Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Conseguenze delusioni amorose (151519)

on . Postato in Sessualità | Letto 78 volte


Davide, 33

Buonasera,
vi scrivo perchè vorrei capire come poter uscire da dalle fissassioni che mi vengono su persone del mio stesso stesso, uomini.
So di non essere omosessuale, perchè mi piacciono le donne e perchè non ho mai avuto problemi con loro. Ma in periodi di delusioni amorose, l'ultima in questo periodo e l'altra circa 8 anni fa, mi trovo in momenti dove incomincio a guardare altri uomini fino a pensare di poter essere gay, ed in questi momenti nella mia mente partono vari tipi di frasi che mi suggeriscono: e se ti piace? Guarda che begli occhi, guarda che bel ragazzo, arrivando a creare un'immagine nella tua mente di queste persone, che ogni tanto riaffiora facendoti pensare e mettendoti a disagio.
Penso di poter essere affetto da DOC ossessivo, perchè i sintomi sono gli stessi.
Questi disturbi sono partiti circa 4 mesi fa, proprio nei momenti in cui avevo problemi con la mia ragazza, premetto che dall'ultima volta che mi era successo circa 8 anni fa (come dicevo prima), non era più successo e non avevo dubbi sul mio orientamento sessuale.
Ora sono nella situazione che quando vado in giro e vedo uomini belli, mi giro dall'altra parte non pensandoci e non mi partono le frasi strane rendendomi più sereno, ma purtroppo se mi capita di rivedere delle persone su cui mi erano partite le fatidiche frasi, mi ritorna alla mente tutto il disagio provato in quei momenti.
Come potrei debellare del tutto queste immagini e frasi dalla mia mente?
Grazie per l'aiuto che date.
Un amico.

Caro Davide,
prima di parlare di disturbo ossessivo compulsivo necessita una verifica psicologica, infine l'omosessualità è latente in tutti noi, quindi i pensieri che hai esposto possono rientrare in una naturale riflessione e sfido tutti, che almeno una volta non abbiano pensato ad un rapporto a nche se virtuale con un pari sesso.
Quindi le tue preoccupazioni o più specificatamente le delusioni che hai provato con il mondo femminile sono da verificare le motivazioni per cui sono finite.
Ti consiglio di consultare uno psicoterapeuta psicodinamico che può aiutarti a risolvere il problema esposto.
Auguri.



(Risponde il Dott. Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 11/04/2012

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre con disturbo narcisistic…

emcla, 32     Dopo diversi anni di quella che riconosco essere una dipedenza affettiva mi sono trovata a leggere del disturbo narcisistico di per...

cambio generazionale (15083266…

Anna, 50     Buongiorno, ringrazio in anticipo chi potrà aiutarmi ad affrontare il mio problema. Ho 50 anni e da 30 lavoro nell'azienda di famig...

sig (1509381564901)

Antony, 50     Da 5 anni, più o meno nel periodo tra ottobre e gennaio, mia moglie, 48 anni, è come se cambiasse personalità. ...

Area Professionale

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Odio

Sentimento antitetico all'amore, caratterizzato dal desiderio durevole di danneggiare o distruggere uno specifico oggetto che può essere anche il proprio Sé o l...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

News Letters