Pubblicità

Problemi nella vita e con gli altri (1452454796341)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 635 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoLunaticamentemanu, 31

 

D

 


Salve,
ho 31 anni ed ho subito abusi da parte di mia madre e tentati abusi da parte del suo compagno. I due eventi sono stati in situazioni e in periodi diversi.

Ho sempre odiato mia madre e con lei ormai ho chiuso, ma non è questo il problema. E' che non ho un futuro e sto male fisicamente e psicologicamente; difatti vado da una psicologa e su certe cose mi ha aperto gli occhi ....Purtroppo ho la tendenza a dimenticare tutto ciò che succede a me e agli altri, forse perchè voglio dimenticare per evitare di fissarmi.

Non lo so, ho molti problemi di comunicazione e non ho nemmeno un amico. Vivo da sola in una casa in affito a carico di mio padre che non c'e' mai e mai c'e' stato, perchè anche quando c'è è come se non ci fosse.

Ho una sorella che minaccia sempre il suicidio e io che con i miei problemi non ho nemmeno la piu pallida idea di come aiutarla visto che è convinta che non mi importi niente di lei. In realtà a volte credo anch'io che non mi freghi di nessuno e che per questo non merito di essere al mondo.

Poi non riesco quasi mai ad essere così espicita con la mia psicologa che vedo da due anni...ma se sto ancora così devo cambiare psicologa?
Lei ha un sacco di clienti, ma il fatto è che non riesco mai a parlare con lei apertamente.

Inoltre, ho un altro problema: ho un' insufficenza renale ed entro due anni devo farmi il trapianto, sennò vado in dialisi. Purtroppo non credo in alcun modo di farcela da sola, soffro d'ansia e, se entro in un ospedale, mi vengono gli attacchi di panico. Mi sento sempre stanca e non so se è un fattore fisico o psicologico; ho la nausea, il mal di testa, il mal di stomaco, dei dolori muscolari. Sento troppo freddo o troppo caldo e ho dolori al torace d'estate quando cammino.

Ho molta difficoltà a rispettare i programmi, sono estremamente lenta e nei rapporti con gli altri nessuno mi prende sul serio. Non ho una ragione per vivere se non il terrore di morire. Ho paura di tutto, ma fingo di non pensarci (quando ci riesco) oppure scappo dalla realtà.
Finisco col dire che sono stata anche in istituto da piccola, fino ai 18 anni, insieme a mia sorella e mio fratello.

Detto questo che devo fare secondo voi? Devo cambiare psicologo?

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

R




Gentile Utente,
accolgo la solitudine che traspare da ciò che scrive. Personalmente le consiglierei di analizzare il “perchè” non si sente libera di parlare con la sua psicologa.

Mi sembra di comprendere che sono due anni che ha intrapreso un percorso psicoterapeutico e immagino che, data la durata della terapia, qualche beneficio ne ha tratto altrimenti il contratto tearapeutico sarebbe stato interrotto. Le consiglio di parlare con la sua psicologa del blocco interno che sente e delle remore che vive nel comunicarle i suoi vissuti interni.

Riguardo a ciò di cui mi parla attraverso queste righe rispondo con un testo di James Hillman, psicoanalista di matrice junghiana, che scrive il "Codice dell'anima", un libro illuminante che le consiglio fortemente. Tra le sue pagine è racchiuso il Mito di Er, ripreso dall'ultimo capitolo della "Repubblica" di Platone, che narra:
"Quando tutte le anime si erano scelte la vita si presentavano davanti a Lachesi. A ciascuna ella dava come compagno il genio, il daimon, perché le facesse da guardiano durante la vita e adempisse il destino da lei scelto. […] Il daimon conduce l’anima dalla seconda delle personificazioni del destino, Cloto. Sotto la sua mano e il volgere del suo fuso, il destino prescelto è ratificato quindi il genio conduceva l’anima alla filatura di Atropo, per rendere irreversibile la trama del suo destino. Di lì, senza voltarsi, l’anima passava ai piedi del trono di Necessità e della pianura del Lete (oblio, dimenticanza), sicché al loro arrivo sulla terra tutto ciò che è accaduto viene cancellato". Se il Mito di Er finisse in questo modo si vernicerebbe di tinte tristi e malinconiche e non rimarrebbe che crogiolarci in un perenne sentimento di "mi manca qualcosa ma non sò cosa".

Ciò che le auguro è di ritrovare il suo disegno, magari proprio tramite l'aiuto della sua psicologa. Ogni persona è portatrice di un'unicità che chiede solo di essere vissuta. Un caro saluto.

 

(a cura della Dottoressa Valentina Bonaccio)

 

Pubblicato in data 19/01/2016

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: ansia padre attacchi di panico madre terapia suicidio psicologa nausea abusi dimenticare problemi di comunicazione sorella terrore mal di stomaco dolori muscolari contratto terapeutico

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

Articolo 26 - il Codice Deonto…

Con il commento all'articolo 26 (utenza e conflitti personali) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Le parole della Psicologia

Narcoanalisi (o narcoterapia)

Detta anche narcoterapia, è una tecnica diagnostica e terapeutica, utilizzata in psichiatria, che consiste nella somministrazione lenta e continua, per via endo...

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

News Letters

0
condivisioni