Pubblicità

Ho paura di rimanere sola (1495288269386)

0
condivisioni

on . Postato in Ossessioni e Fobie | Letto 733 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

queenemy85, 33 le risposte dellesperto

 

 

domanda

 

 

Ho paura di rimanere sola. Ho paura di dire qualcosa perchè ho paura di sbagliare.

Quando mio padre grida ho paura. Grida per qualsiasi cosa e io piango sempre perchè ho paura. Non so cosa fare.

Vorrei andare via da casa e andare da qualche parte tranquilla ma ho paura di fare un torto a mia madre e non ho soldi per andarmene.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

risposta

 

 

Gentile queenemy85,

leggendo la sua richiesta di aiuto ciò che emerge in maniera preponderante è la tematica della "paura" che sembra toccare molti ambiti della sua vita. Se da una parte avverte il desiderio di uscire dalla casa genitoriale magari per prendere in mano le redini della sua vita e contestualmente allontanarsi da quella sensazione di timore nei confronti delle urla di suo padre, dall'altro lato si contrappone la paura di rimanere sola (quindi senza la compagnia che pur in modo coatto ma i suoi genitori le fanno) e il senso di colpa nel lasciare sua madre, cioè la moglie di suo padre, da sola con il proprio marito.

In qualche modo è come se fosse investita da sua madre, ed allo stesso tempo investisse sua madre, di un ruolo di supporto reciproco rispetto a qualcosa che non piace di questo uomo. Ciò che in questo caso bisogna tenere sempre presente, è che quest'uomo ha per ognuna di voi un ruolo diverso, è padre di Lei e marito di sua madre.

Rispetto alle dinamiche relazionali che possono essersi create in questo assetto familiare, viste le poche informazioni in mio possesso, non posso spingermi oltre poiché sarebbero solo ipotesi non direttamente confermabili o confutabili.

Rispetto invece al non avere i mezzi economici per iniziare ad organizzare lo svincolo da questa casa/situazione, vista comunque la sua età da giovane adulta quale Lei è, le consiglierei di lavorare, magari facendo quello che le piace o quello per cui ha studiato, ma in mancanza di tale possibilità, comunque lavorare.

L'indipendenza da Lei desiderata passa sia sul piano affettivo, sia sul piano economico, perciò se sul primo piano si può ricercare un sostegno ed una guida affinché possa avvenire in modo sano, sul piano lavorativo l'impegno deve essere tutto suo.

Rimanendo a disposizione per una maggiore consultazione a riguardo Le porgo i miei cordiali saluti.

 

A cura del Dottor Vito Leone

 

Pubblicato in data 22/05/2017

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: padre paura

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Attacchi di ansia in un minore…

Ada, 36     Buonasera.Il mio compagno è separato da circa 2 anni. ha due figlie di 7 e 5 anni. La più grande nelle ultime settimane ha avuto de...

Sta con me ma ama ancora la su…

Fede.love.23, 47     Sono separata e vivo da sola con 2 figli a carico senza nessun aiuto economico del mio ex marito.Sto con lui da 5 anni ma fi...

Ansia e problemi sociali (1572…

Nadarmozc, 32     Gentili dottori,è da qualche tempo che avverto uno strano fenomeno, di duplice natura.Quando sono fuori casa (Assolutamente la ...

Area Professionale

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

Autotopoagnosia

L'autotopoagnosia è un disturbo di rappresentazione corporea, clinicamente raro, in cui è presente l'incapacità di indicare le parti del corpo. Nella maggior p...

News Letters

0
condivisioni