Pubblicità

Disturbi alimentari (110951)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 87 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sara 24

Sono una ragazza di ventiquattro annni, laureata ed iscritta al biennio di specializzazione in psicologia clinica. Le persone che mi conoscono pensano che sia la classica ragazza senza problemi e mi invidiano, perchè mi vedono sempre impegnata nel gestire i miei mille impegni (università, lavoro, amici...) ottenendo sempre ottimi risultati. Ciò che loro non sanno è che spesso soffro di sbalzi di umore, mi sento facilmente irritabile e quando questo accade, specialmente durante il fine settimana, quando gli impegni sono meno presenti e rimango a casa, finisco con dare l'assalto alla dispensa, al frigo, presa da una smania di mangiare, che inizialmente potrebbe anche essere vera fame, ma successivamente è più voglia di mangiare sempre un'altra cosa diversa e poi un'altra ancora. Puntualmente finisco con il sentirmi male, con lo stomaco pieno e la testa che gira e per far passare presto quel senso di pesantenza mi procuro regolarmente il vomito. I giorni successivi sono sempre giù di morale, sempre pronta a scattare per nulla e presa da un senso di inquietudine che non posso spiegare a nessuno, perchè non c'è nella mia vita un problema così grande da giustificare uno stato emotivo tale. Ho paura che questo mio problema non sia compatibile con la professione che intendo intraprendere (la psicologa) e che sto sprecando il mio tempo continuando a studiare per realizzarmi in questo campo.

Cara Sara, certo che se non risolvi un problema di questo genere, ritengo che tu non possa essere in grado di essere d’aiuto al prossimo; una regola che io mi sono sempre data è: non chiedere mai a nessuno di fare qualcosa che io per prima non farei! Come ti vedi a fare una consulenza a qualcuno che non gestisce bene l’ansia o è in grado di controllare i propri impulsi, anche non alimentari? Non saresti credibile perché tu per prima non ci crederesti affatto. Con questo voglio dirti di cercare un aiuto concreto, non di lasciare gli studi!! Il tuo problema sembra molto particolare ed è difficile da così poche righe per me schedarlo e classificarlo. Ti consiglio di rivolgerti ad uno psicologo in carne ed ossa e personalmente ti indico l’orientamento cognitivo-comportamentale che ha trattamenti mirati e decisamente più veloci di molti altri indirizzi.

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 18/02/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Disturbo post-traumatico da st…

I principali sintomi associati al Disturbo post-traumatico da stress possono essere raggruppati in tre specie: ...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, form...

Aggressività

In psicologia indica uno stato di tensione emotiva generalmente espresso in comportamenti lesivi e di attacco. Nel corso degli anni l’aggressività...

News Letters

0
condivisioni