Pubblicità

Le persone possono mentire per sembrare oneste

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 781 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Se gli eventi che si sono rivelati a nostro favore sembrano troppo belli per essere veri potremmo mentire per sembrare persone oneste.

Le persone possono mentire per sembrare oneste

Secondo una ricerca pubblicata dall'American Psychological Association le persone possono sentirsi a disagio di fronte a situazioni che sembrano essere eccessivamente a loro favore tanto da ritenere necessario inventare una giustificazione per rendere tutto più credibile agli occhi di chi le ascolta.

"Molte persone si preoccupano molto della loro reputazione e di come saranno giudicate dagli altri, e la preoccupazione di apparire onesti può superare il nostro desiderio di essere effettivamente sinceri, anche in situazioni in cui mentire ci costerà dei soldi", afferma Shoham Choshen-Hillel, ricercatore e docente presso l'Università di Gerusalemme, aggiungendo che "I nostri risultati suggeriscono che quando le persone sperimentano situazioni estremamente favorevoli, anticipano le possibili reazioni sospette degli altri e preferiscono mentire, cercando di apparire onesti, piuttosto che dire la verità ed eventualmente apparire come bugiardi ed egoisti".

Lo studio ha trovato risultati simili sulla menzogna per apparire onesti in una serie di esperimenti condotti con avvocati e studenti universitari in Israele e partecipanti online negli Stati Uniti e in Gran Bretragna ed è stato pubblicato dal Journal of Experimental Psychology: General.

In uno studio condotto in Israele, ad un campione composto da 115 avvocati è stato dato il compito di immaginare uno scenario in cui hanno detto a un cliente che un caso su cui avrebbero lavorato sarebbe costato, in fattura, tra le 60 e le 90 ore di lavoro. Il cliente non era a conoscenza delle reali ore di lavoro e a metà dei partecipanti è stato detto di aver lavorato 60 ore sul caso, mentre all'altra metà è stato detto di aver lavorato 90 ore, quindi è stato chiesto loro quante ore avrebbero fatturato al cliente. Nel gruppo delle 60 ore, gli avvocati hanno riferito, al cliente, una media di 62,5 ore, con il 17% del gruppo che mente per gonfiare le proprie ore. Nel gruppo di 90 ore, gli avvocati hanno riferito al proprio cliente, una media di 88 ore, con il 18% del gruppo che ha mentito per riferire meno ore di quelle effettivamente lavorate.

Quando è stata chiesta una spiegazione per le ore dichiarate e fatturate ai loro clienti, alcuni avvocati del gruppo di 90 ore hanno affermato di temere che il cliente pensasse di essere stato truffato perché il loro avvocato aveva mentito sul numero di ore fatturabili.

Pubblicità

In un'altra ricerca, condotta su di un campione composto da 149 studenti di un'università israeliana, è stato chiesto di giocare, in modalità segreta, al lancio dei dadi e delle monete su una piattaforma online, nel quale era prevista una vincita di 15 centesimi per ogni partita vincente. Il programma di gioco è stato manipolato per metà degli studenti in modo da ottenere punteggi perfetti, mentre l'altro gruppo ha avuto risultati basati sul caso. Quando è stato chiesto al campione di riferire i propri punteggi ad un ricercatore, il 24% dei partecipanti con il punteggio perfetto ha sottostimato il numero di vittorie anche se gli è costato denaro, rispetto al 4% nel gruppo con risultati casuali.

"Solo alcuni dei partecipanti hanno riferito la loro avversione verso la menzogna e i costi monetari coinvolti solo per apparire onesti", ha detto Choshen-Hillel.

Per ciò che riguarda un altro esperimento online, ad un campione di 201 adulti provenienti dagli Stati Uniti è stato chiesto di immaginare uno scenario in cui hanno guidato in molti viaggi di lavoro per conto di un'azienda che aveva un tetto massimo di indennità mensile pari a circa 650 Km. È stato anche detto loro che la maggior parte dei dipendenti riportava un conteggio che oscillava tra i 450 e i 500 Km al mese.

A metà dei partecipanti è stato riferito di aver guidato per circa 400 Km in un mese, mentre all'altra metà è stato detto di aver guidato per 650 Km circa. Quando ai partecipanti è stato chiesto di dichiarare quanti chilometri avrebbero riportato, il gruppo di 400 Km ha detto la verità e ha riportato una media di 401 Km circa. Per il gruppo di 650 Km, i partecipanti hanno riportato una media di 460 Km, con il 12% che ha mentito e ha sottostimato il proprio chilometraggio. Ci sono stati risultati simili in un altro esperimento online con 544 partecipanti nel Regno Unito.

Choshen-Hillel è convinto che i risultati dello studio si potrebbero applicare a molte situazioni della realtà quotidiana, ma potrebbero esserci situazioni in cui la quantità di denaro o altre alte poste in gioco porterebbero le persone a dire la verità anche a costo di sembrare disoneste.

"Anche se le nostre scoperte possono sembrare ironiche, penso che la maggior parte delle persone sarà in grado di individuare un momento della propria vita in cui erano motivata a dire una bugia per apparire onesta", ha affermato il ricercatore.

 

Journal Reference:

  1. Shoham Choshen-Hillel, Alex Shaw, Eugene M. Caruso. Lying to appear honest.Journal of Experimental Psychology: General, 2020; DOI: 10.1037/xge0000737

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: onesti

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

Demenza Semantica

Con la locuzione demenza semantica o SD (dall'inglese semantic dementia) si fa riferimento ad un particolare tipo di demenza frontotemporale il cui esordio è ca...

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia, mentre le altre componenti del linguaggio risultan...

News Letters

0
condivisioni