Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

infedeltà(164608)

on . Postato in Sessualità | Letto 19 volte

Gino, 37

Gentile dottore,
sposato da un anno e mezzo, sto con mia moglie da otto anni. Mi ha tradito con il suo datore di lavoro, molto più anziano di lei (37 anni lei, 58 lui), una sola volta, confessandomelo - a onor del vero - nella stessa giornata. Poiché non eravamo affatto una coppia in crisi, per me è stata una randellata. Per lei è stato come se non fosse accaduto nulla, uno sfizio, un divertimento. Avrebbe però voluto anche continuare questa relazione di sola natura sessuale, a suo dire, anche perché mi ha notato effettivamente molto eccitato (e lo ero, il racconto della sua infedeltà mi ha eccitato come non mai e abbiamo fatto sesso con un'eccitazione che non avevamo più da molto tempo). Poiché ho preso a soffrirne, ha deciso di interrompere anche la relazione anche se rimane in me qualche dubbio che sia vero. Per me, a parte la natura impulsivo/sessuale del momento, è comunque rimasta una mazzata assurda, perché il mio mondo si è sgretolato. Anche se continuo a stare con lei, perché la amo, non mi fido più di lei, sono geloso e di umore instabile. Da un lato non voglio perderla, dall'altro sono certo che non riuscirò più ad amarla come prima. E lo stesso pensiero che mi tradisca di nuovo mi rende inquieto ed eccitato al tempo stesso. Non sono sicuro di saper gestire questa situazione, sono spesso tentato di darci un taglio. Datemi aiuto nel decidere cosa fare.




Caro Gino,
quando succedono certe cose la prima cosa da fare è riflettere se all'interno della coppia non ci fossero già state avvertenze di crisi infatti racconti che la sessualità si è accesa al racconto del tradimento. Perdonare può essere un buon motivo per costruire una nuova formula di coppia con dei valori e morali che non devono essere disattesi. Consiglio un consulto da uno psicologo psicoterapeuta sia come coppia sia individualmente per aiutarvi o in una separazione consensuale o in una costruzione nuova della coppia.
Auguri

 

(Risponde il Dott. Sergio Puggelli)

 

Pubblicato in data 22/05/2014

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

Blesità

Per blesità si intende il difetto di pronuncia provocato da una situazione anomala degli organi della fonazione o dalla loro alterata motilità, con conseguente ...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

News Letters