Pubblicità

Lo stress quotidiano influisce sulla salute a lungo termine

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1689 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Una nuova ricerca scopre che è importante imparare come evitare il persistere dello stress trascinandolo al giorno successivo.

stress lungotermineGli investigatori hanno scoperto che le persone che consentono alle loro risposte emotive negative allo stress di persistere nel giorno seguente hanno un aumentato rischio di problemi di salute e limitazioni fisiche più avanti nella vita.

"La nostra ricerca mostra che le emozioni negative che persistono anche dopo eventi minori di stress e fattori di stress quotidiani hanno importanti implicazioni per la nostra salute fisica a lungo termine", ha detto la scienziata psicologica Kate Leger, una studentessa di dottorato all'Università della California, Irvine.

Pubblicità

"Quando la maggior parte delle persone pensa ai tipi di fattori di stress che hanno un impatto sulla salute, pensa alle grandi cose, ai principali eventi della vita che hanno un impatto grave sulle loro vite, come la morte di una persona cara o il divorzio", ha detto Leger.

"Ma l'accumulo di scoperte suggerisce che non sono solo i grandi eventi, ma anche piccoli stress quotidiani che possono avere un impatto sulla nostra salute". Imparare a "lasciar perdere" è un fattore importante per migliorare la salute a lungo termine.

I risultati della ricerca appaiono in Psychological Science, una rivista dell'Associazione per la scienza psicologica.

Mentre studi precedenti suggeriscono una chiara associazione tra le risposte giornaliere allo stress e il benessere a lungo termine, la nuova indagine voleva valutare l'impatto delle risposte emotive persistenti.

Cioè, fa la differenza se un fattore di stress - come una gomma a terra, un brutto voto o un argomento - porta a emozioni negative che si riversano nel giorno seguente?

Per scoprirlo, Leger e colleghi Drs. Susan T. Charles e David M. Almeida hanno analizzato i dati della mezza età in un sondaggio negli Stati Uniti, uno studio longitudinale rappresentativo a livello nazionale degli adulti.

Come parte dello studio, i partecipanti hanno completato un sondaggio di 8 giorni sulle emozioni negative; ogni giorno, hanno riferito per quanto tempo delle precedenti 24 ore avevano provato una varietà di emozioni (ad esempio, solitarie, impaurite, irritabili, arrabbiate). Hanno anche riferito dei fattori di stress che hanno vissuto ogni giorno.

Quindi, in una parte successiva dello studio che si è svolta 10 anni dopo, i partecipanti hanno completato sondaggi che hanno valutato le loro malattie croniche e limiti funzionali. I partecipanti hanno riportato il grado in cui sono stati in grado di svolgere compiti di base e quotidiani, come vestirsi da soli, salire una rampa di scale, trasportare generi alimentari e camminare per diversi isolati.

Come previsto, le persone tendevano a segnalare un'emozione negativa più alta se avevano sperimentato un fattore di stress il giorno precedente rispetto a se non avessero sperimentato alcun fattore di stress il giorno prima. Inoltre, le analisi hanno rivelato che le persistenti emozioni negative (in risposta a un fattore di stress) erano associate a un maggior numero di problemi di salute, tra cui malattie croniche, menomazioni funzionali e difficoltà nelle attività quotidiane, un decennio dopo.

Queste associazioni sono state scoperte indipendentemente dal sesso, dall'istruzione e dalla salute di base dei partecipanti. Il legame tra stress e salute è continuato anche dopo che i ricercatori hanno preso in considerazione le risposte emotive dei partecipanti e il numero medio di fattori di stress.

"Ciò significa che i risultati di salute non riflettono solo il modo in cui le persone reagiscono ai fattori di stress quotidiani, o il numero di fattori di stress a cui sono esposti - c'è qualcosa di unico nel modo in cui si sentono negativi il giorno successivo che ha conseguenze importanti per la salute fisica", ha detto Leger.

Leger e colleghi ipotizzano che questo collegamento possa svolgersi attraverso l'attivazione di sistemi legati allo stress o attraverso comportamenti riguardanti la salute, due potenziali meccanismi che offrono strade per la ricerca futura.

"Lo stress è comune nelle nostre vite quotidiane. C'è sul lavoro, c'è a scuola, c'è a casa e nelle nostre relazioni", ha detto Leger. "La nostra ricerca mostra che la strategia di "lasciar perdere" potrebbe essere vantaggiosa per la nostra salute fisica a lungo termine".

 

Tratto da Psychcentral

 

(Traduzione e adattamento a cura del Dottor Antonio Morgia)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: stress salute lungo temine stressor

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficolta' a dimenticare [159…

Alidra82, 38 anni Gentili dottoriIl mio problema puo' sembrare molto banale, ma e' un problema che limita molto la mia vita e da cui non riesco a liberarmi...

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

News Letters

0
condivisioni