Pubblicità

Binge Eating Disorder

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 1606 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

binge eating disorderNon si conosce ancora la causa esatta del BED (binge Eating Disorder), anche perché è una patologia da poco individuata e studiata come categoria a sé stante (si ricorda che nel DSM-IV era ancora classificato come un Disturbo dell’Alimentazione Non Altrimenti Specificato).

Ad ogni modo, i ricercatori sostengono che possa essere il risultato di una combinazione di fattori psicologici, biologici ed ambientali.

Tra questi, sembrerebbero rivestire un ruolo importante:

  • Esperienze difficili nell’infanzia;
  • Diisturbi depressivi nell’individuo e/o nei genitori;
  • Tendenza all'obesità;
  • Preoccupazione ed insoddisfazione per l'immagine corporea o per il peso, quindi il frequente ricorso a diete;
  • Emozioni negative ritenute intollerabili;
  • Disturbi del Controllo degli Impulsi;
  • Disturbo del Comportamento Alimentare o, comunque, un atteggiamento disfunzionale con il cibo, da parte dei genitori;
  • Funzionamento anomalo degli ormoni che regolano l’appetito e/o delle proteine che regolano lo zucchero nel sangue ed il metabolismo del corpo;
  • Effetto collaterale di alcuni psicofarmaci, che vanno a sovra stimolare l’appetito.

Pubblicità

Le conseguenze di questo comportamento disfunzionale includono:

  • Diabete.
  • Pressione sanguigna alta.
  • Colesterolo alto.
  • Disturbo della colecisti.
  • Disturbi del cuore.
  • Respiro corto.
  • Alcuni tipi di cancro.
  • Problemi mestruali.
  • Diminuzione della mobilità e stanchezza.
  • Problemi del sonno, inclusa l’apnea notturna.
  • Stress significativo, tanto da trascurare lavoro, scuola ed attività sociali.

Per un trattamento completo ed efficace dei soggetti affetti da tale disturbo, bisogna avvalersi del contributo di diverse strategie, come la psicoterapia, soprattutto di tipo cognitivo-comportamentale; i farmaci, soprattutto gli antidepressivi SSRI; la consulenza di un nutrizionista, che possa elaborare una dieta personalizzata per il soggetto, soddisfacendone necessità e gusti; la terapia di gruppo e/o familiare, affinché il soggetto sia supportato in modo valido dai propri cari e possa confrontarsi apertamente con persone che hanno un problema analogo.

 

Bibliografia

  • American Psichiatric Association, Diagnostical and Statistical Manual of Mental Disorders, IV Edition-TR, 2011.
  • American Psichiatric Association, Diagnostical and Statistical Manual of Mental Disorders, V Edition, 2013.
  • Bogetto Filippo, Giuseppe Maina, Elementi di Psichiatria, Minerva Medica
  • Loriedo C., Bianchi G., Perella C. (2002) Binge Eating Disorder: aspetti clinici, nosografici e terapeutici, Giornale Italiano di Psicopatologia.
  • Troiano, Petrone, Di Giuseppe, Dizionario di Psicologia in Internet, Edizioni MaGi, 2005.


(Dott.ssa Alice Fusella)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: disordini alimentari

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Disturbo bipolare dell'umore (…

settepassi, 63 Soffro da circa 8 anni di DISTURBO BIPOLARE dell' UMORE, almeno così mi è stato diagnosticato. ...

Il mio compagno (156087164017)

Simy, 42 Il mio compagno è un uomo straordinario, nn mi fa mancare nulla materialmente, ama i miei figli (avuti da un matrimonio precedente). ...

Sessualità (1560543734926)

Cinzia,56 Buonasera, c’è una cosa che mi assilla. ...

Area Professionale

Articolo 21 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.21 (insegnamento strumenti e tecniche psicologiche), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardi...

Articolo 20 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.20 (didattica e deontologia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 19 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.19 (selezione e valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

Gambling

Il gambling, o gioco d’azzardo patologico (GAP), è un disturbo del comportamento caratterizzato dalla continua perdita del controllo in situazioni di gioco. Ess...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

News Letters

0
condivisioni