Pubblicità

Un'anormale pressione sanguigna aumenta il rischio di demenza

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 334 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

In uno studio che ha attraversato due decenni e mezzo e ha esaminato i dati di oltre 4.700 partecipanti, i ricercatori del Johns Hopkins Medicine hanno aggiunto delle prove che la pressione arteriosa anormale, nella mezza età e che persiste nella tarda età, aumenta la probabilità di sviluppare demenza.

ipertensione pressione sanguigna demenza

Sebbene non progettato per mostrare causa ed effetto, lo studio suggerisce che mantenere una pressione sanguigna sana per tutta la vita può essere un modo per aiutare a ridurre il rischio di perdere le funzioni cerebrali.


"I nostri risultati suggeriscono che la pressione arteriosa durante la mezza età può influenzare il modo in cui la pressione sanguigna in seguito nella vita si collega al rischio di demenza", afferma Keenan Walker, Ph.D., assistente professore di neurologia presso la Johns Hopkins University School of Medicine.

"Abbiamo scoperto che gli individui con ipertensione arteriosa nella mezza età possono trarre beneficio dal portare la loro pressione sanguigna a livelli normali in età avanzata, poiché avere una pressione sanguigna troppo alta o troppo bassa nella vita avanzata può aumentare ulteriormente il rischio di demenza".

Nel loro studio, hanno scoperto che le persone in condizione di ipertensione arteriosa durante la mezza età e durante l'avanzare della vita, avevano il 49% in più di probabilità di sviluppare la demenza rispetto a quelli con la pressione sanguigna normale in entrambi i momenti della vita.

Un rischio maggiore era soffrire di ipertensione durante la mezza età e quindi avere una bassa pressione sanguigna nella tarda età, che ha aumentato il rischio di demenza del 65%. I risultati sono stati pubblicati su JAMA.

Pubblicità


Qualsiasi misura superiore a 140/90 millimetri di mercurio è stata considerata pressione arteriosa elevata, mentre la bassa pressione sanguigna è stata definita inferiore a 90/60 millimetri di mercurio.

Un esame cognitivo, rapporti degli infermieri, codici di dimissioni dell'ospedale e certificati di morte sono stati usati per classificare le funzioni cerebrali dei partecipanti e per determinare la compromissione cognitiva.

L'ipertensione può essere genetica, ma può anche essere il risultato di un esercizio fisico insufficiente e di una cattiva alimentazione.

Walker afferma che la demenza stessa può portare ad un abbassamento della pressione sanguigna, poiché può interrompere il sistema nervoso autonomo del cervello.

Irrigidimento delle arterie causato dalla malattia e fragilità fisica può anche portare a bassa pressione sanguigna in età avanzata.

Secondo il Centers for Disease Control and Prevention, 75 milioni di persone negli Stati Uniti soffrono di ipertensione e quest'ultima può aumentare il rischio di malattie cardiache e altre condizioni di salute.



FONTE:

  • Keenan A. Walker, A. Richey Sharrett, Aozhou Wu, Andrea L. C. Schneider, Marilyn Albert, Pamela L. Lutsey, Karen Bandeen-Roche, Josef Coresh, Alden L. Gross, B. Gwen Windham, David S. Knopman, Melinda C. Power, Andreea M. Rawlings, Thomas H. Mosley, Rebecca F. Gottesman. Association of Midlife to Late-Life Blood Pressure Patterns With Incident Dementia. JAMA, 2019; 322 (6): 535 DOI: 10.1001/jama.2019.10575




Articolo a cura del dottor Andrea di Maio




Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: demenza news di psicologia pressione sanguinga

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Convinzione occhi storti (1568…

mirko, 31 Dottori perdonate il disturbo. Sono un ragazzo di 31 anni e sono quasi 5 anni che vorrei capire una cosa che mi sta facendo diventare letteralmen...

Non riesco più a vivere (15667…

Francesca007, 25 Tutto inizia dai miei 17 anni, quando capisco di non essere abbastanza per i miei genitori. Mio papà mi teneva chiusa in casa come se foss...

Superare un tradimento (156741…

Lucrezia, 42 Salve, sto con il mio compagno da 12 anni, conviviamo. All'inizio del 2019 abbiamo cominciato ad avere qualche incomprensione a causa del suo ...

Area Professionale

Articolo 34 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.34 (sviluppo scientifico della professione), prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che se...

I vantaggi di sfruttare i Bann…

Proseguiamo con l'illustrazione degli strumenti che ci consentono di migliorare la nostra Brand Awareness professionale e di acquisire nuova visibilità e nuova ...

Articolo 33 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.33 (lealtà e colleganza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

News Letters

0
condivisioni