Pubblicità

Sesso come malattia (155587)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 44 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Davide, 33

 

Gentile Dottore,
sono un ragazzo sposato... credo di aver fatto del sesso una malattia... Ho sempre voglia, ma quel che è più grave, voglia di farlo con partner diverse...
Ho a che fare con parecchie ragazze per il lavoro che faccio, vorrei portarle a letto tutte (o quasi), con molte ci riesco ... è diventata una sorta di ossessione.
Dopo poco tempo queste ragazze non mi interessano più come prima e cambio, naturalmente a mio rischio e pericolo, anche se loro inizialmente lo sanno e sanno che non devono innamorarsi, purtroppo succede e ne nasce un casino pazzesco... per me è divantato insostenibile.
Voglio pace e tranquillità, voglio pensare solo a mia moglie che amo da impazzire, voglio che i miei impulsi sessuali siano più controllati, solo con la testa non ci riesco.
Non so che fare, ma questa consulenza è un inizio, è la voglia di cambiare!

Caro Dante,
La tua si può definire sindrome del don giovannismo, ma ciò non è un grosso problema da risolvere purchè il sentimento verso la moglie è reale e non abitudinario.
La prima cosa che devi chiederti è cosa rappresenta la figura femminile,con le donne facendo sesso puro cosa provo negli attimi successivi all'orgasmo?
Credo che per fare un percorso di analisi seria occorra che ti rivolga ad uno psicologo psicoterapeuta psicodinamico che riuscirà a farti emergere la tua vera interiorità in modo da poter poi relazionare con le donne solo da un punto di vista esistenziale e non sessuale.
Così puoi apprezzare molto di più la compagna stabile e vivere una serena relazione di coppia.
Auguri

 

(Risponde il Dott. Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 17/09/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Pedofilia

  Con il termine pedofilia si intende un disturbo della sessualità di tipo parafilico, caratterizzato da intensi e ricorrenti impulsi o fantasie sessuali ...

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

News Letters

0
condivisioni