Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Problema con il cibo - sensi di colpa (146932)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 164 volte

Valeria 27

Gentile Dottore, mi rivolgo a lei per un consulto. Sono una ragazza di 27 anni, da quando ne avevo 16 soffro di disturbi alimentari. Per un po' di mesi ho sofferto di una lieve forma di anoressia (con conseguente massiccia perdita di peso e scomparsa delle mestruazioni per circa un anno), in seguito ho portato avanti la mia vita alternando periodi di abbuffate ad altri periodi di dieta. Questa situazione procede tuttora. Da un po' di tempo a questa parte, non solo sto male per il mio problema, ma è sorta in me una nuova ansia, cioè un misto di senso di colpa e di tristezza nei confronti di mia madre. Senso di colpa perchè lei non sa niente di questa mia continua lotta con il cibo (è rimasta "ferma" al periodo semi-anoressico della mia adolescenza, poi sono sempre riuscita ad occultare le mie sregolatezze alimentari), e ciò mi fa quasi sentire "disonesta" per non avergliene mai parlato; tristezza perchè, se lei sapesse, soffrirebbe terribilmente. Lei non sa, certo, ma talvolta provo un senso profondo di pena nei suoi confronti al solo pensiero che, poveretta, si ritrova una figlia che sta male. Lei che ha sempre fatto salti mortali per rendere felici e sereni i suoi figli! Mi rendo conto di quanto sia assurdo e contorto questo mio sentimento (che cavolo c'entrerà mia madre, adesso? Semmai, quella per cui dovrei provare pena è me stessa, non certo lei, che riguardo a questa situazione sta cento volte meglio di me!), del resto lo provo e non ci posso fare nulla. Lei cosa ne pensa a riguardo? Le sono grata della sua
comprensione e disponibilità. Cordiali saluti

Cara Valeria, immagino che tutti questi sentimenti di colpa, tristezza e disperazione collegati sia a te e sia a tua madre ti stiano logorando. Spesso la relazione col cibo riflette un po' la relazione con le figure di riferimento, nel tuo caso la mamma. Capita che in adolescenza insorgano delle problematiche (come i disturbi alimentari) quando ci sono dei conflitti interiori ovvero due forze contrastanti: una che spinge verso l'esterno, verso l'indipendenza e la separazione dai genitori e l'altra che vorrebbe rimanere sempre bambina e lasciarsi accudire senza prendersi responsabilità e senza diventare adulta. Si crea così un conflitto e quindi un malessere dal quale è difficile uscire da soli, mi chiedo se in passato e tutt'ora tu stia vedendo uno psicologo e un nutrizionista o uno psichiatra specializzato in DCA. Perchè è importante non essere soli e farsi aiutare, se non vuoi farlo sapere alla mamma (ed è comprensibile) puoi chiedere aiuto al tuo medico di base e puoi farti consigliare da lui a chi rivolgerti. Tanti auguri!

(Risponde la Dott.ssa Diana Baggieri)

Pubblicato in data 22/11/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Disturbi alimentari per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

sig (1509381564901)

Antony, 50     Da 5 anni, più o meno nel periodo tra ottobre e gennaio, mia moglie, 48 anni, è come se cambiasse personalità. ...

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Demenza Semantica

Con la locuzione demenza semantica o SD (dall'inglese semantic dementia) si fa riferimento ad un particolare tipo di demenza frontotemporale il cui esordio è ca...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

News Letters