cominciato ad avere disturbi dell'alimentazione.
Due anni fa pensavo di esserne uscita realmente, ma ultimamente il problema sembra ritornare spesso. Mi vedo sempre grassa e più mi guardo allo specchio più mi faccio schifo, più mangio e subito dopo pochi minuti arriva il senso di colpa, accompagnato da vomito.
Tutta la mia giornata in alcuni giorni si sviluppa cosi, mentre altri giorni sto bene.
Vivo con il fiato sul collo perchè non so cosa mi aspetta il giorno dopo.
La mia situazione familiare è normale. In casa alcune volte avvengono discussioni, ma cose risolvibili. Entrambi i miei genitori lavorano, mia sorella va a scuola e l'altra mia sorella è sposata con figli. Passo le mie giornate a casa sola e la sera a farmi compagnia c'è il mio ragazzo.
Io ho paura che la nostra relazione possa interrompersi per questo mio problema. Ho vergogna a farmi vedere nuda, l'arrivo dell'estate e delle vacanze, dei pomeriggi in piscina, per me è un incubo!
Due anni fa sono stata da una psicologa ma ad essere sincera il mio problema non si è risolto.
Vorrei uscirne, stare bene. Ho solo 17 anni e ho paura che per tutta la mia vita dovrò convivere con questo problema.
Grazie per l'ascolto.
Alessia

Cara Alessia,
da quanto mi riferisci la tua attenzione è dedicata molto alla forma fisica, sostieni di non piacerti. Adesso bisognerebbe capire se non ti piaci solo perchè ti vedi grassa oppure perchè c'è anche qualche difetto nel tuo corpo che vedi e che non ti rende soddisfatta.
Ad ogni modo la risposta alla tua delusione è il mangiare? non capisco come tu riesca a passare dalla sensazione di non piacerti a quella di mangiare? Forse è il metodo che usi per gestire l'emozione negativa? Forse in questo caso dovresti cercare altre strategie per affrontare le sensazioni negative di cui stavamo parlando.
Infine ti volevo rispondere riguardo la consulenza Psicologica di cui avevi accennato. Il problema è che l'unico approccio efficace per i disturbi del comportamento alimentare è quallo cognitivo comportamentale inoltre è un intervento talmente specialistico che richiede l'intervento di molti professionisti, molte clinice sono specifiche per l'intervento sui disturbi alimentari, ti consiglio di rivolgerti ad una di queste.
Saluti, Mirko

 

(Risponde il Dott. Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 14/11/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le parole della Psicologia

Anoressia Nervosa

L'anoressia nervosa è un disturbo alimentare, caratterizzato da una consistente perdita di peso, disturbi dell'immagine corporea, timore di ingrassare e amenorr...

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o narcisisti...

News Letters

0
condivisioni