Pubblicità

sesso e matrimonio (47789)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 45 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Roberta, 25anni (29.1.2002)

Sono sposata da circa 5 anni e ho una bimba di 4.Mio marito è un buon compagno e un buon padre ma il problema sorge a letto.Da dopo il matrimonio facciamo l'amore sì o no 1-2 volte la settimana trovando tutte le scuse possibili:la stanchezza ,i turni di lavoro,la bambina che non dorme!e così diciamo che è normale farlo così poco e non avere tanta voglia di farlo.Poi da un pò di tempo mi eccito solo pensando ad altro a cose spinte e "sporche"che nella realtà non farei mai ma che mi eccitano molto e eccitano anche mio marito quando gliene racconto.A me dispiace questo perchè penso che due innamorati debbano eccitarsi anche solo con le semplici carezze e non sempre pensando a certe cose! Comunque il più grande problema a mio avviso è il fatto che mio marito soffra di eiaculazione precoce e ultimamente secondo me si è aggravato.La maggior parte delle volte io devo raggiungere l'orgasmo con la masturbazione.Tempo fa ho cercato di parlarne con lui , di rivolgersi al suo medico;ma lui si vergogna e pensa che io sia soddisfatta lo stesso.Non è così.Ho avuto un amante che mi ha dato emozioni incredibilmente forti e mi ha fatto avere + di un orgasmo in una sera.Cosa posso fare a convincere muio marito a rivolgersi a qualcuno?A chi ci dobbiamo rivolgere? Sono convinta che ritrovata un' intesa sessuale anche il nostro rapporto migliorerà e si rafforzerà.

Cara Roberta devi assolutamente affrontare tuo marito e spigargli che l'attuale andamento sessuale è per te fonte di malessere e che il perdurare di questa situazione potrebbe portarvi a conseguenze estreme.Sei dotata di una sessualità vivace e sei anche molto giovane continuare ad avere rapporti frettolosi e poco appaganti potrebbe, nel proseguo del tempo, avere effetti negativi sulla tua serenità psichica. Al contrario trovo che la frequenza non è male, forse la trovi insoddisfacente paragonata all'attività pre-matrimoniale che sicuramente era più assidua. Questa diminuzione di rapporti si riscontra nella stragrande maggioranza delle coppie, ci sono persone che riferiscono che dopo poco dal matrimonio la frequenza dei rapporti è di una o due volte al mese. Questa diminuzione d'interesse verso la sessualità viene riferita all'aumento di responsabilità da parte di entrambi, alla presenza dei figli che a loro dire riducono il tempo per l'incontro o ancora all'affaticamento fisico e psichico derivante dalla convivenza. Le fantasie non hanno niente di sporco o di perverso sono solo la manifestazione di una sessualità non espressa pienamente, usarle come fonte d'eccitazione per entrambi è sano e può aiutarvi a sentirvi più complici.
Trovo molto importante intervenire sulla psicopatologia manifestata da tuo marito; in primo luogo perché è una patologia che ha prognosi favorevole se trattata da uno psicosessuologo con una terapia adeguata, in secondo per evitare di mandare in pezzi il vostro matrimonio. Per trovare l'esperto giusto puoi consultare la lista dei psicologi-psicoterapeuti pubblicata sul sito internet da "www. psicologi italiani.it"
Auguri

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

Spasmi affettivi

Gli spasmi affettivi sono manifestazioni caratterizzate dalla perdita temporanea di respiro conseguente ad una situazione di disagio o di rabbia del bambino. Q...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

News Letters

0
condivisioni