Pubblicità

Credo di esser entrata nella bulimia (1473254009551)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 1165 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoUndisastro, 15

 

D

 

 

E' da un po' di giorni, o forse mesi, che dopo mangiato sento di dover vomitare. Non mi abbuffo troppo, ma nemmeno poco, insomma mangio in quantità anormali e in tempi poco distanziati.

Mi capita spesso di non voler mangiare, ma l'impulso di aprire il frigo  e mangiare la prima cosa che capita sottomano vince e mi lascio andare.
E' da circa un annetto che non ho autocontrollo sul cibo, ma non ne ho mai voluto parlare con nessuno, tanto meno con i miei genitori.

Spesso e volentieri mangio di nascosto da loro, perché beh, ecco, loro pensano che io sia grassa e se mi vedessero mangiare in tale maniera
penso che me ne direbbero di tutti i colori.

A giugno ho convinto però una mia amica a portarmi da una nutrizionista che mi ha diagnosticato una lieve obesità (63kg), dicendomi che il peso ideale e perfetto per la mia altezza (1m63cm) era 55 kg.

Inoltre mi ha consigliato una dieta e molto movimento, ho seguito ciò per giusto una settimana, e poi mi sono rilasciata andare al cibo.
Mi sento uno schifo ogni giorno e odio il mio corpo, spesso mi chiudo in  casa per giorni o per settimane, mi vergogno.

Non voglio che la gente veda questa me così grassa e così orrenda. Vorrei essere magrissima, ogni minuto nella mia testa vagano mille pensieri, e vi assicuro che non son belli.

Per un periodo ho sofferto di disturbi mentali, avevo pensieri suicidi ed ero autolesionista. La sensazione della lametta sulla pelle mi piaceva, era rilassante e mi calmava, fin quando non ho fatto un taglio profondo e di sangue ne è uscito talmente tanto che avevo paura di non farcela.
Allora dalla paura ho smesso..

Spesso avevo attacchi di panico e d'ansia, vedevo cose inesistenti, insomma avevo le allucinazioni ma stavo zitta, non ne parlavo con nessuno, se non con quei due o tre amici di cui mi fidavo ciecamente ma che alla fine si sono rivelate delle persone di m****.

Ora mi è passato, ma ho questo pensiero che mi turba e riesco a malapena  a dormire la notte.. Ho paura di esser bulimica.. o dovrei dire.. ho paura di aggravare la  situazione.. non voglio dare problemi a me stessa tanto meno ai miei genitori, ne hanno già molti per conto loro.

Ho paura di essere entrata a far parte di quest'incubo da cui non è  facile risvegliarsi.. Avevo bisogno di parlarne con qualcuno che mi capisse e non mi prendesse in giro per i miei problemi personali..

Vi ringrazio se leggerete e proverete a capirmi ma soprattutto se proverete a darmi qualche consiglio..
Capire e capirsi, così difficile ma così fondamentale.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

R 

 

Gentile utente, dalla descrizione che ha fornito sembra chiaro che deve tirare fuori (più che mettere dentro) ciò che prova, ma non è semplice farlo e probabilmente ha bisogno di essere ascoltata e nutrita di amore.

L’immagine corporea (non come sei ma come ti vedi) ha un forte impatto su come ci presentiamo e rapportiamo con gli altri e condiziona le nostre scelte.

Chi ha un’immagine corporea si sé svalutante e degradante, non si sente in grado di trovare amici od ottenere soddisfazioni, chi invece ha una buona immagine e sente di poter essere capace riesce ad avere delle ottime relazioni sociali, empatia, soddisfazioni questo per dire che sembra collegato a come sei, ma in realtà è connesso a come ti percepisci.

Per far questo è necessario riflettere su molti aspetti della propria vita e su cosa rappresenta il cibo, sembra strano ma non è il mangiare in se che non va bene…ma il valore che gli si attribuisce, cosa rappresenta. 

Più si capisce quale vuoto si prova a  colmare più ci si distacca e si convive con il vuoto. Si accetta, si modifica si contiene.  A volte parlare con uno psicologo può aiutare a capire i propri bisogni e superare i momento difficili. Prima di concludere vorrei trascrivere alcuni versi di Shakespeare sull’amore:

Quando si ama al massimo
delle nostre forze ,spesso
si rovina cio' che amiamo.

La parole contengono falsita'
e artifizi; E' nello sguardo
il linguaggio del cuore
evitate di esprimere giudizi,
poiche' tutti siamo peccatori

Rinuncia al tuo potere di attrarmi ed io
rinuncero' alla mia volonta' di seguirti.

Dubita che le stelle siano fatte di fuoco
dubita che il sole si muova
dubita che la verita' sia bugiarda
ma del mio amore non dubitare affatto

Se la musica e' il nutrimento dell'amore,
continua a cantare, dandomene in questo
modo senza alcun risparmio,in tal modo che,
ormai sazio,la mia fame si ammali e ne muoia.

 

A cura della Dottoressa Luisa Bonomi

 

Pubblicato in data 22/11/2016

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: disturbo alimentare

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

Sentimento

Il sentimento è quella risonanza affettiva, meno intensa della passione e più duratura dell’emozione, con cui il soggetto vive i suoi stati soggettivi e gli asp...

Controtransfert

“L’idea che il controtransfert rappresenti una creazione congiunta dell’analista e dell’analizzando riflette un movimento verso una concezione dell’analisi come...

News Letters

0
condivisioni