Pubblicità

Scuola ed adolescenza (141088)

0
condivisioni

on . Postato in Lavoro | Letto 674 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Maria 30

Sono un'insegnante di scuola media. Quest'anno sto sostituendo una collega in una classe seconda. Questa classe è formata da 24 alunni, tra cui 3 in situazione di handicap, un ripetente e 2 ragazzi stranieri. La collega che sto sostituendo è stata per loro l'anno scorso una figura forte, un punto di riferimento nei momenti di necessità, ed i ragazzi dicono che con lei "sono cresciuti".

Hanno accettato la mia presenza fin dall'inizio, ma i colleghi hanno notato che è aumentato il loro disordine, la confusione ed una certa aggressività. Non è mai stata una classe tranquilla, ma il mio timore è che la mia figura, pur essendo io una persona forte e severa, venga continuamente paragonata a quella della loro vecchia insegnante e perda in autorevolezza. Mi rendo conto che il cambiamento di un'insegnante provochi sempre un certo turbamento, soprattutto quando si tratta di un'insegnante leader, ma mi sembra eccessivo che la causa di questo peggioramento sia solo questa. Inoltre, evidentemente, i ragazzi non devono aver bene assimilato le regole imposte dalla loro insegnante, ma le rispettavano solo per timore, dal momento che al primo sconvolgimento non sono stati in grado di continuare a rispettarle. Vorrei sapere come posso ridare loro serenità e come posso aiutarli in questo percorso di crescita. Grazie.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

 

Gentile Maria, è certamente vero che sia gli alunni che i colleghi fanno paragoni, ma il punto è che li fa anche lei. Sia semplicemente se stessa. Faccia del suo meglio senza cercare di emulare la collega o di ottenere gli stessi risultati. Otterrà dai suoi alunni quanto sarà in grado di ottenere e se sarà stato il massimo che è stata in grado di fare, andrà certamente bene. I ragazzi erano abituati alla sua collega. Forse la vedono più "morbida" e ne approfittano, ma non se ne rammarichi più di tanto e continui a lavorare serena.

(Risponde la Dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

Pubblicato in data 04/03/2010

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Le parole della Psicologia

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

L’adolescenza

L'adolescenza (dal latino adolescentia, derivato dal verbo adolescĕre, «crescere») è quel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato...

News Letters

0
condivisioni