Pubblicità

L'empatia è anche negli occhi di chi guarda

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 582 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (8 Voti)

Nella diade empatica in cui uno tra i due è la persona che offre la propria empatia e l'altra è colui che la accetta, recenti studi si sono soffermati su una figura extradiadica, l'osservatore, che non è coinvolto in prima persona ma può valutare la forma di empatia e decidere di non accettarla in base a dei criteri specifici.

Lempatia è anche negli occhi di chi guarda

La ricerca psicologica sull'empatia ha dato uno sguardo agli elementi che riguardano la situazione in cui i protagonisti sono una persona empatica e l'altra è colui con cui entra in relazione. Tuttavia esiste un terzo punto di vista che, anche se non partecipa attivamente, osserva l'evento tra l'empatizzante (colui che esprime empatia) e l'empatizzato (colui che riceve empatia), mentre chi assiste lo chiameremo l'osservatore.

Cercando una prospettiva extradiadica, in uno studio condotto dalla University of California, è stato esaminato come gli osservatori 'terzi' valutano gli empatizzanti e ciò accade in base a dei criteri precisi.

L'empatia è la capacità di comprendere lo stato d'animo altrui, ovvero di "mettersi nei panni dell'altro". Non tutti abbiamo questa capacità empatica di comprendere bene cosa l'altro prova, come l'altro si sente e anche se generalmente è una qualità innata apprezzabile, non in tutte le situazioni in cui viene osservata è ammirata.

È emerso che la 'valutazione dell'empatico' non era sempre positiva e che cambiava in base a chi la operava ma soprattutto in base a chi ne traeva giovamento, oltre alla tipologia dei temi affrontati nella relazione osservata e quindi dall'obiettivo empatico.

Nello studio è emerso che gli empatizzanti (rispetto ai non empatizzanti) di un'esperienza stressante erano rispettati/amati di più quando l'empatizzato era un esempio positivo (ad esempio, se la figura era di un medico del reparto pediatrico), ma non quando l'obiettivo era negativo (ad esempio, una figura rappresentata da un uomo, ricco che per vivere applicava esperimenti sugli animali).

Nel complesso, gli empatizzanti sono stati visti come più coinvolti, ma in misura minore quando rispondevano ad una esigenza di un target negativo.

Pubblicità

 

Quando l'obiettivo dell'empatia piace, i due protagonisti vengono valutati come un duo che opera insieme, esprimendo una:

  •  valenza positiva dell'empatia (cioè, "mi piace l'empatia e chi la applica")
  •  valenza positiva del bersaglio (cioè, "mi piace il bersaglio empatico") sono allineati, dando luogo a valutazioni positive degli empatizzanti.

Quando l'obiettivo non era condiviso la frase spesso pronunciata dall'osservatore era "quella persona sta esprimendo empatia verso qualcuno che non mi piace" mettendo in dubbio anche colui che mostrava empatia.

Quindi, provando a mettere in ordine, i protagonisti sono:

  • colui che mostra empatia (empatizzante)
  • il contesto e la persona che viene accolta e compresa (empatizzato)
  • colui che osserva l'azione (osservatore extradiade)

Gli scenari possibili sono:

  • colui che mostra empatia, che se empatizza con qualcuno di apprezzabile, è accettato agli occhi dell'osservante
  • colui che esprime empatia, se la attua verso un altro, con il quale l'osservatore non condivide il pensiero, non è accettato.

Gli effetti sull'osservatore posso essere di tre tipi:

  • positivo, nel caso in cui la persona empatica rispecchia dei canoni e la persona empatizzata abbia un obiettivo che è condiviso dall'osservatore.
  • negativo, nel caso in cui la persona empatica corrisponde agli standard di apprezzabilità e fiducia ma la motivazione della persona che riceve empatia non è in linea con il modo di pensare dell'osservante

Riassumendo la simpatia e il rispetto delle persone diminuiscono per coloro che entrano in empatia con individui moralmente discutibili, come suggerisce la ricerca nel Journal of Personality and Social Psychology. I ricercatori hanno reclutato 3.342 partecipanti negli Stati Uniti per sette studi online. In tutti gli studi, hanno presentato ai partecipanti vari scenari in cui un individuo ha risposto all'esperienza personale condivisa di un altro individuo con empatia o neutralità. I partecipanti hanno apprezzato e rispettato l'empatizzante fintanto che rispettavano anche l'obiettivo dell'empatizzato. Quando i partecipanti non approvavano l'obiettivo dell'empatizzato (p. Es., A causa di convinzioni etiche o politiche), i partecipanti non hanno tanto apprezzato e rispettato l'empatizzante.

In alcuni studi, i partecipanti preferivano persino quando l'empatizzante sceglieva di condannare piuttosto che entrare in empatia con il personaggio non gradito.

 

 

Riferimento:

  • Journal of Personality and Social Psychology. Evaluations of Empathizers Depend on the Target of Empathy. Y. Andre Wang and Andrew R. Todd Online First Publication, September 17, 2020. doi.org/10.1037/pspi0000341

 

 

 

 

{a cura della dott.ssa Assunta Giuliano}

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

Tags: empatia osservatore credibilità

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Psicologia professione sanitar…

di Catello Parmentola La Legge 3-2018 ha configurato la Psicologia come professione sanitaria ma la questione ha una complessità culturale ed epistemologica ch...

Le parole della Psicologia

Desiderio

Tra Freud e Lacan: Dalla ricerca dell’Altro al Desiderio dell’Altro. Il desiderio, dal latino desiderĭu(m), “desiderare”, fa riferimento ad un moto intenso d...

Lapsus

Il lapsus (in latino "caduta/scivolone") è un errore involontario consistente nel sostituire un suono o scrivere una lettera invece di un’altra, nella fusione d...

Disturbo Istrionico di Persona…

Disturbo di personalità caratterizzato da intensa emotività e costanti tentativi di ottenere attenzione, approvazione e sostegno altrui, attraverso comportament...

News Letters

0
condivisioni