Pubblicità

ansia, agorafobia, sessualità (164399)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 72 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoSilvia, 28

 

Gentile dottore,
sono una ragazza di 28 anni con una relazione con un coetaneo che soffre di una grave forma di agorafobia e attacchi di panico.

Ci frequentiamo da più di un anno e inizio a stare davvero male per questa situazione.

Lui non esce di casa (massimo 200 metri), perchè poi inizia ad avere paura di stare male, prova una forte ansia che sfocia in un attacco di panico. Gli voglio bene, ma è da un anno che cerco di aiutarlo in tutti i modi con minimi risultati.

Premetto che anche i familiari non sanno più come aiutarlo, sono 2 anni che si trova in questa situazione. Tutto questo mi sta buttando in un grande stato di sconforto. Sarò egoista, ma non posso fare nulla, non posso nemmeno prendere un gelato con lui, presentarlo ai miei amici o alla mia famiglia. Non è in cura presso nessuno specialista poichè non è in grado di recarsi da loro e gli specialisti si rifiutano di andare da lui.

La cosa più assurda è che ho una laurea in psicologia che sto iniziando a disprezzare: cerco di capirlo in ogni modo, di aiutarlo (in modo limitato, non è di mia competenza e non sarei in grado)portandolo fuori, cercando di tranquillizzarlo e cercando di fargli fare qualche metro in più. Non è semplice però, frustrante al massimo: ogni progresso è susseguito da un successivo fallimento. Lui è una persona rigida, a mio parere tende ad essere manipolativo (sia con me che la sua famiglia),è molto difficile parlare apertamente con lui (elude i problemi,non li affronta). Ultimamente mi fa soffrire il fatto che sembra che esista solo lui (è fortemente ipocondriaco) mentre i miei bisogni e le mie necessità non esistono. io non riesco più a mettere da parte costantemente me stessa per lui.

Spesso mi viene voglia di urlare e dirgli che anche io ho bisogno.. Molte volte faccio presente i miei bisogni ma lui afferma che adesso devo accettare questa situazione, che si sta impegnando per cambiare. Io non riesco a vedere questi cambiamenti. il problema riguarda anche la sfera sessuale: vivendo con i genitori non abbiamo quasi mai momenti di privacy e di intimità. Io vorrei avere un rapporto sessuale normale con lui.

Tutto questo non sembra possibile... dice di avere una grave forma di allergia al lattice e di non poter usare le precauzioni. Io purtroppo non posso usare la pillola per un' eritema nodoso pregresso. Anche in questo caso mi sento sconfortata e ho rabbia..gli ho proposto di utilizzare altre precauzioni (senza lattice) , ma afferma di essere allergico anche a quelle. Non vuole rischiare senza precauzioni, quindi sono destinata a vivere a metà anche questo.

Ogni cosa che chiedo non posso averla, io veramente faccio di tutto, non so più cosa fare, come comportarmi. MI sta distruggendo tutto questo: a volte mi sento cattiva ed egoista sapendo che lui ha un problema. chiedo gentilmente un aiuto perchè così non posso andare avanti. grazie e scusate per la forma che ho utilizzato, è stato uno sfogo.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità


Cara Silvia,
il problema esposto non è di facile soluzione poiché il tuo partner non vuole essere aiutato, classico degli ipocondriaci.

Gli specialisti fanno bene a non venire a casa poiché sarebbero squalificati deontologicamente forse potrebbe essere accompagnato presso asl da mezzi di associazioni volontarie per vedere ce almeno con l'ausilio di non dover essere lui a guidare o camminare può rompere il tabu.

La sessualità non può esistere in un soggetto descritto poiché aumentano i timori, come descriveva Freud nel racconto del piccolo Hans.

Credo nelle tue difficoltà ma da come descrivi la risoluzione dei problemi rimane molto lontana e se ti preme la tua vita sentimentale affettiva rifletti se puoi continuare una cosi disastrata relazione o cessarla sia pur con dolore.

Auguri

 

(Risponde il Dott. Sergio Puggelli)

 

Pubblicato in data 02/05/2014

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

News Letters

0
condivisioni