Pubblicità

Il consenso informato

0
condivisioni

on . Postato in Vita da Psicologo | Letto 2012 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute mentale o psicoterapeutica, o per la partecipazione a un progetto di ricerca o ad uno studio clinico.

consenso informatoPer definire il consenso come “informato”, il cliente deve innanzitutto acquisire una chiara comprensione dei fatti, dei rischi e dei benefici pertinenti e delle alternative disponibili.

Il concetto di consenso informato nasce dal riconoscimento che gli individui hanno diritto: alla libertà, all'autonomia e alla dignità umana.

I clienti, sia in regime di ricovero che in regime ambulatoriale, possiedono questi diritti e non possono essere negati i loro diritti a causa dello stato o delle condizioni di salute mentale.

Piuttosto che vedere il consenso informato come un singolo evento in cui un cliente firma sulla linea tratteggiata alla fine di un lungo documento dettagliato, è visto come un dialogo tra terapeuta e cliente e come processo decisionale in cui i clienti prendono decisioni basate sulla discussione e l'informazione.

In generale, un individuo ha il diritto di decidere cosa gli viene proposto e quale tipo di trattamento (medico, clinico o sperimentale) ricevere.

È dovere etico dello psicologo e dello psicoterapeuta assicurare che le persone prendano decisioni informate e sensate sulla propria assistenza sanitaria e qualsiasi coinvolgimento con la ricerca sulla salute mentale, le sperimentazioni cliniche o il trattamento.

Il consenso informato nel campo della psicologia è estremamente importante ed è più rilevante in psicoterapia, consulenza, valutazioni tramite test e impostazioni di ricerca.

Lo standard di cura in psicoterapia, valutazione psicologica e ricerca sulla salute mentale richiede che i clienti siano informati in modo che comprendano appieno la natura degli interventi o delle procedure proposte.

Il consenso informato è anche rilevante nelle situazioni in cui terapeuti e clienti comunicano via e-mail e quando un cliente autorizza un terapeuta a rilasciare informazioni riservate o a registrare una sessione.

Ci sono molte altre situazioni in cui viene applicato il consenso informato.

Il consenso informato non solo protegge il cliente ma anche il clinico. Ottenendo il consenso informato, il clinico possiede una prova scritta del consenso.

A meno che un cliente non sia in grado di fornire prove del fatto che sia stato disinformato o non sia stato in grado di fornire il consenso, il documento firmato può ridurre al minimo il rischio per il clinico nel caso in cui la questione finisca in tribunale.

In tali procedimenti, un consenso scritto di solito si sovrapporrà legalmente in seguito alla negazione del consenso informato da parte di un cliente.

Il consenso è più spesso usato prima dell'inizio della terapia, della consulenza o della valutazione psicologica.

Viene anche usato per autorizzare gli psicoterapeuti a rilasciare o rivelare informazioni riservate sui pazienti che stanno trattando o che hanno trattato.

Il processo di messa in sicurezza del consenso informato prevede tre fasi, ognuna delle quali comporta lo scambio di informazioni tra terapeuti e cliente.

Pubblicità

Molti studiosi sottolineano che il consenso informato non è solo un documento firmato, in quanto implica un processo, un dialogo o una discussione tra un terapeuta ed un cliente.

Generalmente, il processo di consenso informato comprende tre parti: fornire al cliente informazioni, valutare la capacità del cliente di comprendere le informazioni e, infine, ottenere il suo consenso.

Di seguito sono brevemente discusse queste tre parti:

Il terapeuta deve comunicare la natura, i rischi ed i benefici della procedura, del trattamento, della ricerca o di qualsiasi altra eventualità a cui il cliente acconsente. Ciò include anche l'autorizzazione del terapeuta a rilasciare informazioni, comunicare via mail, registrare una sessione e via dicendo. In questa fase il cliente può porre domande ed essere coinvolto in un dialogo o una discussione con il terapeuta. Il clinico dovrebbe anche delineare alternative praticabili al trattamento (se ce ne sono) ed enfatizzare l'elemento di scelta (se presente), permettendo così al cliente di avere una visione chiara su tutte le opzioni.

Al cliente dovrebbero anche essere presentate informazioni sui risultati più probabili del trattamento, sul rilascio di informazioni e via dicendo. È molto importante che le informazioni siano presentate in modo chiaro e semplice.

Il terapeuta deve valutare se la persona ha la capacità di comprendere le informazioni ed è competente a prendere una decisione informata in merito alla propria assistenza sanitaria, al trattamento o ad altri eventi.

Una volta che questo è stato determinato, e il terapeuta ha fornito le informazioni necessarie, il terapeuta deve determinare se le informazioni fornite sono state comprese o meno. Il terapeuta deve essere in grado di garantire che il cliente comprenda e accetti chiaramente i rischi inerenti alla procedura, al rilascio o al trattamento. Quando appropriato e possibile, il clinico può verificare che l'individuo sta procedendo con l'opzione identificata con chiara conoscenza e previdenza sui suoi rischi e benefici.

Infine, il cliente deve riconoscere di essere stato informato ed esprimere il proprio consenso informato.

Il contenuto del consenso informato varia da situazione a situazione; generalmente una descrizione dell'intervento, trattamento, procedura e rilascio di informazioni devono essere articolate e, se del caso e pertinente, vengono presentati i rischi ed i benefici, le opzioni alternative e via dicendo.

Rischi e benefici e l'esatta natura del trattamento sono a volte chiare e altre volte devono essere approfondite. Tuttavia, in altre situazioni, sono vaghi e non facilmente spiegabili.

L'estensione e la profondità delle informazioni fornite variano da una situazione all'altra.

La valutazione della custodia dei figli, ad esempio, spesso implica un consenso elaborato sui rischi, come avere meno tempo con il proprio figlio o la necessità di pagare di più per l'assistenza ai figli.

Allo stesso modo, le valutazioni forensi, le prescrizioni farmacologiche possono richiedere un consenso elaborato.

Il consenso a rilasciare informazioni spesso include aspetti, come ad esempio chi è l'entità a cui vengono rilasciate le informazioni, quale tipo di informazioni devono essere rilasciate, scopo del rilascio e limite di tempo o periodo in cui tale rilascio è autorizzato.

Lo standard di cura in psicoterapia, valutazione psicologica e ricerca sulla salute mentale richiede pertanto che i clienti siano informati in modo che comprendano, nel modo più completo possibile, la natura degli interventi o delle procedure proposte.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

Se ti interessa questo argomento puoi anche consultare l'articolo -->  Documenti utili allo psicologo

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

Tags: psicoterapia psicologo psicoterapeuta pratica clinica consulenza psicologica consenso informato utente cliente assessment

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non so più che fare (153056873…

Alessia, 16     Non so più che fare, passo ogni giorno come se fossi in una bolla dove solo io sono in grado di capirmi, non si più davvero dove ...

Ansia, paura agitazione a caus…

Linda, 20     Salve, sono linda ho da un anno paura del vento, quando è forte pensavo mi fosse passata ma a quanto pare non è cosi anche perché o...

Paura di stare soli (153061543…

Alice, 25     Buongiorno, tra qualche mese andrò a convivere con il mio ragazzo ma quando ci penso non riesco a stare tranquilla. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Dipendenza

La dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Int...

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

Narcisismo

La parola "narcisismo" proviene dal mito greco di Narciso. Secondo il mito Narciso era un bel giovane che rifiutò l'amore della ninfa Eco. Come punizione, fu d...

News Letters

0
condivisioni