Pubblicità

Tecnostress - Tecnofobia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 2361 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Tecnostress TecnofobiaIl Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi.

Esso può determinare, inoltre, una paura persistente, anormale ed ingiustificata della tecnologia, dovuta al fatto che, per stare al passo con lo sviluppo delle Information and Communication Technologies (ICT), e con quanto proposto dai competitors, le nuove organizzazioni sono costrette ad aggiornarsi continuamente e ad aggiornare le tecnologie in uso, portando i propri dipendenti al rischio di sviluppare una strana combinazione di affaticamento cognitivo ed avversione verso le nuove tecnologie.

I sintomi collegati al Tecnostress sono numerosi:

  • Mal di testa.
  • Ipertensione.
  • Irritabilità.
  • Ansia e depressione.
  • Attacchi di panico.
  • Calo della concentrazione.
  • Disturbi gastrointestinali e cardiocircolatori.
  • Alterazioni comportamentali ed isolamento relazionale.
  • Calo del desiderio.

Sono state individuate, inoltre, quali principali cause del Tecnostress:

  1. La gestione di troppe informazioni ("Information overload"). Secondo Richard Saul Wurman, infatti, questo sovraccarico può generare senso di confusione, assenza di certezze e, più in generale, l'insorgere di disturbi psico-comportamentali, oltre che stanchezza cronica.
  2. La fretta nell'esecuzione delle operazioni, quindi
  3. L’eccessivo uso di apparecchi (Sindrome da “Multitasking”).

Secondo i diversi studi, ai primi tre posti, tra i lavoratori più “tecnostressati”, troviamo:

  • Gli operatori ICT (progettisti ed amministratori di reti), con 12,5 ore di media al giorno davanti ai monitor e tra le informazioni da gestire velocemente;
  • I giornalisti, specialmente quelli che gestiscono l’informazione via web, con 12,1 ore di media davanti a schermi di computer e televisori;
  • Gli operatori finanziari, con 11 ore di media tra computer e telefonini.

Pubblicità

Il Tecnostress può diventare una vera e propria fobia quando scatena un’avversione totale ed incontrollata verso i computer (si arriva a parlare di “Computer rage”), cui si affianca una manifestazione acuta d’ansia, che si traduce in impossibilità ad usare il computer, con importanti conseguenze invalidanti per i soggetti stessi. In termini epidemiologici, alcuni studi hanno dimostrato che circa un terzo della popolazione nei Paesi industrializzati soffre di ansia da computer, con percentuali intorno al 5% di presenza di veri e propri tecnofobici. A soffrire maggiormente di Tecnofobia, inoltre, sembrano essere le donne, sebbene questo sbilanciamento di genere stia svanendo nelle ricerche più recenti.

In ogni caso, i risultati più importanti dei vari studi hanno rilevato che:

  • Per quanto riguarda le variabili antecedenti e correlate, il costrutto di Tecnofobia può essere spiegato, sia facendo ricorso ad abilità cognitive matematiche, sia a fattori di personalità; in modo particolare, i tecnofobici mostrano alti livelli di nevroticismo.
  • Thorpe e Brosnan, nel 2005, hanno concluso che la Tecnofobia potrebbe essere presente nel DSM IV R tra i disturbi fobici specifici, poiché presenta tratti comuni per livelli d’ansia percepiti e pensieri persistenti. In modo particolare, le sovrapposizioni con altre fobie specifiche riguardano: una paura eccessiva ed irragionevole, una risposta d’ansia alla sola presenza di computer o addirittura l’insorgere dell’ansia anche solo immaginando l’immediato utilizzo del computer e, infine, l’evitamento di situazioni in cui si è costretti all’utilizzo del computer, con ovvie ricadute, specie in termini di benessere, crescita e soddisfazione occupazionale.
  • A queste condizioni, Rose e Weil, in uno studio del 1995, hanno aggiunto la presenza di dialoghi interni auto-critici durante l’utilizzo del computer o di altra nuova tecnologia.

A tutt’oggi la Tecnofobia è prevenibile con programmi di azzeramento informatico e sessioni di utilizzo delle tecnologie supportate da tutors. Brosnan, nel 1998, ha sviluppato un intero programma per una sua riduzione, che consente di controllare ed arginare tale fobia con sessioni di desensibilizzazione all’oggetto computer o con singole sessioni da un’ora di controllo d’ansia, cui si fa seguire, a casa, la lettura di un manualetto che permette ai soggetti di potenziare le proprie strategie di coping.

 

Bibliografia:

  • Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone, 2008.



(Dott.ssa Alice Fusella)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: parole della psicologia Tecnofobia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usate nei film e nella letteratura horror,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Rapporti nonni-nipoti [1619430…

soffice, 42 anni     Gentili dottori, vi chiedo un parere circa l’atteggiamento da tenere verso il padre di mio marito, nonno della nostra bam...

Ho fallito in tutto sono depre…

Alessandro, 62 anni.     Ho 62 anni e sono arrivato ad uno stadio di depressione da cui non vedo possibilità di uscita, sono disperato ormai. ...

Due nemici sotto lo stesso tet…

maria, 69 anni     Salve ! Sto vivendo un momento abbastanza difficile e complicato della mia vita e da sola non riesco ad uscirne, ecco perch...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Autotopoagnosia

L'autotopoagnosia è un disturbo di rappresentazione corporea, clinicamente raro, in cui è presente l'incapacità di indicare le parti del corpo. Nella maggior p...

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

News Letters

0
condivisioni