Pubblicità

Disturbi Alimentari (152844 )

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 440 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ery, 16

 

Gentile Dottore,
Sono una ragazza di 16 anni, vado a scuola in una città che dista mezz'ora in macchina da casa mia. Sono una persona molto timida, ansiosa e mi faccio molti problemi su tutto.
Di mattina, 10 minuti prima di andare in macchina per recarmi a scuola, iniziano a venirmi dei conati di vomito. Appena arrivo nei pressi della scuola, 300 metri prima, inizia a farmi male lo stomaco, girarmi la testa, ho attacchi di vomito e come un nodo alla gola che spesso mi impedisce di respiarare, tempo di scendere dalla macchina che corro in bagno a vomitare.
Faccio avanti e indietro dal bagno (con vomito) per tutte le sei ore che rimango all'interno dell'edificio. (vomito anche se non mangio nulla)
Rincaro alle 15 e mangio tranquillamente e non vomito. Rimango in salute fino alle 19 circa e poi riprendono i conati di vomito...
Secondo lei è ansia? Come posso risolvere questo problema?


Cara Ery,
i sintomi che riferisci sono probabilmente legati all'ansia: ansia anticipatoria che inizia la sera e ansia che si protrae per la mattina.
Quello che dovresti capire qual è la minaccia che temi nell'andare a scuola (i compagni, gli insegnanti...?). Poi dovresti affrontare questa minaccia con la guida di un professionista e vedrai che il vomito svanirà.
Saluti, Mirko Dai Prà

 

(Risponde il Dott.Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 01/10/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Mi piace una ragazza brutta [1…

Daniel, 36 anni Vengo subito al punto: in poche parole mi piace tantissimo una ragazza piuttosto brutta di aspetto. Io stesso ne vedo i molti difetti, ad e...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

News Letters

0
condivisioni