Pubblicità

sesso e matrimonio (47789)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 97 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Roberta, 25anni (29.1.2002)

Sono sposata da circa 5 anni e ho una bimba di 4.Mio marito è un buon compagno e un buon padre ma il problema sorge a letto.Da dopo il matrimonio facciamo l'amore sì o no 1-2 volte la settimana trovando tutte le scuse possibili:la stanchezza ,i turni di lavoro,la bambina che non dorme!e così diciamo che è normale farlo così poco e non avere tanta voglia di farlo.Poi da un pò di tempo mi eccito solo pensando ad altro a cose spinte e "sporche"che nella realtà non farei mai ma che mi eccitano molto e eccitano anche mio marito quando gliene racconto.A me dispiace questo perchè penso che due innamorati debbano eccitarsi anche solo con le semplici carezze e non sempre pensando a certe cose! Comunque il più grande problema a mio avviso è il fatto che mio marito soffra di eiaculazione precoce e ultimamente secondo me si è aggravato.La maggior parte delle volte io devo raggiungere l'orgasmo con la masturbazione.Tempo fa ho cercato di parlarne con lui , di rivolgersi al suo medico;ma lui si vergogna e pensa che io sia soddisfatta lo stesso.Non è così.Ho avuto un amante che mi ha dato emozioni incredibilmente forti e mi ha fatto avere + di un orgasmo in una sera.Cosa posso fare a convincere muio marito a rivolgersi a qualcuno?A chi ci dobbiamo rivolgere? Sono convinta che ritrovata un' intesa sessuale anche il nostro rapporto migliorerà e si rafforzerà.

Cara Roberta devi assolutamente affrontare tuo marito e spigargli che l'attuale andamento sessuale è per te fonte di malessere e che il perdurare di questa situazione potrebbe portarvi a conseguenze estreme.Sei dotata di una sessualità vivace e sei anche molto giovane continuare ad avere rapporti frettolosi e poco appaganti potrebbe, nel proseguo del tempo, avere effetti negativi sulla tua serenità psichica. Al contrario trovo che la frequenza non è male, forse la trovi insoddisfacente paragonata all'attività pre-matrimoniale che sicuramente era più assidua. Questa diminuzione di rapporti si riscontra nella stragrande maggioranza delle coppie, ci sono persone che riferiscono che dopo poco dal matrimonio la frequenza dei rapporti è di una o due volte al mese. Questa diminuzione d'interesse verso la sessualità viene riferita all'aumento di responsabilità da parte di entrambi, alla presenza dei figli che a loro dire riducono il tempo per l'incontro o ancora all'affaticamento fisico e psichico derivante dalla convivenza. Le fantasie non hanno niente di sporco o di perverso sono solo la manifestazione di una sessualità non espressa pienamente, usarle come fonte d'eccitazione per entrambi è sano e può aiutarvi a sentirvi più complici.
Trovo molto importante intervenire sulla psicopatologia manifestata da tuo marito; in primo luogo perché è una patologia che ha prognosi favorevole se trattata da uno psicosessuologo con una terapia adeguata, in secondo per evitare di mandare in pezzi il vostro matrimonio. Per trovare l'esperto giusto puoi consultare la lista dei psicologi-psicoterapeuti pubblicata sul sito internet da "www. psicologi italiani.it"
Auguri

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Disturbo bipolare dell'umore (…

settepassi, 63 Soffro da circa 8 anni di DISTURBO BIPOLARE dell' UMORE, almeno così mi è stato diagnosticato. ...

Area Professionale

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Articolo 23 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it prosegue, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'art.23 (compenso professionale) il commento settimanale che spiega ed ap...

Le parole della Psicologia

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

News Letters

0
condivisioni