Pubblicità

Signora (1468771139500)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 1546 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

le risposte dellespertoCristina, 47

 

D

 

 

Buongiorno, ho una sorella di 49 anni (madre di tre figli di 18, 15 e 6 anni) che, dopo varie situazioni personali, è evidentemente rientrata in un periodo di disturbo alimentare. Dico rientrata perché già da adolescente ha passato una fase sia di anoressia che di bulimia.

Ovviamente lei nega tutto ma ormai il suo peso è sicuramente sceso sotto i 40 kg, so anche che ha confidato ad una amica che ormai non riesce neanche più a mangiare. Ci è stato detto che essendo adulta noi familiari non possiamo obbligarla a farsi curare.

Ma allora cosa dobbiamo fare? Aspettare che succeda il peggio? È possibile che non possiamo in nessun modo portarla da un medico anche contro la sua volontà?

Ringraziando in anticipo per le risposte porgo cordiali saluti. Cristina

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

 

R

 

 

Cara Cristina,
Capisco bene la sua preoccupazione visti o precedenti di sua sorella. È probabile che in un particolare momento di stress , possa essere ricaduta in un disturbo precedente.
Essendo un adulta non la si può portare da un medico contro la sua volontà.

C'è solo una possibile soluzione. Un accertamento sanitario obbligatorio (che alcune volte è utilizzato come uno Step precedente ad una Tso ovvero un trattamento sanitario obbligatorio).

Bisogna allertare il medico di famiglia, che tramite il servizio di psichiatria attiva questa procedura. Verranno a casa a visitare. Tolte però queste modalità, a quanto mi risulta, attualmente non ci dovrebbero essere altri modi per obbligare un adulto capace sia di intendere che di volere a fare una visita medica.

Tenga presente però che anche trovasse il modo di farle fare la visita, se sua sorella si rifiuta di farsi curare e non collabora, i risultati saranno deludenti per tutti.
La volontà a guarire è un elemento fondamentale che arriva dopo essere consapevole di avere un problema.

A disposizione per ogni eventuale chiarimento.

La saluto cordialmente

Dr. Alessandra Carini
Psicologo - Psicoterapeuta
E.M.D.R. - Psicologo Forense

 

A cura della Dottoressa Alessandra Carini

 

Pubblicato in data 07/09/2016

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: disturbi alimentari bulimia tso negare il problema non riuscire a mangiare momento di stress ricaduta accertamento sanitario obbligatorio

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la ge...

Negativismo

Con il termine Negativismo si può indicare, in linea generale, un comportamento contrario o opposto, di tipo sia psichico che motorio. ...

News Letters

0
condivisioni