Pubblicità

Articolo 19 - il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani commentato

0
condivisioni

on . Postato in Il Codice Deontologico degli Psicologi commentato articolo per articolo | Letto 1603 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.19 (selezione e valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spiega ed approfondisce gli articoli del Codice Deontologico degli Psicologi Italiani

Articolo 19 il Codice Deontologico degli Psicologi Italiani commentatoArticolo 19

Lo psicologo che presta la sua opera professionale in contesti di selezione e valutazione è tenuto a rispettare esclusivamente i criteri della specifica competenza, qualificazione o preparazione, e non avalla decisioni contrarie a tali principi.

Un commento molto essenziale per un articolo molto essenziale.

Articolo e relativo commento sono nel flusso del discorso fatto a proposito dell’articolo precedente: restiamo in zona ‘responsabilità sociale – etica attiva’.

Etica attiva perché è promozione di benessere ogni circolazione di qualità che viene attivata, ogni lavoro ben fatto, ogni rigoroso standard in ogni ambito e contesto.

Perché ogni cattiva qualità, ogni bruttezza, ogni passaggio scadente, sgraziato o opaco nell’organizzazione e nella forma del reale, nelle relazioni e nei comportamenti sociali, nelle scelte e nelle produzioni di ognuno, incuba punti generativi del disagio.

Quasi sempre, il punto generativo del disagio coincide con una quota di inumano da stanare.

È sottile il confine ideologico tra la cura dell’anima delle persone e la cura dell’Anima del Mondo.

Così sottile che si descrive quasi una forma di incoerenza e di contraddizione se ad un modo di esercitare la cura professionalmente non conseguisse una sensibilità sociale e un impegno -in qualche modo politico- a migliorare le cose attorno ed incarnare esempi positivi come persone.

Nel commento all’articolo precedente, abbiamo evocato a paradigma di questa incoerenza, la figura del medico, con riferimento ovviamente ad una logica di Sistema e non certo ad un giudizio di valore sul singolo professionista.

Tutti i discorsi si tengono assieme perché il Disagio è generato nel mondo, è nutrito dal mondo, si manifesta nel mondo.

L’inumano che professionalmente staniamo in ognuno è un riflesso, causa e conseguenza, dell’inumano nel mondo, la forma del reale, il tempo sociale.

Per questo, il Codice Deontologico degli Psicologi è tanto informato di etica attiva e dà tanta importanza alla promozione del benessere a questo livello.

Gli scorretti contesti di selezione e valutazione sono un interessantissimo paradigma del male di un tempo sociale che può generare un male soggettivo.

Non rispettare esclusivamente i criteri della specifica competenza, qualificazione o preparazione determina una patogena sovversione di un criterio quasi biologico: meritare e valere quello che si ottiene, esserne all’altezza per poterlo sostenere.

Pubblicità

Significa avere sempre Servizi e contesti professionali disfunzionanti perché retti da personale mal selezionato, significa avere l’incompetenza e la squalificazione tecnica ai vertici gestionali.

Significa avere una società informata di corruzione e comparaggi, nepotismi e familismi a contrastare il merito, la qualità, le transizioni generazionali ecc.

Significa frustrare il talento, promuovere ideologie sociali negative, escludere, mortificare e perdere  le parti migliori di mondo.

Avere soggetti deboli e dipendenti, abituati ad appoggiarsi e cercare scorciatoie e, per questo, non abbastanza solidi, strutturati ed adulti da essere competitivi sui mercati di respiro meno provinciale.

Avere un Paese debole e dipendente, abituato ad appoggiarsi e cercare scorciatoie e, per questo, non abbastanza solido, strutturato ed adulto da essere competitivo sui mercati di respiro meno provinciale.

Con ricadute sulla qualità della vita di tutti e di ognuno.

Con ricadute di disagio e malessere nell’economia intrapsichica di tanti.

Si tratta di territori e oggetti professionali dello psicologo nel suo esercizio professionale.

Territori ed oggetti professionali che lo psicologo ha il riflesso professionale a connettere con i contesti, con le relazioni, con i punti generativi nel mondo.

Tutti gli articoli di Etica attiva del Codice deontologico lo spronano a non dimenticarlo non appena mette il piede fuori dal suo Studio; gli chiedono di essere profondamente identificato come psicologo, di non intendere in modo ‘separato’ la propria professione.

Di portare i propri paradigmi etici nel mondo e in ogni proprio contesto di esercizio di una qualche forma di responsabilità sociale della propria professione.

Di cercare di essere sempre, nella società, promotore di istanze sane e di qualità.

Di farlo anche quando presta la sua opera professionale in contesti di selezione e valutazione.

Rispettando sempre e solo  i criteri della specifica competenza, qualificazione o preparazione.

E non avallando mai decisioni contrarie a tali principi.

 

Settimana dopo settimana prosegue il nostro commento di tutti gli articoli del Codice Deontologico degli Psicologi Italiani. L'appuntamento è per la prossima settimana con il commento all'Articolo 20. Non mancate.

In questa pagina trovate tutti i commenti finora pubblicati!

(a cura del Dottor Catello Parmentola e dell'Avvocato Elena Leardini)

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

Tags: Codice Deontologico degli Psicologi Italiani

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Mi piace una ragazza brutta [1…

Daniel, 36 anni Vengo subito al punto: in poche parole mi piace tantissimo una ragazza piuttosto brutta di aspetto. Io stesso ne vedo i molti difetti, ad e...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Complesso di Edipo

Il nome deriva dalla leggenda di Edipo, re di Tebe, che, inconsapevolmente, uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta. Nella teoria psicoanalitica, indica...

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

Voyeurismo

Il Voyeurismo (dal francese  voyeur che indica chi guarda, “guardone”)  è un disordine della preferenza sessuale. I voyeur sono quasi sempre uomini c...

News Letters

0
condivisioni