Pubblicità

Lite tra coppie: ai nostri neuroni piace la mediazione

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 492 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Quando le coppie litigano, la mediazione da parte di terzi migliora l'esito del confronto.

Lite tra coppie ai nostri neuroni piace la mediazione

 
Ma non è tutto: la mediazione è anche legata all'accresciuta attività nelle regioni chiave del cervello appartenenti al circuito della ricompensa- questa è la principale conclusione di uno studio condotto da scienziati dell'Università di Ginevra (UNIGE) e pubblicato sulla rivista Cortex.
L'esperimento consisteva nel fornire a coppie questionari comportamentali e sottoporli a risonanza magnetica funzionale (fMRI) prima e dopo una sessione in cui i due partner discutono.
Le coppie che hanno ricevuto una mediazione attiva hanno riportato una maggiore soddisfazione rispetto alle coppie non mediate alla fine del conflitto.
Una maggiore attivazione nel nucleo accumbens, una regione chiave nel circuito di ricompensa, è stata anche identificata nel gruppo di mediazione rispetto al gruppo di controllo.
Questa è la prima volta che uno studio controllato e randomizzato è riuscito a dimostrare i vantaggi della mediazione per i conflitti di coppia e ad identificare una relativa firma biologica.

"Sappiamo da numerosi studi che pensare all'amore romantico e al tuo partner romantico attiva il cosiddetto circuito della ricompensa nel cervello, che è associato a sentimenti di piacere e motivazione", inizia Olga Klimecki, ricercatrice presso il Centro svizzero di scienze affettive (CISA) e nella Facoltà di psicologia e scienze dell'educazione dell'UNIGE. "Fino ad ora, tuttavia, non sapevamo l'impatto che il conflitto di coppia e la mediazione di una terza parte avrebbero potuto avere su questa attivazione. È stato proprio per colmare questa lacuna che abbiamo ideato il nostro studio."

Per condurre il loro esperimento, i ricercatori hanno arruolato 36 coppie eterosessuali (per motivi statistici e per confronto con studi precedenti) che erano monogame (secondo le dichiarazioni rese dalle coppie stesse) e che stavano insieme da almeno un anno.
Prima di venire a UNIGE, i partecipanti dovevano controllare un elenco di 15 soggetti standard (suoceri, sessualità, finanze, faccende domestiche, tempo trascorso insieme, ecc.) che spesso alimentavano il conflitto con il proprio partner.

Fonti di conflitto

"Abbiamo quindi invitato i partecipanti a iniziare una discussione su uno di questi argomenti", spiega Halima Rafi, dottoranda presso la Facoltà di Psicologia e Scienze dell'Educazione, e prima autrice dell'articolo. "Alcune delle coppie hanno scelto una casella spuntata da entrambi i partner.
Altri hanno preferito iniziare su un argomento che solo uno dei partner ha considerato una fonte di conflitto. Funzionava altrettanto bene, se non meglio.
I primi dieci minuti erano generalmente un po 'imbarazzanti, ma poi le cose hanno iniziato a fluire con un'impressionante naturalezza, e inevitabilmente si sono concluse in conflitto ".
 
La sessione, durata un'ora, è stata accompagnata da un mediatore professionista che ha mediato la disputa nella metà dei casi.
Nell'altra metà, il mediatore è rimasto del tutto passivo.
I partecipanti hanno completato un questionario comportamentale prima e dopo la discussione per misurare il loro stato emotivo.
In ogni coppia l'attività cerebrale di un membro è stata misurata prima e dopo la disputa mentre venivano mostrate immagini del loro partner romantico o immagini di una persona sconosciuta.
 

Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 


Disattivazione generale

I dati dei questionari indicavano che le coppie che avevano beneficiato della mediazione attiva erano più brave a risolvere i conflitti, erano più soddisfatte del contenuto e dei progressi della discussione e avevano meno disaccordi residui.

"Per quanto riguarda i risultati del neuroimaging", continua Rafi, "le attivazioni prima del conflitto hanno replicato studi precedenti sull'amore romantico, mostrando un modello di attivazione in regioni cerebrali come lo striato e la corteccia orbitofrontale. Dopo la disputa, abbiamo osservato logicamente una disattivazione generale in entrambi i gruppi nelle regioni associate all'amore romantico, compreso lo striato ".

Al contrario, confrontando le coppie che hanno ricevuto una mediazione attiva con quelle che non lo hanno fatto, i ricercatori hanno scoperto che il primo tendeva ad avere una maggiore attivazione nel nucleo accumbens dopo il conflitto, che è una regione chiave nel circuito di ricompensa del cervello.
Inoltre, i partecipanti che si sono sentiti più soddisfatti dopo la risoluzione del conflitto avevano anche l'attivazione del nucleo più alto accumbens quando guardavano il loro partner romantico rispetto a una persona sconosciuta.

"I nostri risultati suggeriscono, per la prima volta, che la mediazione di terzi ha un impatto significativo e positivo sul modo in cui le coppie discutono, sia dal punto di vista comportamentale che neurale", conclude Klimecki. "Questa firma biologica dell'amore romantico è molto interessante perché non può essere manipolata nello stesso modo in cui potrebbe essere una risposta a un questionario.
Ora vorremmo continuare la ricerca e vedere, ad esempio, se possiamo misurare effetti simili nei conflitti di un tipo diverso e non necessariamente relativo all'amore ".
 
 

Reference:

Halima Rafi, François Bogacz, David Sander, Olga Klimecki. Impact of couple conflict and mediation on how romantic partners are seen: An fMRI study. Cortex, 2020; 130: 302 DOI: 10.1016/j.cortex.2020.04.036

 
 
 

Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 
 
 

Tags: cervello conflitto mediazione coppie

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Dejà vu - Dejà vecu

Da due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribu...

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. ...

News Letters

0
condivisioni