Pubblicità

Fantasie erotiche e realtà (53709)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 49 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Mirko, 22 anni

Salve a tutti gli esperti di Psiconline e compliementi davvero per la vostra organizzazione.
Vi scrivo perchè da tempo oramai ho un dubbio che mi assilla.
Sin dai primi sviluppi dell'adolescenza, avevo fantasie erotiche strane che riguardavano l'essere "sottomesso" ad una donna e inoltre provavo attrazione verso i piedi femminili. Premetto che tutto questo non ha mai interferito con l'avere normali rapporti sessuali...ma dopo tanti anni, soprattutto a causa di quello che si vede su internet, ho scoperto di avere altre fantasie erotiche legate sempre alla sottomissione...mi eccita ad esempio vedere una donna (molto bella e slanciata cmq che io immagino come "dea") con un fallo artificiale legato in vita prendere il posto dell'uomo e imporsi. Sottolineo che non ho alcuna attrazione verso gli uomini e tantomeno mi eccito indossando indumenti femminili e nella vita reale penso che ogni persona sia uguale all'altra. Aggiungo che non credo che dal vivo arriverei a fare tutto quello che immagino con la fantasia.
A questo punto le mie domanda sono le seguenti:
è normale avere della fantasie che però non si vogliono concretizzare dal vivo?
dato che in questi ultimi mesi soffro d'ansia, anche se a mio giudizio non è legato alle fantasie, queste ultime ne possono essere comunque la causa?
il fatto di possedere tali fantasie può compromettere i rapporti con le ragazze e quindi impedirmi di innamorarmi? Su quest'ultima aggiungo che la mia partner ideale dovrebbe essere una ragazza con la quale instaurare una totale intesa in modo tale che l'eventuale concretizzarsi delle fantasie possa risultare cmq piacevole per entrambi e nn sia solo una "perversione" ma un modo per rendere più eccitante il rapporto. Quello su cui sono in conflitto è il fatto di pensare che amore e sesso spesso non vanno d'accordo.
Grazie per la disponibilità e cordiali saluti.

Caro Mirko l'immaginario erotico è una parte molto importante della sessualità di ogni individuo e non sono previste censure.
Come tu stesso hai intuito c'è una grande differenza tra immaginario ed agito. Devi comunque tener presente che le perversioni o meglio le parafilie diventano tali quando sono messe in pratica ed escludono dal campo ogni altra possibilità d'espressione sessuale. Inoltre c'è da fare un distinguo tra le parafilie che causano danno ad altri, come: pedofilia , frotteurismo, sadismo, voyeurismo, ecc. e quelle che si riverberano sull'individuo o sulla coppia.
Da tenere presente che tutto quello che viene scelto consensualmente dalla coppia, purché entrambi maggiorenni e in possesso di capacità decisionali, va bene.
Per quanto riguarda l'ansia non è da escludere, che in parte, dipenda dalla dissonanza interiore che ti procurano le fantasie erotiche.
Spero che questa mia risposta sia servita a fare chiarezza e a tranquillizzarti.
Auguri.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

News Letters

0
condivisioni