Pubblicità

Sarà possibile tradurre i pensieri umani in linguaggio?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 267 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un team di ricercatori della Columbia University ha sviluppato un sistema di interfaccia cervello-computer che traduce i segnali cerebrali in linguaggio riconoscibile ed intelleggibile.

linguaggio computer

Dal monitorare l'attività cerebrale di una persona, il sistema può ricostruire le parole che una persona ascolta con una chiarezza senza precedenti.

La scoperta, riportata sul giornale scientifico "Scientific Reports", potrebbe guidare ad un nuovo modo per i computer di comunicare direttamente con il cervello, e permettere di aiutare le persone che non possono parlare. "Le nostri voci aiutano a connetterci con i nostri amici, la nostra famiglia ed il mondo attorno a noi, per cui non poter parlare a causa di un disturbo o una lesione è molto sconfortante.

Con lo studio di oggi, noi abbiamo uno strumento potenziale per far recuperare la parola. Noi abbiamo mostrato che, con la giusta tecnologia, i pensieri di queste persone possono essere codificate e comprese da un ascoltatore" ha spiegato l'autore senior, il Dr. Nima Mesgarani, capo ricercatore al "Mortimer B. Zuckerman Mind Brain Behavior Institute" della Columbia University.

I tentativi precedenti di codificare i segnali cerebrali del Dr. Mesgarani e dei colleghi si focalizzavano su modelli computerizzati semplici che analizzavano gli spettrogrammi (rappresentazioni visivi di frequenze sonore). Ma poichè questo approccio è stato fallimentare nel produrre qualunque tipo di linguaggio riassemblato intelleggibile, il team scelse di affidarsi ad un vocoder (sintetizzatore vocale), un algoritmo al computer che sintetizzasse il linguaggio, dopo una pratica con le registrazioni vocali delle persone.

"Questa è la stessa tecnologia utilizzata da Amazon Echo o Apple Siri per dare risposte vocali alle nostre domande. Noi abbiamo chiesto a pazienti epilessici che erano stati operati al cervello, di ascoltare delle frasi di differenti persone, mentre misuravamo gli schemi di attività cerebrale. Questi pattern (schemi) neurali era utili come pratica per il vocoder" ha spiegato il Dr. Mesgarani.

Pubblicità

Successivamente, i ricercatori chiedevano agli stessi pazienti di ascoltare le voci delle persone che, stavolta, dicevano una cifra da 0 a 9, mentre registravano i segnali cerebrali che sarebbero poi stati utili al vocoder nella produzione di linguaggio. Il suono prodotto dal vocoder in risposta ai segnali cerebrali dei pazienti era analizzato e pulito dai network neurale, un tipo di intelligenza artificiale che imita la struttura dei neuroni del cervello biologico.

Il risultato finale era una voce robotica che recitava una sequenza di numeri. Per testare l'accuratezza della registrazione, gli scienziati chiedevano agli individui di ascoltare la registrazione e riportare quello che ascoltavano. "Noi abbiamo scoperto che le persone potevano comprendere e ripetere il suono per il 75% del tempo. Il miglioramento nell'intellegibilità era evidente soprattutto confrontando le nuove registrazioni con i tentativi precedenti tramite lo spettrogramma.

Il vocoder ed i network neurale rappresentavano i suoni originali che i pazienti avevano ascoltato con una accuratezza sorprendente" ha concluso il Dr. Mesgarani. Gli autori dello studio ora stanno pianificando di testare parole e frasi più complicate e vorrebbero eseguire gli stessi test dei segnali cerebrali emessi sia quando una persona parla sia quando immagina di parlare. Infine, loro sperano che il loro sistema possa far parte di un impianto, simile a quello indossato da qualche paziente epilettico, che traducesse i pensieri di chi lo indossa direttamente in parole.

 

 

Tratto da Sci-news

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: linguaggio epilessia computer news di psicologia vocoder intelligenza artificiale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Disturbo bipolare dell'umore (…

settepassi, 63 Soffro da circa 8 anni di DISTURBO BIPOLARE dell' UMORE, almeno così mi è stato diagnosticato. ...

Area Professionale

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Articolo 23 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it prosegue, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'art.23 (compenso professionale) il commento settimanale che spiega ed ap...

Le parole della Psicologia

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine ...

Temperamento

La psicologia definisce temperamento “L’insieme di disposizioni comportamentali presenti sin dalla nascita le cui caratteristiche definiscono le differenze indi...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

News Letters

0
condivisioni