Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Come evitare il transfert ? (000775)

on . Postato in Sessualità | Letto 6 volte


Enrico, 28 anni

Buongiorno, volevo chiedere un consiglio su una questione piuttosto delicata. Sono in analisi presso una psicoterapeuta da circa otto mesi, e mi accorgo che spesso tendo a sviluppare fantasie su di lei, sulla sua vita professionale e privata, e a volte durante la seduta sono distratto da pensieri sulla sua persona (che evidentemente trovo attraente). Tristemente cerco di parlargliene il meno possibile perché ho paura di dover interrompere la terapia (che comunque sta dando dei frutti interessanti) ma mi chiedo se questo sia un atteggiamento corretto da parte mia. Ho tentato di esaminarmi a fondo sulla questione, e ne ho risolto che non sono innamorato di lei e non provo una profonda attrazione fisica per lei, per quanto in qualche modo lei sia entrata prepotentemente nella mia vita psichica. A questo punto mi chiedo cosa sia giusto fare: parlarne con lei (troppo imbarazzante), abbandonare l'analisi (non se ne parla neanche di cercare un altro terapista e ricominciare da capo...) o cercare di reprimere fino in fondo qualsiasi barlume di sentimento io possa provare nei suoi confronti ? La domanda è un po' vaga ma se vorrete rispondermi sarò qui per fare tesoro dei vostri consigli. Vi saluto.

Caro Enrico, nel setting psicoterapeutico capita spesso che emergano delle fantasie e che il terapeuta possa diventare la sede di molte proiezioni da parte del paziente. Quello che è importante capire è quindi, eventualmente, analizzare, è che tutto ciò avviene simbolicamente. Comunicare perciò le proprie emozioni ed i propri pensieri al terapeuta è assolutamente indispensabile per consentirne la visibilità e l'elaborazione. Non parlarne è una forma di resistenza, che è simbolica a sua volta, e rappresenta una sorta di rimozione alla presa di coscienza di quanto sta emergendo. Scegli un pò tu con serenità quello che vuoi fare, ma tieni conto che non parlare sarebbe una forma di fuga che non ti gioverebbe.

( risponde la dott.ssa Lucia Daniela Bosa )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

Ansia da separazione

La causa alla base di questa esperienza nel successivo sviluppo di un disturbo mentale non ha più significato senza l’interazione di altri fattori ...

News Letters