Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Abuso sessuale (60505)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 22 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marco, 20 anni, 11.12.2002

La mia ragazza è stata violentata all'età di tredici anni per strada da un ragazzo che l'ha fermata.
Di questo fatto ne sono venuto a conoscenza quando mi sono dichiarato a lei, vedendo che anche lei teneva e tiene tutt'ora molto a me, e ho provato a baciarla.
Lei si è subito ritratta e solo dopo 1 settimana di coccole sono riuscito a farle provare questo dolcissimo gesto d'afffetto. adesso, nonostante stiamo insieme da quasi 2 anni, non riesce a lasciarsi andare in nessun momento di intimità tanto che anche il petting è molto lontano. A me non interessa, siamo giovani, la amo..però lei ci sta male e io detesto vederla soffrire così. Lei non ne ha mai parlato perchè si vergogna, ma io devo aiutarla, cosa posso fare??

La violenza sessuale rappresenta sempre un evento traumatico e stressante che lascia una ferita profonda nell'esperienza di una persona, specialmente se molto giovane.
Una ferita che solo con il tempo e un 'clima' affettivo idoneo, riparativo, può rimarginarsi ma, come sovente accade, non sparire del tutto. Perciò, per l'amore che dici di provare, il tuo atteggiamento deve sempre essere di rispetto per i tempi che richiede ogni approccio approccio affettivo/sessuale.
Ci vorrà ancora del tempo e molta comprensione per la sofferenza che ha vissuto e sta ancora provando la tua partner.
Deve riuscire a ritrovare la fiducia in se stessa, deve operare una specie di riorganizzazione emozionale e una maggiore accettazione di sé, e in tutto questo compito il tuo sostegno è indispensabile: esserle vicino senza mai prevaricarla nelle sue scelte. Devi aiutarla a comunicare, a parlare di quello che sente e pensa, a superare la vergogna e il senso di colpa.
Soprattuto devi ascoltare con sensibilità e capire quando ha intenzione di parlare di se stessa e dei suoi vissuti emozionali più profondi. Non riuscirà a confidarsi e attenuare il peso che avverte se la costringi, anche nel modo più soft. Se nonostante il tuo aiuto, il disagio permane, potete ricorre allo psicologo che l'aiuterà a esplorare l'area di introversione e di ritiro in se stessa, e anche a superare ogni conflitto interiore.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Consiglio (1530794336243)

luciano85, 32     Il motivo principale che mi spinge ad avere un parere è che vorrei capire se determinate sensazioni, pensieri e ansie siano nor...

Marito che pensa solo alla sua…

Namaste, 30     Salve, sono una ragazza di 30 anni sposata da 3 anni con un cittadino marocchino di 23. ...

L'amore e la comunicazione (15…

Anna, 26     Salve Dottore, mi trovo in una relazione da sei anni con A., abbiamo due anni di differenza ed ancora non conviviamo. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

News Letters

0
condivisioni