Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disturbi alimentari (110951)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 62 volte

Sara 24

Sono una ragazza di ventiquattro annni, laureata ed iscritta al biennio di specializzazione in psicologia clinica. Le persone che mi conoscono pensano che sia la classica ragazza senza problemi e mi invidiano, perchè mi vedono sempre impegnata nel gestire i miei mille impegni (università, lavoro, amici...) ottenendo sempre ottimi risultati. Ciò che loro non sanno è che spesso soffro di sbalzi di umore, mi sento facilmente irritabile e quando questo accade, specialmente durante il fine settimana, quando gli impegni sono meno presenti e rimango a casa, finisco con dare l'assalto alla dispensa, al frigo, presa da una smania di mangiare, che inizialmente potrebbe anche essere vera fame, ma successivamente è più voglia di mangiare sempre un'altra cosa diversa e poi un'altra ancora. Puntualmente finisco con il sentirmi male, con lo stomaco pieno e la testa che gira e per far passare presto quel senso di pesantenza mi procuro regolarmente il vomito. I giorni successivi sono sempre giù di morale, sempre pronta a scattare per nulla e presa da un senso di inquietudine che non posso spiegare a nessuno, perchè non c'è nella mia vita un problema così grande da giustificare uno stato emotivo tale. Ho paura che questo mio problema non sia compatibile con la professione che intendo intraprendere (la psicologa) e che sto sprecando il mio tempo continuando a studiare per realizzarmi in questo campo.

Cara Sara, certo che se non risolvi un problema di questo genere, ritengo che tu non possa essere in grado di essere d’aiuto al prossimo; una regola che io mi sono sempre data è: non chiedere mai a nessuno di fare qualcosa che io per prima non farei! Come ti vedi a fare una consulenza a qualcuno che non gestisce bene l’ansia o è in grado di controllare i propri impulsi, anche non alimentari? Non saresti credibile perché tu per prima non ci crederesti affatto. Con questo voglio dirti di cercare un aiuto concreto, non di lasciare gli studi!! Il tuo problema sembra molto particolare ed è difficile da così poche righe per me schedarlo e classificarlo. Ti consiglio di rivolgerti ad uno psicologo in carne ed ossa e personalmente ti indico l’orientamento cognitivo-comportamentale che ha trattamenti mirati e decisamente più veloci di molti altri indirizzi.

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 18/02/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Paranoia

La paranoia è una psicosi caratterizzata dallo sviluppo di un delirio cronico (di grandezza, di persecuzione, di gelosia, ecc.), lucido, sistematizzato, dotato ...

Pedofilia

  Con il termine pedofilia si intende un disturbo della sessualità di tipo parafilico, caratterizzato da intensi e ricorrenti impulsi o fantasie sessuali ...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

News Letters