Pubblicità

infedeltà(164608)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 352 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gino, 37

Gentile dottore,
sposato da un anno e mezzo, sto con mia moglie da otto anni. Mi ha tradito con il suo datore di lavoro, molto più anziano di lei (37 anni lei, 58 lui), una sola volta, confessandomelo - a onor del vero - nella stessa giornata. Poiché non eravamo affatto una coppia in crisi, per me è stata una randellata. Per lei è stato come se non fosse accaduto nulla, uno sfizio, un divertimento. Avrebbe però voluto anche continuare questa relazione di sola natura sessuale, a suo dire, anche perché mi ha notato effettivamente molto eccitato (e lo ero, il racconto della sua infedeltà mi ha eccitato come non mai e abbiamo fatto sesso con un'eccitazione che non avevamo più da molto tempo). Poiché ho preso a soffrirne, ha deciso di interrompere anche la relazione anche se rimane in me qualche dubbio che sia vero. Per me, a parte la natura impulsivo/sessuale del momento, è comunque rimasta una mazzata assurda, perché il mio mondo si è sgretolato. Anche se continuo a stare con lei, perché la amo, non mi fido più di lei, sono geloso e di umore instabile. Da un lato non voglio perderla, dall'altro sono certo che non riuscirò più ad amarla come prima. E lo stesso pensiero che mi tradisca di nuovo mi rende inquieto ed eccitato al tempo stesso. Non sono sicuro di saper gestire questa situazione, sono spesso tentato di darci un taglio. Datemi aiuto nel decidere cosa fare.




Caro Gino,
quando succedono certe cose la prima cosa da fare è riflettere se all'interno della coppia non ci fossero già state avvertenze di crisi infatti racconti che la sessualità si è accesa al racconto del tradimento. Perdonare può essere un buon motivo per costruire una nuova formula di coppia con dei valori e morali che non devono essere disattesi. Consiglio un consulto da uno psicologo psicoterapeuta sia come coppia sia individualmente per aiutarvi o in una separazione consensuale o in una costruzione nuova della coppia.
Auguri

 

(Risponde il Dott. Sergio Puggelli)

 

Pubblicato in data 22/05/2014

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficolta' a dimenticare [159…

Alidra82, 38 anni Gentili dottoriIl mio problema puo' sembrare molto banale, ma e' un problema che limita molto la mia vita e da cui non riesco a liberarmi...

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

Anorgasmia

Con il termine “anorgasmia” si fa riferimento alla mancanza e/o assenza di orgasmo, intesa come difficoltà o incapacità a raggiungere l'orgasmo.  Il termi...

Narcisismo

La parola "narcisismo" proviene dal mito greco di Narciso. Secondo il mito Narciso era un bel giovane che rifiutò l'amore della ninfa Eco. Come punizione, fu d...

Climaterio

In medicina si intende il periodo che precede e segue la menopausa, nella donna, o il periodo che precede l'andropausa, negli uomini, caratterizzato dalla cessa...

News Letters

0
condivisioni