Pubblicità

Come evitare il transfert ? (000775)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 309 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Enrico, 28 anni

Buongiorno, volevo chiedere un consiglio su una questione piuttosto delicata. Sono in analisi presso una psicoterapeuta da circa otto mesi, e mi accorgo che spesso tendo a sviluppare fantasie su di lei, sulla sua vita professionale e privata, e a volte durante la seduta sono distratto da pensieri sulla sua persona (che evidentemente trovo attraente).

Tristemente cerco di parlargliene il meno possibile perché ho paura di dover interrompere la terapia (che comunque sta dando dei frutti interessanti) ma mi chiedo se questo sia un atteggiamento corretto da parte mia. Ho tentato di esaminarmi a fondo sulla questione, e ne ho risolto che non sono innamorato di lei e non provo una profonda attrazione fisica per lei, per quanto in qualche modo lei sia entrata prepotentemente nella mia vita psichica.

A questo punto mi chiedo cosa sia giusto fare: parlarne con lei (troppo imbarazzante), abbandonare l'analisi (non se ne parla neanche di cercare un altro terapista e ricominciare da capo...) o cercare di reprimere fino in fondo qualsiasi barlume di sentimento io possa provare nei suoi confronti ?

La domanda è un po' vaga ma se vorrete rispondermi sarò qui per fare tesoro dei vostri consigli.

Vi saluto.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 



Caro Enrico, nel setting psicoterapeutico capita spesso che emergano delle fantasie e che il terapeuta possa diventare la sede di molte proiezioni da parte del paziente.

Quello che è importante capire è quindi, eventualmente, analizzare, è che tutto ciò avviene simbolicamente. Comunicare perciò le proprie emozioni ed i propri pensieri al terapeuta è assolutamente indispensabile per consentirne la visibilità e l'elaborazione.

Non parlarne è una forma di resistenza, che è simbolica a sua volta, e rappresenta una sorta di rimozione alla presa di coscienza di quanto sta emergendo.

Scegli un pò tu con serenità quello che vuoi fare, ma tieni conto che non parlare sarebbe una forma di fuga che non ti gioverebbe.

 

( risponde la dott.ssa Lucia Daniela Bosa )

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: psicoterapia sessualità transfert controtransfert

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come si ritrova l'amore di viv…

polppols, 18 anni Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente ...

Problematiche relazionali [160…

m, 20 anni Salve, recentemente dei Miei amici mi hanno detto che dovrei vedere un terapeuta perché secondo loro ho dei problemi a capire come relazionarmi ...

Genitori che non ti accettano …

alice, 25 anni Buongiorno,scrivo perchè mi trovo in una situazione veramente difficile e ho bisogno di un consiglio. Dalla tarda adolescenza non sono mai a...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

Paranoia

La paranoia è una psicosi caratterizzata dallo sviluppo di un delirio cronico (di grandezza, di persecuzione, di gelosia, ecc.), lucido, sistematizzato, dotat...

News Letters

0
condivisioni