Pubblicità

Carattere carissimo amico (1526471229152)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 515 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoPaoletta, 44

domanda

 

 

Gentile Dottore, le scrivo in merito ad un mio carissimo amico di cui vorrei comprendere meglio il carattere.

Ci conosciamo da tantissimi anni e solo ultimamente, ci si vede molto più spesso e noto che è davvero una bella persona.

Lui ha 48 anni, bravissimo e serio professionista, molto sensibile; ha una posizione di prestigio e ciò lo porta ad essere sempre in mezzo a tantissima gente. E come ben sa, non tutte le persone sono corrette e disinteressate. Ha un carattere particolare; brillante e sempre con la battuta pronta ma quando deve parlare in pubblico va talmente tanto in tensione che addirittura gli tremano le mani.

Mi cerca spesso e chiede di me quando non ci si vede; quando siamo insieme a volte è socievolissimo, altre si blocca.
Anche con le altre persone assume sempre un atteggiamento "controllato" come se non volesse far vedere cosa prova. Non posso negarle che a me lui piace e vorrei cercare di capire di più e di aiutarlo. Qualche mese fa in compagnia ci ha raccontato che lui era gemello e che il suo fratellino è morto pochi giorni dopo la nascita.

In più durante l'adolescenza (attorno ai 16-18 anni) i suoi genitori per esigenze lavorative si sono allontanati per mesi da casa, lasciando lui, e la sorella più piccola di lui di 4 anni, con una domestica molto affidabile. Ho letto molto spesso che i legami tra gemelli sono molto forte ed indistruttibili e continuano anche oltre la morte. E' possibile che questo suo essere così rigido dipenda dallo stacco che ha avuto dal fratellino, anche se è rimasto in vita solo pochi giorni (ma entrambi sono rimasti nella pancia della mamma insieme per ben 9 mesi)? Come posso cercare di aiutarlo ad essere meno controllato? Cerca sempre di essere brillante ma la sua per me è una corazza per non far trasparire i suoi stati d'animo. Anche perché comportandosi così mette in agitazione anche me... La ringrazio anticipatamente per i consigli che mi vorrà dare. Porgo distinti saluti.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Salve Paoletta,

Dalla sua descrizione traspare un reale e serio interesse a cercare una modalità che possa aiutare questo suo caro amico ad entrare in contatto con la propria affettività. Spesso le emozioni vengono trattenute, non manifestate perché fanno male. È doloroso provare tristezza o rabbia, ma spesso questo “sentire” è ciò che meglio può orientarci nella creazione di una relazione sana e coerente e proteggerci da ciò che ci risulta deleterio.

Sicuramente esiste una correlazione tra le separazioni dolorose a cui accenna ed l’immunizzazione dal provare le emozioni. In gergo, oltre una soglia patologica questo disturbo si chiama Alessitimia e spesso ha la funzione di allontanarsi proprio dall’insopportabile dolore che un accumulo di emozioni indesiderate, negate, porta a vivere.
La cosa interessante, oltre a capire cosa avviene in lui, è percepire che questa situazione mette in difficoltà anche lei Paoletta che è poi di fatto è la scrivente. Come se ci fosse una sintonizzazione emotiva con questa persona che la porta a vivere i suoi difficoltosi stati d’animo ed allo stesso tempo lei, utilizzando la stessa sintonizzazione, volesse cambiare frequenza al suo amico per farlo stare più su un sentimento piacevole.

Questo è possibile e forse è proprio il motivo per cui stringete sempre più la relazione d’amicizia che vi lega, ma se questo suo amico sente di avere delle particolari disfunzioni derivanti dalla sua “corazza emotiva”, è egli stesso che deve chiedere aiuto affinché il problema (ammesso che venga percepito come tale) possa essere analizzato e poi lavorandoci su, risolto.

Sperando di averLe dato degli spunti di riflessione Le invio cordiali saluti.

 

Pubblicato il 04/06/2018

 

A cura del Dottor Vito Leone

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita amico carattere

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Angoscia [1593361574931]

alex, 41 anni   Salve, ho bisogno tanto di un supporto psicologico, un mental coach sarebbe l'ideale. Vivo con mia madre da sempre, non ho amici, so...

senso di colpa e dipendenza […

Marco, 30 anni Proverò a essere breve. Mi sono sempre sentito in generale infelice, anche quando le cose mi vanno bene, ho sempre avuto difficoltà nelle r...

Non ce la faccio più [15922277…

Ciao03, 16 anni Voglio finirla qua, non riesco più ad andare avanti. Ho 16 anni e sono sempre stata una persona estroversa e vivace piena di amici. Nonos...

Area Professionale

Usi Facebook come professionis…

Facebook è uno strumento molto potente per il professionista ma, contemporaneamente, ha al suo interno molti pericoli che devono essere assolutamente evitati...

Allarme Coronavirus ed operato…

La pandemia per COVID-19 ha causato reazioni diverse, si è potuto osservare tentativi di minimizzare gli effetti di questa problematica e contemporaneamente com...

Il Test del Villaggio nel post…

Il periodo di pandemia collegata al Covid-19 tende progressivamente a ridursi e diventa utile analizzare le reazioni dei pazienti alla somministrazione del Test...

Le parole della Psicologia

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Autotopoagnosia

L'autotopoagnosia è un disturbo di rappresentazione corporea, clinicamente raro, in cui è presente l'incapacità di indicare le parti del corpo. Nella maggior p...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

News Letters

0
condivisioni