Pubblicità

Gelosia=fame (153196 )

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 230 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Margherita , 42

 

Gentile Dottore,
da un paio d'anni soffro di gelosia ossessiva che sta distruggendo la mia vita e quella dei miei familiari e di conseguenza non faccio altro che mangiare. Anche di nascosto.
Tutto è cominciato quando ho scoperto mio marito che guardava in tv queste chiamiamole signorine della notte. Ho chiesto spiegazione e ho avuto come risposta "è stata solo curiosità". Da allora è finito tutto.
Non riesco ad andare avanti, anche se lui mi dice che mi ama e che non mi lascierebbe mai.
Stiamo insieme da 25 anni e ho 3 figli grandi.
Grazie per l'attenzione

Cara Margherita,
la sua gelosia potrebbe voler dire tutto o niente, forse è una risposta ansiosa ad uno scopo minacciato ovvero l'amore di suo marito oppure potrebbe nascondere una tristezza fino alla comparsa di pensieri depressivi, in questo scopo lo scopo sopra descritto è percepito come perduto.
Comunque in entrambi i casi sembra che lei non creda di avere le possibilità di affrontare la situazione. Il comportamento che lei descrive ovvero quello di mangiare potrebbe essere un metodo da lei usato per affrontare la sofferenza emotiva che deriva da questa situazione.
Quello che le consiglio è di capire qual è il suo obiettivo e di capire quali tipi di risorse può mettere in atto per raggiungere il suo obiettivo, vedrà che agendo tutto il resto passerà in secondo piano.
Saluti, Mirko Dai Prà

 

(Risponde il Dott. Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 05/11/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

L’adolescenza

L'adolescenza (dal latino adolescentia, derivato dal verbo adolescĕre, «crescere») è quel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato...

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

News Letters

0
condivisioni