Pubblicità

Fantasie incestuose (162406)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 87 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Giulia, 23

 

Gentile Dottore,
sono una studentessa di 23 anni, proveniente da una buona famiglia, ed ho una relazione con una ragazza. Mi sono resa drammaticamente conto che, l'unico modo che ho per raggiungere la soddisfazione sessuale, sia durante l'autoerotismo, sia (ohimè) durante i rapporti con la mia partner è avere pensieri incestuosi verso mio padre.
La cosa oltre a provocarmi grossi sensi di colpa mi spaventa anche, la paura più grande è quella che non potrò più avere una normale vita sessuale.
Il mio rapporto con lui è freddo, non riesco spesso a dimostrare il bene che voglio e credo anche lui. Andiamo d'accordo ma è come se ognuno di noi facesse una vita a parte che non si racconta in famiglia, o si racconta raramente. Provando a pensare ad una causa per questo problema mi viene in mente che sentire i miei genitori fare sesso mi aveva parecchio disturbata in età adolescenziale, oppure una volta che, giocando con lui da bambina mi aveva immobilizzata sul letto, forse ho vissuto qualcosa tra queste due cose che ho percepito come trauma? è possibile recuperare una distorsione come questa oppure sto messa proprio male?
Confido in una vostra risposta, e ringrazio tutti gli specialisti per dedicare tempo a questo prezioso e umano servizio.

Cara Giulia,
dal racconto si apprende che la tua relazione è con un'altra ragazza cioè hai scelto un orientamento sessuale che concilia con i tuoi desideri e pensieri.
Per risolvere il problema di dubbiosità che hai denunciato come quello di un complesso edipico ancora presente o fantasie di cosa può esserti successo in adolescenza, devi rivolgerti ad uno psicologo psicoterapeuta psicodinamico che può aiutari a far emergere le tue perplessita nella relazione col padre e rimuovere se è accaduto qualcosa che non è descritto nel tuo messaggio.
Auguri

 

(Risponde il Dott. Sergio Pugelli)

Pubblicato in data 23/05/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Bad trip

Con l'aggiunta dell'aggettivo bad (bad trip), si indicano in specifico le esperienze psico-fisiche definibili come negative o spiacevoli per il soggetto. In it...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

News Letters

0
condivisioni