Pubblicità

Ho paura di rimanere sola (1495288269386)

0
condivisioni

on . Postato in Ossessioni e Fobie | Letto 925 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

queenemy85, 33 le risposte dellesperto

 

 

domanda

 

 

Ho paura di rimanere sola. Ho paura di dire qualcosa perchè ho paura di sbagliare.

Quando mio padre grida ho paura. Grida per qualsiasi cosa e io piango sempre perchè ho paura. Non so cosa fare.

Vorrei andare via da casa e andare da qualche parte tranquilla ma ho paura di fare un torto a mia madre e non ho soldi per andarmene.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Gentile queenemy85,

leggendo la sua richiesta di aiuto ciò che emerge in maniera preponderante è la tematica della "paura" che sembra toccare molti ambiti della sua vita. Se da una parte avverte il desiderio di uscire dalla casa genitoriale magari per prendere in mano le redini della sua vita e contestualmente allontanarsi da quella sensazione di timore nei confronti delle urla di suo padre, dall'altro lato si contrappone la paura di rimanere sola (quindi senza la compagnia che pur in modo coatto ma i suoi genitori le fanno) e il senso di colpa nel lasciare sua madre, cioè la moglie di suo padre, da sola con il proprio marito.

In qualche modo è come se fosse investita da sua madre, ed allo stesso tempo investisse sua madre, di un ruolo di supporto reciproco rispetto a qualcosa che non piace di questo uomo. Ciò che in questo caso bisogna tenere sempre presente, è che quest'uomo ha per ognuna di voi un ruolo diverso, è padre di Lei e marito di sua madre.

Rispetto alle dinamiche relazionali che possono essersi create in questo assetto familiare, viste le poche informazioni in mio possesso, non posso spingermi oltre poiché sarebbero solo ipotesi non direttamente confermabili o confutabili.

Rispetto invece al non avere i mezzi economici per iniziare ad organizzare lo svincolo da questa casa/situazione, vista comunque la sua età da giovane adulta quale Lei è, le consiglierei di lavorare, magari facendo quello che le piace o quello per cui ha studiato, ma in mancanza di tale possibilità, comunque lavorare.

L'indipendenza da Lei desiderata passa sia sul piano affettivo, sia sul piano economico, perciò se sul primo piano si può ricercare un sostegno ed una guida affinché possa avvenire in modo sano, sul piano lavorativo l'impegno deve essere tutto suo.

Rimanendo a disposizione per una maggiore consultazione a riguardo Le porgo i miei cordiali saluti.

 

A cura del Dottor Vito Leone

 

Pubblicato in data 22/05/2017

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: padre paura

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno stato di tensione e paura per una...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Rapporti nonni-nipoti [1619430…

soffice, 42 anni     Gentili dottori, vi chiedo un parere circa l’atteggiamento da tenere verso il padre di mio marito, nonno della nostra bam...

Ho fallito in tutto sono depre…

Alessandro, 62 anni.     Ho 62 anni e sono arrivato ad uno stadio di depressione da cui non vedo possibilità di uscita, sono disperato ormai. ...

Due nemici sotto lo stesso tet…

maria, 69 anni     Salve ! Sto vivendo un momento abbastanza difficile e complicato della mia vita e da sola non riesco ad uscirne, ecco perch...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

News Letters

0
condivisioni