Pubblicità

Perversioni sessuali e sensi di colpa (069325)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 60 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giovanni 26 anni, 4.02.2003

Sono un ragazzo di 26 anni, che si è accorto di recente quanto male si è fatto in passato per alcuni sui comportamenti, bisogni, istinti, che non è riuscito a frenare tempo fa.
Vivo in una famiglia radicata in valori di un tempo, dove la forma e lo status hanno sempre contato molto.
Sono sempre stato un ragazzo molto piacente, di spiccata simpatia agli altri, e con grandi doti artistiche. I miei problemi nascono da quando, nell'età adolesenziale, mi accorgo di non avere un'erezione a "gobba" verso il basso del mio pene, pensando, stupidamente, ad aver problemi sessuali con le mie possibili partners.
Da li, fino ai 20 anni, ho sempre avuto rapporti di puro amore, e di paura latente verso il mio membro, tali da non farmi fare il primo passo verso i rapporti. Deciso di risolvere il problema da solo, e per evitare magre figure, decisi di sverginarmi con una prostituta di colore. Il rapporto andò bene, e dopo, mi sentivo finalmente in pace.
Se nonchè, ho incominciato a frequentare prostitute di colore, per 3 anni mezzo, altalenando rapporti di coppia dove l'aspetto sessuale funzionava ugualmente. Ad oggi, mi ritengo un amante esperto, che non ha nessun tipo di problema.
Mi sento uno straccio, però, per ciò che ho fatto in passato; per le nottate vissute in macchina, a cercare e "scegliere" una ragazza che mi attirasse, e così via.
Oggi sono insieme ad una ragazza, che non sa nulla di tutto questo, e penso che se lo sapesse mi mollerrebbe subito, visto che ne abbiamo parlato in generale.
Mi vergogno molto di ciò che ho fatto, mi fa star male, e non riesco a farlo passare. Non potrei più andare con una prosittuta, anceh se molte volte lo stimolo si fa sentire, e molto forte.
Sono una persona riflessiva, non ho mai avuto problemi a trovare ragazze, sono sempre piaciuto, ma alla fine ci sono cascato anch'io, anche se dicevo, tanti anni fa, che non l'avrei mai fatto.
Il senso di copa nei miei confronti è fortissimo, specialmente perchè non lo sa nessuno.
Se mai amici, genitori, sapessero ciò che ho fatto, gli recherei un dispiacere troppo forte. Non capisco come persone della mia età, possano confessare certi fatti con estrema disinvoltura, anceh a rag azze amiche, ridendoci su. A volte, mi sento malissimo, e questo mi blocca molto, anche nei rapporti interpersonali. Non so che fare, e sto male.

Caro Giovanni, il passato è passato!
Anche se ti risulta difficile conciliare un te ragazzo insicuro con l'attuale te stesso non significa che ciò che hai fatto sia sbagliato.
Hai attraversato un periodo difficile, pieno di insicurezze e hai trovato un rimedio "fai da te" che ha funzionato.
L'importante è che ora tu abbia una buona vita sessuale e delle valide relazioni.
Il tuo passato è solo tuo, e non va condiviso con nessuno. Solo tu sai i "perchè" e solo tu sei giudice di te stesso. Saluti e auguri.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come ...

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

Percezione

Tradizionalmente, gli psicologi hanno distinto il modo nel quale noi riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate: Sensazione: riguarda i...

News Letters

0
condivisioni