Pubblicità

I ricercatori hanno creato un dispositivo wireless cerebrale

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 196 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Un team di ricercatori dell'Università della California, Berkeley, ha sviluppato un nuovo neurostimolatore wireless che può simultaneamente ascoltare e stimolare corrente elettrica nel cervello, ideale come trattamento potenziale per i pazienti con disturbi quali epilessia e morbo di Parkinson.

dispositivo wireless stimolazione

Chiamato WAND (Dispositivo wireless di neuromodulazione libero da artefatti), questo dispositivo è sia wireless che autonomo, il che significa che può imparare a riconoscere i segni dei tremori e delle crisi epilettiche e poi aggiustare i parametri di stimolazione per impedire i movimenti involontari.

Nel dispositivo di neuromodulazione wireless proposto, due dei nuovi sensori saranno integrati in un luogo fuori dalla testa. Ogni sensore può monitorare l'attività elettrica di 64 elettrodi localizzati nel cervello, mentre simultaneamente esegue stimolazioni elettriche per interrompere crisi epilettiche e tremori. Stimolare e registrare segnali elettrici simultaneamente nel cervello è come se "si potessero osservare le piccole onde di un lago mentre si bagnano i piedi" - i segnali elettrici dal cervello sono schiacciati dagli ampi impulsi di elettricità emessi dalla stimolazione.

Al momento, uno stimolatore profondo cerebrale o interrompe la registrazione mentre viene eseguita una stimolazione elettrica, oppure registra una parte del cervello diversa da quelle in cui viene applicata una stimolazione - essenzialmente misurando le piccole onde in punti diversi del lago mentre si fa un bagno. "Per l'esecuzione di terapie basate su una stimolazione a circuito chiuso, il quale è un grande obiettivo per il trattamento di persone con Morbo di Parkinson ed epilessia ed una moltitudine di ulteriori malattie neurologiche, è molto importante sia effettuare registrazioni neurali sia stimolare contemporaneamente, poichè non esistono dispositivi cosi in commercio" ha spiegato la Dr. Samantha Santacruz che fa parte del team di ricerca.

Pubblicità

Il dispositivo WAND può registrare attività elettrica in 128 canali, o da 128 punti del cervello, a confronto con solo gli otto canali degli altri sistemi a circuito chiuso. Per dimostrare il loro dispositivo, gli scienziati usarono WAND per riconoscere e ritardare specici movimenti delle braccia nei macachi. Ai soggetti veniva insegnato l'uso del joystick per muovere un cursore in un luogo specifico. Dopo un periodo di allenamento, WAND è stato capace di rilevare le firme neurali che si verificavano quando i soggetti si preparavano ad eseguire il movimento, ed in seguito eseguiva una stimolazione elettrica che rallentava il movimento.

"Mentre ritardare i tempi di reazione è qualcosa che è stato già dimostrato, è invece la prima volta che viene sviluppato un sistema a circuito chiuso wireless basato solo sulla registrazione neurologica. In futuro, noi speriamo di incorporare l'apprendimento in piattaforme a circuito chiuso per costruire dispositivi intelligenti wireless per possono capire quale sia il miglior trattamento di stimolazione ed evitare che il dottore debba intervenire costantemente" ha concluso il leader del team Dr. Rikky Muller. Il dispositivo è stato descritto in un articolo pubblicato recentemente sul giornale "Nature Biomedical Engineering

 

 

Tratto da Sci-news

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: epilessia news di psicologia morbo di Parkinson wireless WAND stimolazione

0
condivisioni

Guarda anche...

Per saperne di più

La tecnica dell'EMDR

Desensibilizzazione e rielaborazione del ricordo traumatico La desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari (Eye Movement Desensitization Reprocessing), meglio nota come EMDR,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Schizofasia

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato. Questo disturbo ling...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters

0
condivisioni