Pubblicità

Disturbi Alimentari (159128)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 278 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Emma, 38

 

Gentile Dottore,
salve,mi chiamo Emma e da quando ero adolescente soffro di bulimia. Nell'ultimo anno ho preso 20 kg. Ho provato ad entrare in terapia 3 volte ma le prime due, gli psicologi non erano specializzati in questo disturbo (così smettevo di cercare aiuto pensando d farcela da sola) e l'ultimo, il quale praticava terapia breve strategica, dopo due sedute disastrose e costosissime, ho smesso di consultarlo perchè mi dava consigli ovvi(non mangiare carboidrati) e mi trasmetteva ansia perchè non voleva sapere del mio vissuto, la seduta durava solo 20 min(diceva che questa terapia funziona così).
La cosa mi ha creato ulteriori ansie perchè, per l'ennesima volta mi sono sentita respinta,come lo sono stata da mio padre e da 2 ragazzi che in questi anni ho provato a frequentare, ma che non ricambiavano i miei sentimenti(uno era aggressivo e depresso,l'altro con problemi di drghe e alcol).
Così mi sento frustrata,ho crisi di pianto,non ho vita sociale. Ho preso 20 kg dopo la seconda delusione affettiva e poi vivo da un anno da sola e questo mi ha fatto perdere del tutto il controllo sul cibo. Da sempre mi sento sola e respinta dagli altri e non so se mai ne uscirò visto che mi comporto sempre allo stesso modo anche quando penso di essere cambiata. Sono peggiorata anche perchè quest'anno lavoro poco e male(sono un'insegnante precaria). Che tipo di terapia mi potrebbe aiutare? Sono slol bulimica o anche depressa? Aiutatemi per favore!

Cara Emma,
da quanto mi scrive non posso dirle molto sul suo stato mentale, sembra che oltre al disturbo alimentare, ansioso e dell'umore ci possa essere qualcosa relativo all'asse della Personalità (II DSM).
Le consiglio di chiedere un assesment da uno Psicoterapeuta ad indirizzo Cognitivo Comportamentale per stabilire dove e come intervenire ed avviare un percorso terapeutico.

 

(Risponde il Dott.Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 24/04/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Disturbo bipolare dell'umore (…

settepassi, 63 Soffro da circa 8 anni di DISTURBO BIPOLARE dell' UMORE, almeno così mi è stato diagnosticato. ...

Area Professionale

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Articolo 23 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it prosegue, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'art.23 (compenso professionale) il commento settimanale che spiega ed ap...

Le parole della Psicologia

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’avversione p...

Flooding

Indica una tecnica cognitivo-comportamentale che consiste nell'esposizione ripetuta del soggetto allo stimolo a valenza fobica, senza che vi sia per lui possibi...

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

News Letters

0
condivisioni