Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Chatroulette ed esibizionismo (156041)

on . Postato in Sessualità | Letto 10 volte


Carlo , 25

 

Gentile Dottore,
scrivo perché ormai da un anno sono ossessionato da una sorta di dipendanza da chat.
Ho 25 anni, lauerato con un lavoro intellettualemte soddisfacente, da 5 mesi ho una relazione stabile con una ragazza che amo profondamente e che a sua volta ricambia.
Tra noi le cose vanno benissimo, ma un problema rende la nostra relazione difficile, viviamo lontani, molto lontani, cosa che ci permette di vederci non con la costanza che entrambi vorremmo.
In questa cornice si inserisce la mia segreta ossessione: circa un anno fa sono venuto a conoscenza delle chat a random partner (chatroulette, ecc.), sebbene non sia un frequentatore assiduo mi era capitato di passarci delle ore, durante le quali provavo piacere nel mostrare i miei genitali a sconosciuti, a prescindere dal sesso, e a masturbarmi esibendo appunto la mia "dotazione".
Già all'epoca alla fine del periodo trascorso sulla chat, provavo un senso di avvilimento nei giorni successivi per poi ricaderci qualche tempo dopo. Da quando ho questa relazione, dopo un periodo abbastanza lungo di lontanza da tali siti (2-3 mesi) mi è capitato, nei momenti in cui io e la mia ragazza eravamo distanti e normalmente in stato di alterazione (alcool), di frequentare nuovamente queste chat con le medesime modalità, masturbandomi di fronte a chiunque col solo intento di esibirmi.
Ora non ne posso più, riesco a starne lontano per dei periodi e poi ci ricasco, provo un senso di colpa molto forte nei confronti della mia ragazza e ritengo questo tipo di attività solo una futile perversione che da piacere solo per il fatto di esibirmi e sentirmi invidiato.
Ne voglio uscire con le mie forze, voglio fare chiarezza, non vivo in italia e quindi non posso rivolgermi per un consulto di persona, ma voglio farcela da solo, se possibile con qualche vostro consiglio.
Grazie

Caro Carlo,
la tua lettera nasconde varie parafilie che difficilmente puoi debellare da solo o con consiglio per mail.
Adesso che hai anche una ragazza se pur lontana logisticamente di queste problematiche ne devi parlare e nello stesso tempo consultare uno psicologo psicoterapeuta psicodinamico che può aiutarti a superare questi momenti e ricadute.
L'esibizionismo se affrontato con volontà e dedizione si può debellare, ma sempre con l'aiuto di uno specialista.
Auguri

 

(Risponde il Dott. Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 09/10/2012

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Percezione

Tradizionalmente, gli psicologi hanno distinto il modo nel quale noi riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate: Sensazione: riguarda i...

News Letters