Pubblicità

Differenze cerebrali tra l'autocontatto e il contatto altrui

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 236 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Il nostro cervello sembra ridurre la percezione sensoriale nell'area della nostra pelle quando tocchiamo noi stessi.

contatto

La ricerca della Linköping University pubblicata sul giornale "Proceedings of the National Academy of Sciences" (PNAS) migliora la nostra comprensione su come il nostro cervello differenzi tra l'essere toccati da altre persone e l'autocontatto.

L'abilità di distinguere tra il sè e l'altro è estremamente importante. Durante il primo periodo di vita, i neonati sviluppano una comprensione maggiore del loro corpo soprattutto quando vengono toccati dalle persone che si prendono cura di loro. I problemi con il concetto di sè, cosi come l'abilità di riconoscere le azione degli altri è comune in molti disturbi psichiatrici. Molte persone non riescono a solleticarsi da soli, invece molti pazienti con schizofrenia possono, questo suggerisce che il nostro cervello interpreta le percezioni sensoriali corporee in maniera diversa. Gli scienziati della Linköping University in Svezia hanno esaminato cosa succede nel Sistema Nervoso quando una persona viene toccata da altri, confrontandolo con quando una persona si tocca da sola. I ricercatori hanno mostrato che il cervello riduce il processamento della percezione sensoriale quando si verifica un autocontatto.

La pelle contiene recettori sensoriali che reagiscono al contatto, alla pressione, al caldo ed al freddo. Le informazioni sul contatto vengono trasmesse dai recettori al midollo spinale e poi al cervello, dove la percezione è processata in diverse fasi nelle varie regioni cerebrali. I ricercatori hanno sviluppato alcuni esperimenti che includevano partecipanti sani, stesi in una camera di risonanza magnetica, al fine di registrare immagini dell'attività cerebrale (fMRI). Ai partecipanti era richiesto di accarezzare lentamente il loro braccio con la mano oppure gli veniva detto che il ricercatore gli avrebbe accarezzato il braccio. I ricercatori investigarono su come questi due tipi di contatto fossero collegati alle attività nelle diverse parti del cervello.

"Noi abbiamo osservato una netta differenza tra l'essere toccati da qualcuno e l'autocontatto. Nell'ultimo caso, l'attività di molte parti del cervello era ridotta. Questa differenza si presenta precocemente nel midollo spinale, prima che le percezioni del contatto vengano processate nel cervello" ha spiegato l'autrice principale dello studio Rebecca Böhme, postdoc nel Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica al Centro di Neuroscienze Sociale ed Emotivo (CSAN) alla Linköping University. I risultati sono coerenti con una teoria che suggerisce che il cervello tenti di predire le conseguenze sensoriali di tutto quello che facciamo. Questo significa che il ruolo fondamentale viene svolto dalle percezioni sensoriali causate dal contatto con il nostro corpo, ancor prima rispetto al processamento delle informazioni nel cervello.

Pubblicità

In uno degli esperimenti, le braccia dei partecipanti venivano toccate da filamenti di diverso spessore mentre contemporaneamente venivano accarezzate da uno sperimentatore o da se stessi. I ricercatori mostrarono che l'abilita di sviluppare percezioni sensoriali simultanee era attenuata quando i partecipanti si toccavano da soli. Questo fenomeno potrebbe essere spiegato, ad esempio, se pensiamo alla situazione in cui proviamo a  massiaggiare il gomito dopo aver colpito l'estremita del tavolo (in questa situazione l'autocontatto tramite massaggio non viene percepito per via del dolore, ndr).

"I risultati del nostro studio suggeriscono che è presente una differenza precoce già nel midollo spinale nel processamento delle percezioni sensoriali tra l'autocontatto ed il contatto da altre persone. Questo è estremamente interessante. Nel caso del sistema visivo, la ricerca ha mostrato come il processamento della traccia visiva occorra precocemente nella retina, e potrebbe essere interessante osservare più nel dettaglio come il cervello moduli il processamento delle percezioni tattili a livello del midollo spinale" ha concluso Rebecca Böhme.

 

 

Tratto da ScienceDaily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: percezione tatto news di psicologia midollo spinale autocontatto

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identificazioni proiettive del bambino,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

Articolo 13 - il Codice Deonto…

Proseguiamo, con il commento all'art.13 (obbligo di referto o di denuncia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Le parole della Psicologia

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la gest...

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

News Letters

0
condivisioni