Pubblicità

Il fumo e la schizofrenia: La comprensione e la rottura del ciclo della dipendenza

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2739 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)


Esiste una forte associazione tra dipendenza da nicotina e schizofrenia.


sigaretta 1La dipendenza da nicotina è la più comune forma di abuso di sostanza in soggetti con schizofrenia.


Un recente studio, condotto presso l'Università di Montréal, dimostra come la dipendenza da fumo nella schizofrenia può essere correlata all’aumentato dell’attività di alcuni circuiti cerebrali legati al meccanismo della ricompensa; questi ultimi generano nel fumatore una forte sensazione di piacere e gratificazione, seppur momentanea.

Lo studio è stato condotto su un campione di 42 persone: 18 fumatori schizofrenici e 24 fumatori senza patologie psichiatriche.

Nella prima fase della ricerca, i soggetti sono stati sottoposti alla visualizzazione di immagini legate al fumo e alla sigaretta.

Le risposte e le reazioni comportamentali di tutti i soggetti sono state valutate attraverso tecniche di neuroimaging. L’utilizzo di tale strumentazione ha permesso di confrontare le risposte cerebrali dei fumatori schizofrenici rispetto al gruppo di controllo.

Nella seconda fase, le risposte comportamentali di tutti i soggetti sono state analizzate attraverso l'utilizzo di questionari per valutare la sintomatologia depressiva legata alla visualizzazione delle immagini.

Dallo studio emerge che, durante l'esposizione delle immagine relative al fumo, nei fumatori schizofrenici, rispetto ai soggetti sani, vi è una maggiore attivazione neuronale di una specifica regione del cervello: Corteccia Prefrontale ventro-mediale (vmPFC). Tale regione è coinvolta nel sistema di ricompensa.

Infatti, l'utilizzo del questionario, rivela che i fumatori con schizofrenia hanno maggiori sintomi depressivi rispetto ai partecipanti del gruppo di controllo.

Queste osservazioni avvalorano ipotesi già formulate in  precedenza: gli schizofrenici hanno una maggiore attrazione e vulnerabilità a questa dipendenza.Di conseguenza smettere di fumare potrebbe essere molto difficile per questa categoria di pazienti.
Inoltre, l’astinenza dalla nicotina potrebbe peggiorare i sintomi psicotici.

Da queste premesse, i ricercatori suggeriscono l'esplorazione di nuovi percorsi e terapie sostitutive mirate a rompere il ciclo d'abuso.
E’ necessario, pero’, comprendere se la maggior attivazione di queste aree cerebrali della corteccia prefrontale ventro-mediale (vmPFC) è causata dalla malattia stessa o dagli effetti collaterali degli antipsicotici, utilizzati per il trattament della patologia schizofrenica.

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

 

 

Tags: schizofrenia sistema della ricompensa sigaretta reazioni abuso nicotina gratificazione sintomatologia depressiva

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

Effetto Zeigarnik

L’effetto Zeigarnik è uno stato mentale di tensione causato da un compito non portato a termine. L'effetto Zeigarnik descrive come la mente umana ha più faci...

Lallazione (le fasi)

La lallazione (o bubbling) è una fase dello sviluppo del linguaggio infantile che inizia dal quinto-sesto mese di vita circa. Essa consiste nell’em...

News Letters

0
condivisioni