Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Conseguenze delusioni amorose (151519)

on . Postato in Sessualità | Letto 86 volte


Davide, 33

Buonasera,
vi scrivo perchè vorrei capire come poter uscire da dalle fissassioni che mi vengono su persone del mio stesso stesso, uomini.
So di non essere omosessuale, perchè mi piacciono le donne e perchè non ho mai avuto problemi con loro. Ma in periodi di delusioni amorose, l'ultima in questo periodo e l'altra circa 8 anni fa, mi trovo in momenti dove incomincio a guardare altri uomini fino a pensare di poter essere gay, ed in questi momenti nella mia mente partono vari tipi di frasi che mi suggeriscono: e se ti piace? Guarda che begli occhi, guarda che bel ragazzo, arrivando a creare un'immagine nella tua mente di queste persone, che ogni tanto riaffiora facendoti pensare e mettendoti a disagio.
Penso di poter essere affetto da DOC ossessivo, perchè i sintomi sono gli stessi.
Questi disturbi sono partiti circa 4 mesi fa, proprio nei momenti in cui avevo problemi con la mia ragazza, premetto che dall'ultima volta che mi era successo circa 8 anni fa (come dicevo prima), non era più successo e non avevo dubbi sul mio orientamento sessuale.
Ora sono nella situazione che quando vado in giro e vedo uomini belli, mi giro dall'altra parte non pensandoci e non mi partono le frasi strane rendendomi più sereno, ma purtroppo se mi capita di rivedere delle persone su cui mi erano partite le fatidiche frasi, mi ritorna alla mente tutto il disagio provato in quei momenti.
Come potrei debellare del tutto queste immagini e frasi dalla mia mente?
Grazie per l'aiuto che date.
Un amico.

Caro Davide,
prima di parlare di disturbo ossessivo compulsivo necessita una verifica psicologica, infine l'omosessualità è latente in tutti noi, quindi i pensieri che hai esposto possono rientrare in una naturale riflessione e sfido tutti, che almeno una volta non abbiano pensato ad un rapporto a nche se virtuale con un pari sesso.
Quindi le tue preoccupazioni o più specificatamente le delusioni che hai provato con il mondo femminile sono da verificare le motivazioni per cui sono finite.
Ti consiglio di consultare uno psicoterapeuta psicodinamico che può aiutarti a risolvere il problema esposto.
Auguri.



(Risponde il Dott. Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 11/04/2012

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Sindrome dell’arto fantasma

 "Se togli a un uomo la gamba destra, anche a distanza di anni, ci saranno giorni in cui ti dirà che sente la gamba stanca, sì, la destra, gli farà male, p...

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

News Letters