Pubblicità

Sessualità (166314)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 576 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Jonathan, 43

D

 

 

Salve.
Frequento una donna da alcuni mesi. Ho casualmente scoperto che circa 4 anni fa ha avuto una relazione durata alcuni mesi come schiava BDSM...facendo cose inimmaginabili. Stiamo pianificando un futuro insieme, ma sono spaventato dall'idea che possano ripresentarsi in lei tendenze paraboliche.

Ne abbiamo parlato, e lei insiste a dirmi che è stato un periodo in cui stava male e di cui si vergogna profondamente, benché abbia avuto contatti epistolari con il master fino a poco più di un anno fa, giustificati col voler rendere umano un rapporto che di umanità non ne aveva.

Si possono davvero perdere tendenze masochista o devo aspettarmi delle ricadute? Premetto che dice di amarmi profondamente, mi ha coinvolto nel rapporto coi figli e abbiamo una vita sessuale molto intensa e soddisfacente...

Ringrazio anticipatamente.

 

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

R

 

 

Gentile Jonathan,

il tabù che aleggia intorno alla sfera sessuale conduce spesso a giudizi che coinvolgono la moralità, il pudore e il senso di vergogna. Tutto ciò dipende anche dalla tipologia di educazione sessuale che si è ricevuto in famiglia. I dubbi che palesi mi sembrano avvolti da un alone di pericolosità che può nascere dalla non conoscenza di questo mondo. Le pratiche BDSM (Bondage, Dominazione, Sadismo e Masochismo), si articolano in un panorama di fantasie sessuali tese alla soddisfazione del piacere. Esso deriva da giochi di potere, sia in ruolo attivo che passivo, e dalla sperimentazione dei limiti psico-fisiologici. Caro Jonathan, è improprio parlare di ricadute perché non siamo all'interno di un nucleo patologico della tua partner. Tali pratiche infatti basandosi sulla volontà dei partner sessuali ed essendo strutturate all'interno di sistemi di comportamento condivisi non rientrano nell'area patologica delle perversioni sessuali o delle parafilie. Sperimentare la propria sessualità non costituisce una malattia ma una scelta da non stigmatizzare. Riesco a comprendere il tuo disorientamento ma spero di averti rassicurato. Puoi non condividere le scelte sessuali pregresse della tua partner ma esse non minacceranno il vostro rapporto che, da quanto scrivi, sembra essere soddisfacente e progettuale.

Un caro saluto

(a cura della Dottoressa Valentina Bonaccio)

Pubblicato in data 22/09/2015

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

News Letters

0
condivisioni