Pubblicità

Le droghe rendono le persone più creative?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 894 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

L'assunzione di alcune droghe incrementa realmente la creatività delle persone? Ci sono ancora pochi studi scientificamente provati a riguardo, nonostante sia un argomento molto discusso in vari ambiti.

drogheMolte persone, tra cui alcuni artisti di spicco, affermano che l'uso di sostanze psicoattive come l'LSD aumenta la loro creatività. Ma molti studi hanno suggerito che il legame tra droga e creatività è ancora un'incertezza scientifica.

"La creatività è spesso associata all'uso di sostanze (nei media o tra gli utenti di sostanze), tuttavia non è chiaro se questa ipotesi abbia o meno un supporto scientifico", ha spiegato l'autore dello studio Zsolt Demetrovics della Eötvös Loránd University.

"Questo è quello a cui eravamo interessati. Volevamo vedere se si trattava di un mito o se vi erano scoperte scientifiche che sottolineavano questa ipotesi".

Pubblicità

I ricercatori hanno condotto una ricerca sistematica e hanno scoperto 14 studi empirici e cinque studi di casi riguardanti la relazione tra sostanze psicoattive e creatività.
Demetrovics ha affermato che era sorprendente quanto fosse poca la poca ricerca condotta ancora oggi, sull'argomento.

"Rispetto a quantosi parla di ciò nei media, non sappiamo praticamente nulla su questo problema. Abbiamo trovato soltanto quattordici studi empirici esistenti; e questo è un numero molto basso."

La ricerca passata ha avuto diversi problemi metodologici, come piccole dimensioni del campione, metodi di valutazione non standardizzati e dati self-reported.

Questo studio, ha trovato nella ricerca passata un'associazione generale tra creatività e uso di sostanze. Ma non è riuscito a fornire alcuna prova sostanziale del fatto che l'uso di droghe aumentasse direttamente la creatività. "I risultati da noi trovati non hanno rivelato alcun collegamento diretto tra i due", ha detto Demetrovics.

Vi era qualche prova che i soggetti con maggiore creatività avevano maggiori probabilità di usare droghe. E c'erano altresì alcune prove che le droghe potevano alterare in modo significativo l'approccio stilistico/artistico di una persona, senza necessariamente aumentarne la produzione creativa.

In uno studio qualitativo comprendente 72 artisti, Demetrovics  ha rilevato che: la maggior parte dei partecipanti affermava che l'alcol e la cannabis avevano contribuito a facilitare la creatività. Inoltre, i soggetti riferivano ai ricercatori che le droghe potevano essere utilizzate come "strumenti per bilanciare gli stati emotivi estremi che di solito sono presenti durante il processo creativo".

Fruzsina Iszáj e Mark D. Griffiths, sono co-autori dello studio “Creativity and Psychoactive Substance Use: A Systematic Review”.

 

Tratto da Psy Post

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Emanuela Torrente)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: creatività droghe news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Autotopoagnosia

L'autotopoagnosia è un disturbo di rappresentazione corporea, clinicamente raro, in cui è presente l'incapacità di indicare le parti del corpo. Nella maggior p...

Dejà vu - Dejà vecu

Da due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribu...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters

0
condivisioni