Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Perversioni sessuali e sensi di colpa (069325)

on . Postato in Sessualità | Letto 6 volte

Giovanni 26 anni, 4.02.2003

Sono un ragazzo di 26 anni, che si è accorto di recente quanto male si è fatto in passato per alcuni sui comportamenti, bisogni, istinti, che non è riuscito a frenare tempo fa.
Vivo in una famiglia radicata in valori di un tempo, dove la forma e lo status hanno sempre contato molto.
Sono sempre stato un ragazzo molto piacente, di spiccata simpatia agli altri, e con grandi doti artistiche. I miei problemi nascono da quando, nell'età adolesenziale, mi accorgo di non avere un'erezione a "gobba" verso il basso del mio pene, pensando, stupidamente, ad aver problemi sessuali con le mie possibili partners.
Da li, fino ai 20 anni, ho sempre avuto rapporti di puro amore, e di paura latente verso il mio membro, tali da non farmi fare il primo passo verso i rapporti. Deciso di risolvere il problema da solo, e per evitare magre figure, decisi di sverginarmi con una prostituta di colore. Il rapporto andò bene, e dopo, mi sentivo finalmente in pace.
Se nonchè, ho incominciato a frequentare prostitute di colore, per 3 anni mezzo, altalenando rapporti di coppia dove l'aspetto sessuale funzionava ugualmente. Ad oggi, mi ritengo un amante esperto, che non ha nessun tipo di problema.
Mi sento uno straccio, però, per ciò che ho fatto in passato; per le nottate vissute in macchina, a cercare e "scegliere" una ragazza che mi attirasse, e così via.
Oggi sono insieme ad una ragazza, che non sa nulla di tutto questo, e penso che se lo sapesse mi mollerrebbe subito, visto che ne abbiamo parlato in generale.
Mi vergogno molto di ciò che ho fatto, mi fa star male, e non riesco a farlo passare. Non potrei più andare con una prosittuta, anceh se molte volte lo stimolo si fa sentire, e molto forte.
Sono una persona riflessiva, non ho mai avuto problemi a trovare ragazze, sono sempre piaciuto, ma alla fine ci sono cascato anch'io, anche se dicevo, tanti anni fa, che non l'avrei mai fatto.
Il senso di copa nei miei confronti è fortissimo, specialmente perchè non lo sa nessuno.
Se mai amici, genitori, sapessero ciò che ho fatto, gli recherei un dispiacere troppo forte. Non capisco come persone della mia età, possano confessare certi fatti con estrema disinvoltura, anceh a rag azze amiche, ridendoci su. A volte, mi sento malissimo, e questo mi blocca molto, anche nei rapporti interpersonali. Non so che fare, e sto male.

Caro Giovanni, il passato è passato!
Anche se ti risulta difficile conciliare un te ragazzo insicuro con l'attuale te stesso non significa che ciò che hai fatto sia sbagliato.
Hai attraversato un periodo difficile, pieno di insicurezze e hai trovato un rimedio "fai da te" che ha funzionato.
L'importante è che ora tu abbia una buona vita sessuale e delle valide relazioni.
Il tuo passato è solo tuo, e non va condiviso con nessuno. Solo tu sai i "perchè" e solo tu sei giudice di te stesso. Saluti e auguri.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

News Letters