Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia (153968 )

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 143 volte


Alessia , 17

 

Gentile Dottore,
ho 17 anni e dall'età di 13 anni ho cominciato ad avere disturbi dell'alimentazione.
Due anni fa pensavo di esserne uscita realmente, ma ultimamente il problema sembra ritornare spesso. Mi vedo sempre grassa e più mi guardo allo specchio più mi faccio schifo, più mangio e subito dopo pochi minuti arriva il senso di colpa, accompagnato da vomito.
Tutta la mia giornata in alcuni giorni si sviluppa cosi, mentre altri giorni sto bene.
Vivo con il fiato sul collo perchè non so cosa mi aspetta il giorno dopo.
La mia situazione familiare è normale. In casa alcune volte avvengono discussioni, ma cose risolvibili. Entrambi i miei genitori lavorano, mia sorella va a scuola e l'altra mia sorella è sposata con figli. Passo le mie giornate a casa sola e la sera a farmi compagnia c'è il mio ragazzo.
Io ho paura che la nostra relazione possa interrompersi per questo mio problema. Ho vergogna a farmi vedere nuda, l'arrivo dell'estate e delle vacanze, dei pomeriggi in piscina, per me è un incubo!
Due anni fa sono stata da una psicologa ma ad essere sincera il mio problema non si è risolto.
Vorrei uscirne, stare bene. Ho solo 17 anni e ho paura che per tutta la mia vita dovrò convivere con questo problema.
Grazie per l'ascolto.
Alessia

Cara Alessia,
da quanto mi riferisci la tua attenzione è dedicata molto alla forma fisica, sostieni di non piacerti. Adesso bisognerebbe capire se non ti piaci solo perchè ti vedi grassa oppure perchè c'è anche qualche difetto nel tuo corpo che vedi e che non ti rende soddisfatta.
Ad ogni modo la risposta alla tua delusione è il mangiare? non capisco come tu riesca a passare dalla sensazione di non piacerti a quella di mangiare? Forse è il metodo che usi per gestire l'emozione negativa? Forse in questo caso dovresti cercare altre strategie per affrontare le sensazioni negative di cui stavamo parlando.
Infine ti volevo rispondere riguardo la consulenza Psicologica di cui avevi accennato. Il problema è che l'unico approccio efficace per i disturbi del comportamento alimentare è quallo cognitivo comportamentale inoltre è un intervento talmente specialistico che richiede l'intervento di molti professionisti, molte clinice sono specifiche per l'intervento sui disturbi alimentari, ti consiglio di rivolgerti ad una di queste.
Saluti, Mirko

 

(Risponde il Dott. Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 14/11/2012

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

matrimonio, figli, amante (151…

tosca, 35     Sono una donna sposata da solo un anno, ma la relazione dura da circa 10 anni. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Atassia

L’atassia è un disturbo della coordinazione dei movimenti che deriva da un deficit del controllo sensitivo. ...

gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata...

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

News Letters