Pubblicità

Sesso come malattia (155587)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 32 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Davide, 33

 

Gentile Dottore,
sono un ragazzo sposato... credo di aver fatto del sesso una malattia... Ho sempre voglia, ma quel che è più grave, voglia di farlo con partner diverse...
Ho a che fare con parecchie ragazze per il lavoro che faccio, vorrei portarle a letto tutte (o quasi), con molte ci riesco ... è diventata una sorta di ossessione.
Dopo poco tempo queste ragazze non mi interessano più come prima e cambio, naturalmente a mio rischio e pericolo, anche se loro inizialmente lo sanno e sanno che non devono innamorarsi, purtroppo succede e ne nasce un casino pazzesco... per me è divantato insostenibile.
Voglio pace e tranquillità, voglio pensare solo a mia moglie che amo da impazzire, voglio che i miei impulsi sessuali siano più controllati, solo con la testa non ci riesco.
Non so che fare, ma questa consulenza è un inizio, è la voglia di cambiare!

Caro Dante,
La tua si può definire sindrome del don giovannismo, ma ciò non è un grosso problema da risolvere purchè il sentimento verso la moglie è reale e non abitudinario.
La prima cosa che devi chiederti è cosa rappresenta la figura femminile,con le donne facendo sesso puro cosa provo negli attimi successivi all'orgasmo?
Credo che per fare un percorso di analisi seria occorra che ti rivolga ad uno psicologo psicoterapeuta psicodinamico che riuscirà a farti emergere la tua vera interiorità in modo da poter poi relazionare con le donne solo da un punto di vista esistenziale e non sessuale.
Così puoi apprezzare molto di più la compagna stabile e vivere una serena relazione di coppia.
Auguri

 

(Risponde il Dott. Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 17/09/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

News Letters

0
condivisioni