Pubblicità

Impulsività

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 7694 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

ImpulsivitàL’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e proprio disturbo di personalità.

L’impulsività è il comportamento costituito da azioni o scelte compiute sotto la spinta di un’impellente pulsione, e contraddistinto da scarso o mancato intervento di un controllo inibitorio appropriato.

Cioè la persona tende ad avere una ridotta considerazioni delle conseguenze.

Le caratteristiche fondamentali sono:

  • Incapacità di resistere ad un impulso, a un desiderio impellente o alla tentazione di compiere un’azione pericolosa per sé o per gli altri;
  • Il soggetto avverte una sensazione crescente di tensione o di eccitamento prima di compiere l’azione, e in seguito prova piacere, gratificazione o sollievo nel momento in cui commette l’azione stessa;
  • Inseguito, possono subentrare o meno i sentimenti di rimorso, autoriprovazione o senso di colpa.

L’impulsività, come dimensione psicopatologica fa riferimento all’impulsività aggressiva, al gioco d’azzardo, alle spese eccessive, alla sessualità a rischio, alla guida spericolata, alla tossicofilia e alla bulimia.

E’ possibile distinguere una impulsività motoria comportamentale ed un’impulsività cognitiva o attenzionale.

L’impulsività comportamentale è caratterizzata dall’azione sulla spinta del momento con incapacità di trattenersi dall’eseguire una o più azioni che vengono da esse prepotentemente stimolate.

Essa è riferibile ad un’alterata modulazione degli aspetti appetitivi ed emozionali in presenza di adeguate funzioni cognitive esecutive.

L’impulsività cognitiva si manifestano ‘scelte impulsive’, cioè decisioni prese con scarsa riflessione circa le possibili alternative e/o le possibili conseguenze. Si esprime con una rapida, ma incompleta valutazione del contesto, deficit attenzionale e difficoltà a mentalizzare.

L’impulsività cognitiva si accompagna alla compromissione delle funzioni cognitive esecutive ed il comportamento impulsivo trova una sua facilitazione nel mancato controllo volizionale e cognitivo.

Misure psicometriche

Per misurare la componente motoria dell’impulsività si utilizzano paradigmi (come quelli classici del tipo go-no go) in cui non è prevista alcuna possibilità di scelta, bensì viene richiesto al soggetto di posporre un’azione.

Per misurare la componente cognitiva dell’impulsività si ricorre, invece, a paradigmi (come quelli del tipo multi-choice reaction time, «tempo di reazione in condizioni di scelta multipla») che necessitano di un processo decisionale in cui è richiesta la scelta tra due o più possibilità alternative.

Pubblicità

Alcuni autori ritengono che livelli diversi di impulsività insorgano nei singoli individui perché essi sperimentano una differente percezione degli intervalli di tempo.

Su questa base, i soggetti potrebbero sovrastimare (o sottostimare) la durata degli intervalli temporali e perciò percepire un aumentato (o un diminuito) costo psicologico dell’attesa richiesta.

In conseguenza di ciò, potrebbero essere più portati a evitare (o tollerare) il ritardo delle ricompense o molto meno (o molto più) motivati a scegliere una ricompensa più grande ma procrastinata.

Questa nozione è compatibile sia con il modello dei sistemi multipli sia con quello moltiplicativo iperbolico. Infatti, l’influenza sul processo decisionale di questo bias di percezione temporale potrebbe avvenire secondo due diverse modalità.

Nel primo caso, il processo cognitivo di valutazione o stima semiquantitativa, circa le gratificazioni ottenibili per unità di tempo, viene alterato; ciò può tradursi o meno nella motivazione a sostenere i necessari sforzi di autocontrollo durante l’attesa richiesta.

Nel secondo caso, un’alterata percezione degli intervalli di tempo avrebbe un impatto diretto sulla velocità di svalutazione soggettiva nel valore affettivo assegnato alla ricompensa.



Per approfondimento

  • Dizionario di psicoanalisi. Con elementi di psichiatria psicodinamica e Psicologia Dinamica. Di Petrini, Renzi, Casadei, Mandese
  • Funzioni esecutive, impulsività e disturbo borderline di personalità. Meduri M., Muscatello M.R.A., Cambria R., Campolo D., Cortese L., Bruno A., La Torre D
  • Impulsività. Enciclopedia Treccani

 

(A cura della dottoressa Angela Chiara Leonino)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: impulsività, parole della psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

Psicosomatica

La psicosomatica è una branca della psicologia che ha  lo scopo di identificare  la connessione tra un disturbo somatico e la sua natura psicologica. ...

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

News Letters

0
condivisioni