Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Perversioni sessuali (166384)

on . Postato in Sessualità | Letto 701 volte

Cassandra, 33

D

 


Gentile Dottoressa, sono una donna di 33 anni, sposata da 4 con u n uomo serio, affidabile, ma estremamente razionale e "assennato"... E da quasi 2 anni ho una relazione sessualmente travolgente e passionale con un mio ex di tanti anni fa (con il quale all'epoca la storia si era interrotta per "cause maggiori"),che è single e del quale sono innamorata.

Le scrivo proprio perchè sto cercando di comprendere le dinamiche psicologiche del mio amante che stanno alla base di alcuni suoi comportamenti sessuali e soprattutto fantasie nei miei riguardi.
Premesso che abbiamo una straordinaria intesa sessuale, posso dire che il mio amante mi conosce meglio di qualsiasi altro e che con lui mi sento pienamente me stessa, dentro e fuori dal letto.
Questa grande intesa sessuale ci ha portato a confidarci anche sulle nostre reciproche fantasie sessuali e mi ha confessato (dopo un anno circa) che dall'inizio lui si è sempre eccitato all'idea che io facessi sesso con mio marito, dominandolo, e ricavandone piacere pensando al mio amante.
Io sono rimasta sconvolta inizialmente, perchè lui sapeva benissimo che io raramente intrattenevo rapporti sessuali con mio marito e che non mi piacevano. E poi mi ha sorpreso che abbia questa visione di me così erotizzata, visto che mi ha pure detto che le tutte le volte che era andato con altre donne, durante la nostra relazione, pensava a me per eccitarsi.
Comunque da quel momento mi ha spinto a provare questo gioco perverso, dove io dovevo fare sesso con mio marito e poi raccontargli tutto. Inizialmente sono stata al suo gioco (enfatizzavo parecchio i miei racconti) per vedere fino a che punto lui arrivasse. In effetti lui si eccitava parecchio, ma poi la cosa è andata oltre, perchè è arrivato al punto di chiedermi un video di un rapporto sessuale tra me e mio marito, per vedere che approccio avessi io nei suoi confronti...a quel punto mi sono ribellata e il mio rifiuto di assecondarlo è stato cocente per lui...tanto che è stato un susseguirsi di tensioni che ci ha fatto chiudere la storia per qualche mese.
Ma non riusciamo a stare lontani, e siamo tornati insieme con più passione di prima.
Adesso sembra aver messo da parte queste fantasie che riguardano me e mio marito, ma le ha sostituite con altre...
Vorrebbe che io facessi sesso con lui ed un altro uomo (che dovrebbe scegliere lui), perchè vorrebbe darmi un piacere maggiore di quello che potrebbe darmi lui solo, nonostante lo rassicuri sul fatto che lui mi basta e mi soddisfa pienamente... Per farmi provare la doppia penetrazione (che è una mia fantasia) e per vedere me come mi approccio, se e quanto mi piacerebbe fare un' esperienza del genere.
Io ammetto che la farei, come gioco sessuale tra me lui dove il terzo sarebbe un puro "accessorio"...ma sarebbe solo un gioco, io voglio lui.
La cosa che mi preoccupa è questo suo accanimento a "studiarmi" in quei momenti, il fatto che lui sia quasi "ossessionato" dal fatto di darmi un piacere sessuale sempre maggiore, e spesso mi dice (soprattutto nei momenti passionali tra di noi) che tutto il mio piacere sessuale deve dipendere esclusivamente da lui, in qualsiasi circostanza, che devo pensare sempre a lui (anche se mi masturbo, tanto per fare un esempio)...
E' come se lui accettasse di non avere l'esclusività sul mio corpo, ma cercasse di possedermi totalmente con la testa e con i sentimenti, attraverso il piacere sessuale che mi dà o mi vorrebbe dare.
Io ho cercato di fargli capire che lo amo non solo per il sesso, e che potrei lasciare mio marito e stare con lui... Ma lui è convinto che quello che mi dà mio marito (la sicurezza, la stabilità) lui non riuscirebbe a darmelo e che per questo lo lascerei...  ma è pienamente consapevole del fatto che quello che c'è tra noi due non lo possiamo trovare all'infuori di noi....
C'è da dire che lui ha avuto una giovinezza travagliata, perchè si è sposato a soli 18 anni perchè la ragazza era incinta e per 17 anni, tra lascia e prendi, ha cercato di portare avanti un matrimonio che non ha mai funzionato, e dal quale ha avuto due figli. Adesso però ha divorziato.
Io non so quanto direttamente possa influire la sua passata esperienza sul nostro rapporto, però è evidente che il suo modo di volermi è contorto...
Lei che ne pensa?
Grazie anticipatamente!

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

R

Cara Cassandra,
dal racconto si evince che l’amante tende per una parafilia non altrimenti specificata che si chiama triolismo.Non c’è da meravigliarsi infatti i club con privè per attuare questi giochi sessuali erotici sono in forte aumento poiché la sessualità sta diventando non una condivisione fra due attraverso affetto e sentimento ma un qualcosa che serve per combattere la noia e questo è un grosso problema che è in aumento.
Consiglio di far fare all’amante un consulto da uno psicoterapeuta sessuologo per capire le motivazioni delle sue fantasie, consiglio di leggere il libro La coppia e i suoi segreti edito da dimeri che affronta anche il tema dello scambismo e triolismo

Auguri

(a cura del Dottor Sergio Puggelli)

 

Pubblicato in data 18/0972015

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Area Professionale

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Le parole della Psicologia

Belonefobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolier...

Intelligenze Multiple

“Scrivendo questo libro, mi proposi di minare la nozione comune di intelligenza come capacità o potenziale generale che ogni essere umano possiederebbe in misur...

News Letters