Pubblicità

Disordini alimentari (144965)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 391 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Chiara 26

Buongiorno, mi chiamo Chiara, ho 26 anni ed è da ormai da 6 anni che soffro di disordini alimentari. Ho episodi di abbuffate (la sera e lontano da "occhi indiscreti"dei miei famigliari). Spesso di mezzogiorno all'università non mangio o mangio poco, se sono a casa al contrario, mi abbuffo anche al mezzogiorno. Non ho mai vomitato a seguito delle mie abbuffate, ma non nego che il giorno dopo m'impongo il digiuno parziale (o mezzogiorno o sera) o consumo alimenti che non mi saziano, in alternativa, vado subito a correre per smaltire "l'eccesso". Alterno periodi in cui riesco a perdere i chili di troppo ma poi li recupero nel giro di 2-3 gg dovuto a questi episodi. Sono andata da una psicoterapeuta ma purtroppo non ho ancora risolto il mio problema e siccome questa mia situazione sta cominciando a gravare anche sui rapporti in famiglia e all'università, mi sto convincendo sempre di più che la migliore soluzione al mio problema sia il ricovero in un centro. Volevo chiederLe se anche lei ritiene che sia corretta questa soluzione o se sia eccessiva e se per caso anche Lei la ritiene una soluzione lecita, quali centri ritiene siano adeguati per il mio problema? Ioabito in provincia di Varese ma voglio risolvere questo problema e quindi disposta anche a spostarmi lontano da tutti. La ringrazio per la Sua attenzione

Cara Chiara, è positivo che tu riesca a percepire in modo così lucido il tuo problema, sicuramente perchè ti crea un grande disagio e vorresti uscirne una volta per tutte ed in fretta. Purtroppo, non è così semplice e rapido, la guarigione esiste e avverrà se persisti nel tuo percorso ma ci vogliono dei tempi non prevedibili. Quindi, è corretto proseguire con la psicoterapia e se vuoi avere anche altri pareri ed essere seguita in un centro organizzato sia dal punto di vista medico che psicologico ti consiglio di rivolgerti a strutture sanitarie pubbliche a disposizione per queste problematiche. Puoi chiedere al tuo medico di base se puoi essere ricoverata presso uno di questi centri che ti aiuteranno a trovare la giusta terapia per procedere nel tuo percorso. Mi sembra un'ottima idea e ti segnalo un centro per disordini alimentari a Piancavallo oppure presso l'ospedale San Paolo di Milano, ove c'è una divisione esclusiva che tratta i disordini alimentari. Ti auguro di trovare forza e coraggio di continuare così!

(Risponde la Dott.ssa Diana Baggieri)

Pubblicato in data 20/07/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Anoressia/Bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le parole della Psicologia

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

Percezione

Tradizionalmente, gli psicologi hanno distinto il modo nel quale noi riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate: Sensazione: riguarda i...

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

News Letters

0
condivisioni