Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Signora (1468771139500)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 424 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoCristina, 47

 

D

 

 

Buongiorno, ho una sorella di 49 anni (madre di tre figli di 18, 15 e 6 anni) che, dopo varie situazioni personali, è evidentemente rientrata in un periodo di disturbo alimentare. Dico rientrata perché già da adolescente ha passato una fase sia di anoressia che di bulimia.

Ovviamente lei nega tutto ma ormai il suo peso è sicuramente sceso sotto i 40 kg, so anche che ha confidato ad una amica che ormai non riesce neanche più a mangiare. Ci è stato detto che essendo adulta noi familiari non possiamo obbligarla a farsi curare.

Ma allora cosa dobbiamo fare? Aspettare che succeda il peggio? È possibile che non possiamo in nessun modo portarla da un medico anche contro la sua volontà?

Ringraziando in anticipo per le risposte porgo cordiali saluti. Cristina

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 

R

 

 

Cara Cristina,
Capisco bene la sua preoccupazione visti o precedenti di sua sorella. È probabile che in un particolare momento di stress , possa essere ricaduta in un disturbo precedente.
Essendo un adulta non la si può portare da un medico contro la sua volontà.

C'è solo una possibile soluzione. Un accertamento sanitario obbligatorio (che alcune volte è utilizzato come uno Step precedente ad una Tso ovvero un trattamento sanitario obbligatorio).

Bisogna allertare il medico di famiglia, che tramite il servizio di psichiatria attiva questa procedura. Verranno a casa a visitare. Tolte però queste modalità, a quanto mi risulta, attualmente non ci dovrebbero essere altri modi per obbligare un adulto capace sia di intendere che di volere a fare una visita medica.

Tenga presente però che anche trovasse il modo di farle fare la visita, se sua sorella si rifiuta di farsi curare e non collabora, i risultati saranno deludenti per tutti.
La volontà a guarire è un elemento fondamentale che arriva dopo essere consapevole di avere un problema.

A disposizione per ogni eventuale chiarimento.

La saluto cordialmente

Dr. Alessandra Carini
Psicologo - Psicoterapeuta
E.M.D.R. - Psicologo Forense

 

A cura della Dottoressa Alessandra Carini

 

Pubblicato in data 07/09/2016

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: disturbi alimentari bulimia tso negare il problema non riuscire a mangiare momento di stress ricaduta accertamento sanitario obbligatorio

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Complesso di Edipo

Il nome deriva dalla leggenda di Edipo, re di Tebe, che, inconsapevolmente, uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta. Nella teoria psicoanalitica, indica...

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

News Letters

0
condivisioni