Pubblicità

Binge Eating Disorder

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 2729 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

binge eating disorderNon si conosce ancora la causa esatta del BED (binge Eating Disorder), anche perché è una patologia da poco individuata e studiata come categoria a sé stante (si ricorda che nel DSM-IV era ancora classificato come un Disturbo dell’Alimentazione Non Altrimenti Specificato).

Ad ogni modo, i ricercatori sostengono che possa essere il risultato di una combinazione di fattori psicologici, biologici ed ambientali.

Tra questi, sembrerebbero rivestire un ruolo importante:

  • Esperienze difficili nell’infanzia;
  • Diisturbi depressivi nell’individuo e/o nei genitori;
  • Tendenza all'obesità;
  • Preoccupazione ed insoddisfazione per l'immagine corporea o per il peso, quindi il frequente ricorso a diete;
  • Emozioni negative ritenute intollerabili;
  • Disturbi del Controllo degli Impulsi;
  • Disturbo del Comportamento Alimentare o, comunque, un atteggiamento disfunzionale con il cibo, da parte dei genitori;
  • Funzionamento anomalo degli ormoni che regolano l’appetito e/o delle proteine che regolano lo zucchero nel sangue ed il metabolismo del corpo;
  • Effetto collaterale di alcuni psicofarmaci, che vanno a sovra stimolare l’appetito.

Pubblicità

Le conseguenze di questo comportamento disfunzionale includono:

  • Diabete.
  • Pressione sanguigna alta.
  • Colesterolo alto.
  • Disturbo della colecisti.
  • Disturbi del cuore.
  • Respiro corto.
  • Alcuni tipi di cancro.
  • Problemi mestruali.
  • Diminuzione della mobilità e stanchezza.
  • Problemi del sonno, inclusa l’apnea notturna.
  • Stress significativo, tanto da trascurare lavoro, scuola ed attività sociali.

Per un trattamento completo ed efficace dei soggetti affetti da tale disturbo, bisogna avvalersi del contributo di diverse strategie, come la psicoterapia, soprattutto di tipo cognitivo-comportamentale; i farmaci, soprattutto gli antidepressivi SSRI; la consulenza di un nutrizionista, che possa elaborare una dieta personalizzata per il soggetto, soddisfacendone necessità e gusti; la terapia di gruppo e/o familiare, affinché il soggetto sia supportato in modo valido dai propri cari e possa confrontarsi apertamente con persone che hanno un problema analogo.

 

Bibliografia

  • American Psichiatric Association, Diagnostical and Statistical Manual of Mental Disorders, IV Edition-TR, 2011.
  • American Psichiatric Association, Diagnostical and Statistical Manual of Mental Disorders, V Edition, 2013.
  • Bogetto Filippo, Giuseppe Maina, Elementi di Psichiatria, Minerva Medica
  • Loriedo C., Bianchi G., Perella C. (2002) Binge Eating Disorder: aspetti clinici, nosografici e terapeutici, Giornale Italiano di Psicopatologia.
  • Troiano, Petrone, Di Giuseppe, Dizionario di Psicologia in Internet, Edizioni MaGi, 2005.


(Dott.ssa Alice Fusella)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: disordini alimentari

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Gerusalemme

La Sindrome di Gerusalemme consiste nella manifestazione improvvisa di impulsi religiosi ed espressioni visionarie, da parte di visitatori della città di Gerusa...

Erotomania

In psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi...

Ippocampo

Struttura sottocorticale sistuata all'interno di ciascun emisfero cerebrale, in corrispondenza della superficie mediale, dalla forma simile ad un cavalluccio ma...

News Letters

0
condivisioni