Pubblicità

Dipendenza da Cybersesso (016332)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 165 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Francesco, 26 anni

Buongiorno Dottore, vorrei chiederle un chiarimento. Le spiego qual'è la mia situazione. Sono Francesco,un ragazzo di 26 anni, e fino al giorno della laurea tutto è andato bene. Ho trascorso l'adolescenza tra gli studi e la mia grande passione cioè il calcio. Finita l'università (mi sono laureato in Ingegneria Gestionale) volevo andare a fare un'esperienza di vita a Londra,per circa 6/12 mesi;avevo bisogno di vedere posti nuovi,gente nuova;mi sentivo un giovane troppo coccolato e viziato e sentivo che un'esperienza fuori casa mi avrebbe responsabilizzato ed in più avrei imparato bene l'inglese,cosa che sarebbe tornata utile per il lavoro. Il problema era che non mi sentivo pronto per distaccarmi dalla famiglia,forse credo perchè i miei genitori hanno sempre soddisfatto tutte le mie esigenze e non mi hanno fatto conoscere il valore del sacrificio, se non quello scolastico. Quindi passai i primi mesi dopo la laurea a casa,facendo ricerche su Internet per trovare info su Londra ed anche per visitare siti di grandi aziende alla ricerca di dove inviare il mio CV. Proprio durante questo periodo scoprii casualmente i siti porno e,visto che la mattina i miei genitori andavano a lavorare,rimanevo a casa e mi chiudevo nella mia camera (ho due fratelli,uno all'università e l'altro che purtroppo non lavora perchè soffre di depressione) e passavo tanto tempo alla ricerca di video porno ed a masturbarmi. All'inizio guardavo i video perchè attratto dalla curiosità riguardo il sesso ma cominciai subito a provare intenso piacere. Col passare del tempo vidi che il navigare alla ricerca di video porno per eccitarmi e masturbarmi mi toglieva del tempo prezioso da dedicare alla ricerca del lavoro oppure da usare per fare i preparativi per Londra. Decisi allora di smettere e fu proprio in quel momento che mi accorsi che non ne potevo più fare a meno; se non mi masturbavo come minimo 2/3 volte al giorno sentivo un disagio irresistibile. E' così che sono diventato dipendente senza accorgermene!!! Ormai sono passati un anno e mezzo dalla laurea e,anche avendo forte il desiderio di andare a Londra, o paura di fare questo passo perchè: - ho paura che una volta a Londra non ce la faccio a resistere alla tentazione della pornografia e che questo dannato vizio mi faccia perdere il lavoro col quale mantenermi oppure - ho paura che,anche lavorando,sarò continuamente infelice perchè costantemente assillato dal desiderio del sesso. In questi giorni mi sono iscritto ad un gruppo di auto aiuto per dipendenti da cybersesso che mi sta illuminando ulteriormente riguardo il problema.Il fondatore del gruppo nella home page fa la seguente affermazione: "La dipendenza dalla pornografia non ha nulla a che vedere con la dipendenza dall'attività sessuale ed in nessun modo è una compensazione ad una carenza di questa attività". Secondo me,invece le due dipendenze sono strettamente collegate. Quindi mi rivolgo a lei per chiederle: Che relazione esiste tra la dipendenza sessuale e la dipendenza da cybersesso? O meglio,chi è un dipendente da cybersesso è a richio di diventare un dipendente sessuale e viceversa? Inoltre vorrei chiederle dove posso trovare ulteriori informazioni riguardo la dipendenza da cybersesso,se esiste qualche libro che ne parli in modo approfondito o qualche altro tipo di fonte. (Ho già letto l'articolo di Lambiase che sta sul vostro sito e l'ho trovato molto interessante ma non menziona nessuna proposta terapeutica). Infine,visto che ho acquistato il libro di Lambiase "La dipendenza sessuale.Modelli clinici e proposte di intervento terapeutico",credendo che il mio problema fosse quello della dipendenza sessuale,potrebbe essermi utile leggermi le proposte terapeutiche lì descritte,visto che,le ripeto,secondo me le due dipendenze sono strettamnete collegate? Sono disperato ed ho paura che questa dipendenza possa rovinarmi tutte le prospettive di lavoro e tutti i sacrifici che ho fatto per laurearmi. Se potete darmi dei consigli saranno per me come oro colato! Se potete,aiutatemi.Grazie infinitamente.

Gentile Francesco, innanzitutto non vedo grandi dfferenze tra il cybersex o le altre dipendenze sessuali, si tratta comunque della così detta sexual addiction che come lei la descrive impedisce il normale svolgimento di qualsiasi attività lavorativa o altro per dedicarsi ad essa altrimenti si sta male come lei descrive molto bene,
di certo leggere libri e partecipare a gruppo di auto aiuto è una cosa ottima ma la cosa migliore è di iniziare una psicoterapia con un specialista in dipendenze poichè che sia sesso, alcol o fumo il meccanismo che si innesca è sempre o stesso.
In questo modo riusicrà a capire dove risiede l'origine della sua dipendenza e a stare meglio riuscendo così a tornare a vivere in modo normale. Buon lavoro

( risponde la dott.ssa Benedetta Mattei )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Blesità

Per blesità si intende il difetto di pronuncia provocato da una situazione anomala degli organi della fonazione o dalla loro alterata motilità, con conseguente ...

Afasia

L’afasia è un disturbo della formulazione e della comprensione di messaggi linguistici, che consegue a lesioni focali cerebrali, in persone che avevano in pre...

Bad trip

Con l'aggiunta dell'aggettivo bad (bad trip), si indicano in specifico le esperienze psico-fisiche definibili come negative o spiacevoli per il soggetto. In it...

News Letters

0
condivisioni