Pubblicità

Scoperto un trattamento promettente per disturbo disforico premestruale, PMDD

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 492 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I sintomi mentali del disturbo disforico premestruale migliorano dopo il trattamento con un modulatore del recettore del progesterone.

Scoperto un trattamento promettente per disturbo disforico premestruale PMDD

Il meccanismo d'azione del farmaco in studio fornisce informazioni sui potenziali meccanismi molecolari alla base di questo disturbo e del suo trattamento.

È noto da tempo che il ciclo mestruale può influenzare l'umore e il benessere delle donne. Per la maggior parte delle donne in età riproduttiva, questo si manifesta in sintomi lievi che non necessitano di alcun trattamento, ma per il 3-5% delle donne, i cambiamenti ormonali durante il ciclo mestruale portano a sintomi mentali disabilitanti: disturbo disforico premestruale (PMDD ).

I modulatori selettivi del recettore del progesterone si legano e inibiscono i recettori del progesterone nel cervello. Questa è una classe relativamente nuova di farmaci sviluppata per il trattamento dei fibromi uterini e dell'endometriosi.

In questo studio clinico multicentrico, in doppio cieco, controllato con placebo, i ricercatori dell'Università di Uppsala, del Karolinska Institutet e dell'Università di Umeå, tutti in Svezia, hanno dimostrato per la prima volta l'efficacia di un modulatore selettivo del recettore del progesterone come trattamento per la PMDD.

Secondo lo studio ora pubblicato sull'American Journal of Psychiatry, il modulatore del recettore del progesterone riduce principalmente i sintomi mentali della PMDD, come irritabilità e depressione.

La metà delle donne (50%) che hanno ricevuto il trattamento è migliorata completamente, mentre la proporzione corrispondente di donne che hanno ricevuto il placebo è stata del 21%.

Pubblicità

"Gli effetti collaterali sono stati lievi e si spera che lo sviluppo in corso di modulatori del recettore del progesterone ben tollerati renderà questa opzione di trattamento per i pazienti con PMDD", afferma il professor Inger Sundström-Poromaa del Dipartimento per la salute delle donne e dei bambini e del Centro per la salute mentale delle donne durante la durata della vita riproduttiva (WoMHeR) presso l'Università di Uppsala.

Guardando al futuro, i ricercatori stanno attualmente studiando come il modulatore del recettore del progesterone influenzi il cervello nelle donne con PMDD.

Mediante neuroimaging del cervello di questi pazienti prima e durante il trattamento, utilizzando la risonanza magnetica, i ricercatori mirano a definire le firme cerebrali strutturali e funzionali che possono spiegare il sollievo dei sintomi della PMDD.

I risultati della ricerca saranno un pezzo importante del puzzle per migliorare la nostra comprensione dei meccanismi alla base del PMDD, affermano i ricercatori.

Oggi, il trattamento di prima linea per la PMDD è costituito dagli inibitori della ricaptazione della serotonina.

Sebbene questi farmaci siano molto efficaci, non sono adatti a tutte le donne e le opzioni di trattamento aggiuntive sono utili.

Inoltre, sarebbe auspicabile disporre di un trattamento che affronti in modo più specifico i meccanismi alla base di questo disturbo psichiatrico.

 

Reference:

  1. Erika Comasco, Helena Kopp Kallner, Marie Bixo, Angelica L. Hirschberg, Sara Nyback, Haro de Grauw, C. Neill Epperson, Inger Sundström-Poromaa. Ulipristal Acetate for Treatment of Premenstrual Dysphoric Disorder: A Proof-of-Concept Randomized Controlled Trial. American Journal of Psychiatry, 2020; appi.ajp.2020.2 DOI: 10.1176/appi.ajp.2020.20030286

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

MECCANISMI DI DIFESA

Quando parliamo di meccanismi di difesa facciamo riferimento ad un termine psicoanalitico che individua i processi dinamici e inconsci mossi dall’Io per fronteg...

Aggressività

In psicologia indica uno stato di tensione emotiva generalmente espresso in comportamenti lesivi e di attacco. Nel corso degli anni l’aggressività è stata co...

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

News Letters

0
condivisioni